Archivi del mese: febbraio 2004

Non c'è che dire, mi…

Non c’è che dire, mi piace, e ve la ripropongo!

DDUI EST CUSTU NOTTESTA

Ddui est custu nottesta
Duas tentas de biancu ispaccant su scurìu
Una in terra frimma
Imbùssat is fromas
S’atra sèmpiri movi movi
Nci imbùccant in sa notti e no tòrrant agoa
Sa cilixia at imbussau is vasus
In cust’isporgentzia an-ca no ddui pàssat nemus
Su bentu incrùbat is matas e tìrat is filus de sa sàtia
An-ca nemus prus ispraxit s’orroba
Nci seu lòmpiu a s’atra parti de sa personi tua
Mali posta e dromia
E in d’una pratza ‘e lettu mi nci seu imboddicau
In su callentu de su corpus cosa tua.

C’E’ QUESTO STANOTTE

C’è questo stanotte
Due distese di bianco spezzano l’oscurità
Una a terra immobile
ricopre le forme
l’altra in continuo movimento
penetra nella notte e si ritrae
il gelo ha ricoperto i vasi
su questo terrazzo dove non andiamo mai
il vento piega gli alberi e tende i fili
dove nessuno stende più i fili della biancheria
ho scavalcato il tuo corpo
scomposto nel sonno
e nella parte di letto mi sono avvolto
nel tuo calore

Il brano è dei Massimo Volume, l’album "Da quì". Poche note di chitarra e la voce recitante.

Buona lettura


InterrogatoriuIs…

Interrogatoriu
Iscrii:
Seu arabu,
su nùmuru de sa carta ‘e identidadi mia est 50.000.
Tengiu otu fillus,
su de noi at a arribai s’istadi chi ‘enit.
Iscrii:
seu arabu,
ispaccu perda cun is cumpànjus mius
po ndi podi tènniri unu bìcculu ‘e pani
e unu libru po is fillus.
No domandu piedadi ne mi incrubu
inantis a su guvernu siunista.
Iscrii:
Seu arabu,
seu unu nòmini chentze titulu,
frimu in d’unu mundu ‘e pressi.
Is arraixinas mias nci càllant a fundu:
a prus de seculus,
a prus de su tempus.
Seu fillu de s’aràdulu,
de pòbora genìa messaia.
Bivu in d’una àurra de ebra sicca e cannas.
Pilus: nieddus luxentis.
Ogus: nieddus.
Sa kefia mia
iscarràfiat is manus de chini dda tocat.
E po praxeri iscrii,
a s’acabu de-i totu custu:
no odiu a nemus,
no furu a nemus.
Ma candu tengiu famini,
mi ndi papu sa petza de chini mi derròbada.
Castiaisì de-i su famini miu,
castiaisì de-i s’arrennegu miu.
 * * *

Interrogatorio

Scrivi:
Sono un Arabo,
il numero della mia carta d’identità è 50.000.
Ho otto figli,
il nono arriverà la prossima estate.
Scrivi:
Sono un Arabo,
spacco la pietra coi miei compagni
per cavarne fuori un tozzo di pane
e un libro per i miei figli.
Ma non chiedo pietà e non mi curvo
davanti al dominio sionista.
Scrivi:
Sono un Arabo,
sono un nome senza titolo,
stabile in un mondo frenetico.
Le mie radici sono piantate in profondità:
oltre i secoli,
oltre il tempo.
Sono figlio dell’aratro,
dell’umile stirpe contadina.
Vivo in una capanna di canne e sterpi.
Capelli: neri lucenti.
Occhi: scuri.
La mia kefiyah
graffia le mani di coloro che la toccano.
E per favore scrivi,
a conclusione di tutto ciò:
non odio nessuno,
non derubo nessuno.
Ma quando ho fame,
mangio la carne di chi mi depreda.
Guardatevi dalla mia fame,
guardatevi dalla mia ira!
 
