Archivi del mese: giugno 2005

Voci di pietra. Boghes de pedra.

Voci del popolo SHRDN.

Il tempo qui sopra non mi manca. In pochi ci sanno arrivare, il bosco è fitto e ci sono diverse stradine fatte apposta per non trovarlo e farti tornare al punto di partenza. Qui, sopra questo grande lastrone, in cima al nuraghe di Pohiòlu. Ci sto seduto diverse ore, a guardare lontano d’estate, quando ormai non si munge più, di meno durante le altre stagioni, quando il lavoro mi impegna maggiormente. Ma quando ho poco tempo rifletto più profondamente. Mi sa che quando ho tanto tempo davanti, isfainadu, il sonno mi prende più di frequente e allora sogno, bisos, ma non mi ricordo cosa. Preferisco vedere le cose ad occhi aperti e ricordare le cose per continuare a farle vivere, questo è il mio compito, il mio mestiere mi da solo da vivere. Questa è la mia funzione, ricordare, amentos pro sa zente.
Dicono, al paese, che io sono uguale a mio padre, che a sua volta era simile al suo. E le fotografie lo mostrano chiaramente. Ma a memoria d’uomo, Tziu Lillinu che ha novant’anni ve lo conferma, pare che i miei avi avessero la stessa faccia e corporatura, sa matessi bisura, intendo dire quando le foto non esistevano. Quindi sono uno di quelli. Allora tutti insieme i "sambenados" formavano il grande popolo SHRDN. Del popolo di quelli che c’erano, o che sono dovuti andare via ritornando alcuni dopo molto tempo, ma anche di quelli che sono rimasti a memoria e testimonianza del posto e proseguire il cammino del popolo SHRDN.
Qualcuno in paese dice che non ce le ho tutte a posto, intendo le rotelle. Io li lascio pensare ciò che vogliono, tanto poi lo so chi sono e da dove vengo. Poco importa cosa pensa di me la gente senza radici, chentz’e raighinas. Quando dico che il mio "sambenadu", il mio cognome mi!, è uno di quelli che c’erano già quando costruirono Mas-Oneh Bran’hu. E c’era anche dopo, quando costruivamo quelle torri simili a questa; ci dicevano già allora che non servivano a niente. Gente tonta che non capiva l’importanza. Il mio sambenadu era sempre presente allora, e ha continuato ad esserlo anche dopo, insieme alle nuove religioni ma senza farsi scoprire, a fura mi!, ad osservare le mutazioni della terra con i giochi di luce nelle fessure che avevamo abilmente praticato nelle murature, con giochi di geometrie che … insomma è un po’ complicato da spiegarvi in poche parole. Dovreste venire il bintunu di lampadas, il 21 giugno, a vedere quelle cose. Era presente anche durante la carestia, quei terribili decenni. Alcuni di noi, del "sambenadu", erano imbarcati insieme agli altri SHRDN. Il mio sambenadu non era molto contento, ma ci toccava, alcuni di noi tanto avrebbero continuato a tenere le terre e il bestiame (sa roba). Al ritorno avremmo fatto i conti, infatti alcuni tornarono. Non immaginate i festeggiamenti. Alcuni di paese invidiosi, imbidiosos, dicevano che avevano fatto cose indicibili nei luoghi vicini al grande mare tondo chiuso, raccontano di massacri e bardanas, e che tenerli con noi voleva dire avere Dio contro, ma come potevamo mandarli via, erano del sambenadu, e poi erano qui prima di quelli. Ne avevano diritto.
Ora sono qui sopra a raccontare, a bogare contos, a voce alta. Tanto nessuno mi ascolta e se mi ascolta non ci bada. Sono abituato a sentirmi dire che sono un po’ pazzerello, tocadu de turra. Intanto meglio ricordare, lo faceva mio padre con me, io lo farò coi miei figli, che lo faranno con gli altri. Raccontare chi eravamo e chi siamo. Se fosse vivo quel Ramesses egiziano si cagherebbe ancora oggi mì, poi alla fine a lui gli era toccato tenersene molti nel palazzo perché si sentiva più sicuro. Non faceva a scherzare con loro. Mentre a poco a poco ancora oggi ritornano quelli del "sambenadu", dal mare, con barche mezzo sfondate, a dire che erano partiti con navi potenti; a volte non li riconoscono, dopo centinaia centinaia di anni. Io però li riconosco, hanno la mia stessa "bisura".
Andammo per mare, dal mare ritorniamo di nuovo qui, a casa, insieme agli altri SHRDN.

 

Boghes de pedra
(Voci di pietra)
(da "boghes de pedra" dei Kenze Neke)

Boghes de pedra nos amèntan gherra, boghes de gherra nos amèntan terra,
terra ifusta
Sambene chi su tempus no at mai firmadu
pedras amuntonadas no l’amèntan.
Terra ifusta de sambene, terra ifusta.
Trumas de isperàntzia e libertade disizos de bramare cun boghe ‘e tronu
disizos chi sùlcan s’istoria de custa terra sempre aversada.
Boghes de pedra nàran est ora de bìvere in paghe.

Imponente massicciu e amiradu fisti unu tempus o Nuraghe antigu.
Dae Fieros e Fortes Sardos abitadu,
semper prontos a cumbàter s’inimigu, a gualdia, a difesa ‘e s’amigu.
Oje ses dae totus abandonadu,in mesu a frascas totu in intrigu
isfidendhe su tempus inclemente.

