Archivi del mese: aprile 2004

IstudentePitzinn'a…

Istudente

Pitzinn’ancor’in custu mundu’e rude
in bratzos a su vissiu ti ses dadu!
Babbu to’ a s’iscola t’at mandadu
sognende in testa tua una virtude,

ma tue, a pipp’atzesa, sa salude
ses perdinde, su libr’ismentigadu
As in tot’e a s’ozi’as cundennadu
sa pretziosa tua gioventude.

Ses appen’isbuciadu dae s’ou,
e cale can’isolt’e cadena
a sa oghe ‘e su vissiu pones mente.

E non pentzas chi betzu babbu tou
andat famid’a zorronad’anzena,
pro ti mantenner semper istudente.
– Peppinu Mereu – (1872-1901)

Studente

Ancor fanciullo in questo mondo,
di getto ti sei consegnato ai vizi
Benchè tuo padre ti abbia mandato a scuola
sognando il tuo successo,

ma tu, con la pipa accesa,
stai perdendo la salute, il libro lo hai
dimenticato del tutto e hai condannato
all’ozio la tua preziosa giovinezza.

Sei appena uscito dall’uovo,
e come un cane slegato dalla catena
presti attenzione alla voce del vizio.

E non pensi che tuo padre vecchio
va a pancia vuota a lavorare alla giornata,
per mantenerti sempre studente

Annunci

Pro Demetrio Fidel a…

Pro Demetrio Fidel a San Cristòbal

Cando un òmine, o una fèmina
calesisiat, detzìdin de caminare.
Chene mudada peruna, prestu o tardu,
s’abizan chi depen
seperare intr’e duas àndalas.

A un’ala s’àndala
inube s’atzopicat a su postu ‘e sa comodidade,
sas comodidades a su postu ‘e sas traitorias,
inube s’andat in artu a su postu de fagher orrùer
sos àteros.

Dae s’ater’ala s’àndala
de sas convintziones firmas
pagandelas cun sacrifitzios,
de-i su dispretziu po sa firmesa nostra,
d’esser olvidados poite no si naran àbulas.
Custa est s’àndala de-i su dobere.

E, custrintos a seperare, sos òmines,
e sas feminas autenticos seperan
semper su dobere.

 

Per Demetrio Fidel a San Cristòbal

Quando un uomo, o una donna
qualsiasi, decidono di camminare.
Invariabilmente, presto o tardi,
si trovano a dovere
scegliere tra due strade.

Da una parte la via
dove si zoppica in cambio della comodità,
dei privilegi in cambio di tradimenti,
dove si va in alto a costo di far cadere
gli altri.

Dall’altra parte la via
delle convinzioni ferme a costo
dei sacrifici,
del disprezzo per la nostra fermezza,
dell’oblio perchè non si mente.
Questa è la strada del dovere.

E, costretti a scegliere, gli uomini,
e le donne veri sempre
scelgono il dovere

Subcomandante Marcos

 


Intr'a duos (duas) a…

Intr’a duos (duas) abbas

Sos campos de gherra sunt sos logos
Inue s’abèrint e mai si tàncant sos fogos.
Non permitimus in totu sos modos
de nos juchere in gherra comente locos

"I campi di battaglia sono quei luoghi
Dove iniziano e non terminao mai i fuochi.
Non permettiamo in nessum modo
Di mandarci in guerra come sciocchi."

Bello, bello davvero. Brano, eseguito dai Cordas et Cannas dove è presente anche Paolo Fresu con la sua tromba. Inserito in "Terra de entos" e in "Abba a bula", si indirizza contro qualsiasi tipo e forma di guerra. Le guerre innescate dai governi e combattute dalla gente comune, dai figli dei meno abbienti. Volute dai ricchi e combattute dai poveri, carne da macello.


Sarà capitato anche …

Sarà capitato anche a voi di avere una musica in testa (parafrasando un noto motivetto), ma è da stamattina che canticchio un brano di De Andrè. Non mi ero mai accorto che nella sua brevità racchiude un universo. Un mondo. Un insieme di mondi.

"Gli arcobaleni di altri modi
hanno colori che non so.
Lungo i ruscelli di altri mondi
nascono fiori che non ho"

(1° Intermezzo – Tutti Morimmo a Stento)

che nella variante campidanese fa più o meno così

Is arcus de celu de atrus mundus
tenint coloris chi no isciu
Intre is arriixeddus de atrus mundus
nascint froris chi no tengiu