Mahmud Darwish

 


Stefano BENNIHo …

Stefano BENNI

Ho venduto un pezzo di cannone

poi le ruote e un altro pezzo di cannone

la culatta e l’otturatore

il mirino e un altro pezzo di cannone

e altri tre pezzi di cannone

e adesso c’è uno in televisione

che dice che mi spara col mio cannone

chi lo sapeva che coi pezzi di cannone

avrebbe fatto un cannone?

Se lo avessi saputo

mica avrei accettato l’ordinazione.

Ho venduto cento elicotteri

con relativo armamento

e un sistema puntamento missili

e un sistema anti-sistema di puntamento

adesso l’elicottero è lì che spia

come un falco sopra casa mia.

 Se lo avessi saputo cosa voleva fare

non gli avrei venduto la testata nucleare

era così distinto, un vero signore

chi poteva sapere che era un dittatore?

 Se avessi saputo che un cliente

può diventare un nemico

della mia patria

dell’Occidente

vi giuro gente

lo giuro sui figli

lo giuro su Gesù

gli avrei fatto pagare

il cinquanta per cento in più.

Da qui si vede

la mia buona fede.

[Estratto da: Stefano BENNI, Ballate,

Feltrinelli, Milano 1991, pp. 79-80]


La ricetta delle zep…

La ricetta delle zeppole (s’arretzeta de is tzipulas)
Crasi, Giobia Lardaiolu, "Giovedì Grasso", in domu papaus "tzipulas". Si pràcint? Pigai paperi e pinna e iscriei s’arretzeta. :
·           500 g. de farra 0

·           1 patata

·           13 g. de lievitu ‘e birra (scallau in d’una lagrima      de latti)
.           Latti , mesu litru po impastai
·           1 ou
·           Sali
·            Tzaferanu
·           Mesu tassa de Filu ‘e ferru (Acuardenti)
.           1 arangiu (sceti su sùcciu)
·           Ollu de olia po friri (mellus s’ollu de procu)
·           Tzùcuru (po ndi ponni a pitzus candu funti cottas)

Chi ndi boleis de prus bàstat a addopiai sa cantidadi.

Tandus, coei una patata in acua buddia, iscroxaidda e istrecaidda.

In d’unu tianu, o scivedda, impastai sa farra cun sa patata iscallada, ponei luegu su lievitu (ca si no nci pònit tropu tempus po lievitai), aciungei s’ou, aciungei su tzafaranu (iscallau in su latti), aciungei su succiu de arangiu, ponei s’acuardenti e un’ispitzulu de sali. Tandus depeis ponniri sa manta po imbussai sa scivedda, o su tianu, po una bella pariga de oras. Cando arribat s’ora ponei a callentai s’ollu de olìa (mellus chi est de procu), ghetainci is corrias de pasta lievitada fàttas a tuntus in s’ollu e friei, cun d’unu schidoneddu ddas depeis girai de basciu a susu po friri mellus. Candu funti cumentzendi a èssiri arrubiatzas tiraineddas de s’ollu, donendi a cura de no ddis lassai istiddius de ollu a pitzus, a s’acabu poneiddi su tzucuru, aicci funt prontas a papai.

Saludi e trigu a totus


Sos brinchidos de ba…

Sos brinchidos de bardaneri

Brinco in s’arretza ca soe capassu
Tandos detzido ite narrer de su meu pensamentu
Cando bisito una e-i s’ateru zassu
Leggo, tandos, de ite si tratat in d-unu momentu

Duncas lestru punto "su sorighe" cun sa manu
In cussa fentanedda ‘e s’argumentu
L’Aperjo impresse iscriendeli su cummentu
Apustis bi torro, ma binas s’in cras manzanu

Custu est su compitu de Su Bardaneri
Naschidu pro regalare bisos e pensamentos
cada die bisitat amigas e amigos