Arrea solenne ciclopicu Nuraghe
incompresu, impoltante e gloriosu.

Annunci

REFERENDUM.

SU BARDANERI VA A VOTARE !!!

4 Referendum del 12 e 13 giugno 2005

per il 5° referendum si può votare esclusivamente il 12 giugno, in quanto referendum regionale (sardo)!

4 SI PER LA VITA + 1 SI PER LA SALUTE.= 5 SI

Su 12 e 13 de lampadas deu andu a votai 4 eya (SI), andu a votai contras una ley, sa 40/2004, chi permìtit sceti a is prus arricus de arresolvi is proprius problemas, indurriendi e afraitzendi cun d’unas cantas maneras sa ley, po mod’e nai andendi in atras natzionis po fai su chi inoi no permìtint candu unu s’agatat cassau de problemas po fai fillus, mentras a is prus poburus ddis tòcat abarrai inoi cun leys chi ndi parint bessias de su medioevu, neghendi a calisisiat personi su deretu de podiri tenni fillus. Aicci seus torrendi agoa de medas annus, ascutendi sceti su chi nàrant is predis, in d’unu Istadu chi po Costitzioni est "laicu". Deu seu po un’Istadu chi no nci imbucat in is chistionis de cuscientzia ma chi pentzat in manera generali a totu is modus de pentzai in sa genti chentza de ponni prima de totu su parri de unu po iscucurai su chi pentzant is atrus. Istadu chentza de acapiu e cadenas de sa Cresia.Un istadu chi creit in sa ricerca scientifica de oi cun resultaus meda bonus po curai is maladias de sa jenti cun is cellulas istaminalis.
Po custu si tocat, e po atras chistionis chi inoi no ponju di chi no diventat unu trattadu meda pesanti, a ndi isciusciai cussas partis de sa ley còranta de su 2004, ponendi in s’ischeda cuatru EYA (4 SI).

Chi boleis isciri prus cosas podeis cicai in is jassus in favori de is 4 eya chi si ponju innoi:-

http://www.iovadoavotare.it/
http://www.comitatoreferendum.it
http://www.lernesto.it/index.aspx?m=77&f=2&IDArticolo=3906
http://www.ufficiostampacagliari.it/speciali/2005/referendum2005/referendumprocreazioneassistita.htm
http://bellaciao.org/it/article.php3?id_article=8733
http://www.uaar.it/referendum-procreazione-assistita/
http://www.4si.it/feed/creailtuobox.php
http://www.pane-rose.it/pagina_art.php?id_art=4778&loc=1
http://www.giovani.it/news/cronaca/referendum_12_giugno.php
http://www.arciliguria.it/si_referendum05.php
http://www.lazio.cgil.it/fp/regionale/documenti/legge40/050516_epifani.htm
http://pesanervi.diodati.org/pn/doc/referendum2005.pps
http://www.korazym.org/news1.asp?Id=12169
http://www.inmovimento.it/05_giugno/1_minicuci.php

Su chi nàrant is blogheris (ma ci ndi funt meds atrus)
http://inxxz.blog.tiscali.it/yv2031539/
http://paolocchia.splinder.com/post/4831347#comment
http://bakis.splinder.com/post/4908078#comment
http://liberostronzo.splinder.com/
http://www.aronchi.org/blog/index.php/archives/2005/05/13/4-si-perche-io-non-mi-astengo/
http://zeromedia.it/4b/
http://referendum2005.splinder.com/
http://www.diamocideltu.net/blog/article.php3?id_article=2195
http://www.lucacoscioni.it/blog
http://referendumanchio.splinder.com/

pagu pagu … de su chi narant is jornalis in custus acapius:-

http://www.lucacoscioni.it/flexinode/table/4&sort=desc&order=Data
http://www.radiochango.com/italiano/koscienza/articoli.php3?tipo=dossier&dossier=6&ID=1239

ATRA COSA MEDA IMPORTANTI PO NOSU SARDUS!
Po is chi depint votai in Sardìnnya arregodaisindi ca ddui est fintzas su referendum contras de is iscorias.
Deu andu a votai EYA (SI) fintzas po-i custu, puita si seus arroscius de amanixai e amanuncai alliga istranja, amesturada cun materialis chi ndi bènint de su corru ‘e sa fruca, prenus de sustantzias chi nòxint a sa saludi, e calincuna borta puru arradiuativa.
Ma is cuntinentalis ita anti pigau sa terra nosta po unu muntronaxu??!!
Mancai si funt arrecatendi ca chi bincint is EYAs ant a perdiri su treballu medas treballadoris sardus de su Sulcis. Po custu si nau ca non si podit ponni in su matessi pratu de sa pesa sa saludi de sa jenti cun is postus de treballu. Custas frabicas si podint fintzas cambiai in atras genias aturendi, si no indiritura aumentendi, is postus de treballu.

Chi boleis … andai a ligiri in s’arretza custus acapius ca ddui funt medas informatzionis po-i custu referendum.

http://italy.indymedia.org/news/2005/05/796975.php
http://www.ufficiostampacagliari.it/speciali/2005/referendum2005/referendumregionesardegna.htm
http://www.confederazionesindacalesarda.it/default.htm
http://www.politicaonline.net/forum/showthread.php?postid=2190559
http://www.regione.sardegna.it/j/v/40?s=1&v=9&c=1433&na=1&n=10&va=2&c1=3&d1=392&t=1
http://lists.peacelink.it/disarmo/msg01592.html
http://www.verdicagliari.it/