Amentende a totus s’amore sou pro s’isula, batalleri
Cumandada e isfruttada dae sos istranzos
Bos naro totu custu in sardos versos

I salti di Bardaneri

Saltello in rete perchè capace
Allora decido cosa dire su che penso
quando visito uno e l’aktro sito
Leggo, allora, di che si tratta in un momento

Dunque svelto punto "il mouse" con la mano
in quella finestrella dell’argomento
l’apro in fretta scrivendoci il commento
dopo ci torno, ma anche l’indomani

questo è il compito di bardaneri
nato pe regakare sogni e pensieri
ogni giorno visita amiche ed amici

ricordando a tutti il suo amore per l’isola, battagliero
comandata e sfruttata dai forestieri
vi dico tutto questo con versi sardi

saludos a totu sos blogadores
(mirae de non mancare su bintiunu de frearzu in Casteddu contras sas bases militares)

 


LA RACCOLTA DELL'ASF…

LA RACCOLTA DELL’ASFODELO 

L’asfodelo, "s’iscrarìa", è una pianta spontanea molto frequente in Sardegna. Si raccoglie nei mesi primaverili, quando la pianta comincia a sbocciare e nel momento in cui ha la giusta malleablità. Da tempi immemori la raccolta dell’asfodelo, così come l’intreccio, "s’iscrarionzu", era compito delle donne. Spesso arrivava l’aiuto dell’uomo e della famiglia. La raccolta iniziava alle prime luci dell’alba, cosicchè si riusciva a raccogliere decine di fasci.
Le ragazze della barbagia andavano a piedi, per raccogliere "s’iscrarìa", lontano dal paese, anche per qualche chilometro . Una volta raccolti, i fasci venivano trasportati in paese, quindi si mettevano a mollo, "a modde", con le pietre (di granito, roccia pesante e assai diffusa nei luoghi) per ammorbidire le fibre; in un secondo momento venivano stesi ad asciugare.
Le donne dall’alba al tramonto, sedute su uno sgabello, "tupeddu", e con il coltello, "sa leppa", preparavano "sas corrias", lacci di asfodelo che si intrecciavano ottenendo i famosi recipienti usati per contenere gli alimenti più disparati (farina, legumi, dolci), "sas corbes, corbulas e canisteddos", a seconda delle dimensioni.
Dopo di che si vendevano tramite ambulante che vendeva la merce in giro per i paesi, oppure le donne stesse che con i familiari le vendevano nelle sagre paesane.
Il frutto de "s’iscrarionzu" rappresentava, soprattutto nel dopoguerra, una fonte di sostentamento per la famiglia. Io ho questo ricordo dell’infanzia, "amentos de pitzinnia", in primavera, con mio padre …

S’Iscrarìa

Amentos de cando fui in pitzinnìa
Noch’andabamus  cun babbu, a s’impuddile,
Peri sos sartos a brincos in beranile,
Bessidos prestu a cuberare s’iscraria

Dae sos montes c’arribavat su bentu
Semper carrigu de nuscos e fritulanu.
Mentras si che pesabat dae manzanu
Su sole rie rie e totu cuntentu.

Bolàbana subra sas matas puzoneddos
In sas baddes paschìana cabras e erbeghes
E nois puru cuntentos amaniande sos muntones

De iscraria, pro fagher corbes e canisteddos;
Apustis chi nonna nd’iscrariabat a dosìnas
Las bendiabamus cun babbu peri sas festas.

 

 

 

 


VITA QUOTIDIANA …

VITA QUOTIDIANA

Sono ormai alcuni giorni che ci penso. Chi ero prima di oggi. Voglio dire se mi conoscevo come mi conosco ora. O ancora, se sto vivendo la mia vita, quotidiana; oppure se questa è la vita di un altro me. Chissà di quanto tempo fa; intendo dire di una vita parallela. Quando guardo le pecore al pascolo, gli agnellini che giocano e saltano rincorrendosi, o succhiano il latte; il cane pastore che ad ogni piccolo rumore aguzza le orecchie e mi guarda come attendesse un ordine.
Io sopra uno spunzone roccioso che domina il circostante, di fronte … il mare, e proprio sotto, a strapiombo, il lato nord di Cala Luna. La spiaggia è vuota, finalmente. Il mare increspato. Una barca in lontananza, non distinguo il colore. Un leggero odore di salsedine misto al profumo di lentischio, cisto e corbezzolo.
Sono ormai alcuni giorni che ci penso.
Ora mi ricordo.
Lavoravo in una fabbrica al nord, mi pare fosse a Monaco, in Germania. "Mi paret o fortzis fut in Dortmund". Ero addetto alle presse. Tutti i giorni lo stesso lavoro. "Su matessi triballu". Certo la paga era buona, anche se ogni tanto mi dicevano, nella loro lingua, "non capisci niente", "tutti uguali gli italiani". Io per davvero non capivo niente. "No cumprendio nudda aberu". Capivo solo ciò che mi interessava. Il resto no! Non mi apparteneva. Fino a quando un giorno, la tragedia. "Unu dannu mannu". Il mio collega di lavoro, Antonicu, con cui dividevo il tempo, … uscire a bere una birra, parlare, mangiare. Il mio collega, "su cumpanzu meu", che dormiva con me ed altri 10 sardi, in baracca. Eravamo tutti amici, lui più degli altri. "Issu de prus". Forse per distrazione o per una fatalità. Viene schiacciato dalla pressa. Una morte atroce. "Mischinu iscuartarau dae sa machina". Quella faccia con gli occhi sbarrati, piena di sangue,  "prena de sambene, chin sos ocros ispraurios", ce l’avevo impressa, come marchiata a fuoco, nella memoria, "no che la podio iscatzare". Non voleva più uscire fuori. Poi non ricordo. "No mi l’amento prus …"
Ieri è venuto a trovarmi mio cugino. "Fradile meu". Ha l’ovile vicino al mio, appena a tre chilometri di camminata. Abbiamo parlato del prezzo del latte, del pascolo, poi … "amus mandicau … apustis …" … si, dopo, abbiamo mangiato qualcosa insieme.
… Poi, ora si che mi ricordo.
Dopo la morte di Antonicu ho vagato ramingo in mezza Europa. "Cumente unu bundu". Come un’anima in pena. In Olanda, Spagna, …"in continente". … A un certo punto, "a unu tzertu puntu, como eia, mi l’amento, apo bidu sa nave. Apo forrogau in buzaca e tenio su dinare de s’urtima busta-paga tedesca". Proprio così con i soldi dell’ultima busta paga ho comprato il biglietto della nave, i soldi li avevo ancora in tasca. "Apo comporau su bullete e soe partidu cara a Sardinna. Apo prantu totu su biazu. E non cumprendìo poite". Ho pianto senza sapere il perché. Certo, ora lo so, piangevo perché tornavo nella mia terra. Non sapevo dove. Ma dovevo tornare. "Oje soe inoche", oggi sono quì. Chissà se davvero questo fa parte del mio passato. "Mi paret de sicuru ca est goi. Mi paret". Mi sembra.
Domani vado in paese,"a bidda", chissà da quanto tempo non torno. "No mi l’amento". Non ricordo. "… Fortzis, perou, si mutiat Zubanne, … nono, fut Marieddu, eia o fortzis aberu Antonicu. Fortzis". Chissà se si chiamava proprio così. Ora non è più importante chi era e … chi sono.
"Como no tenet prus importansia, chie soe".

… Sono ormai alcuni giorni che ci penso. Chi ero prima di oggi. Voglio dire se sto vivendo la mia vita, quotidiana, oppure se….( … )
Ora dormo. Sta arrivando la primavera ("su beranu"). Ora dormo …

(… Chi ero prima di oggi…. ; ora …..
……………….
…. dormo …dor … mo )
……