Archivi del mese: settembre 2006

Miles Davis, al secolo Miles Dewey Davis III

Miles Davis, al secolo Miles Dewey Davis III

…Davis è considerato da molti il più grande trombettista jazz, non solo per la sua forza innovatrice nella composizione, ma anche per il sound che riusciva a infondere alla sua tromba, dove in dischi come Kind of blue trova forse la sua massima espressione. Nonostante i giudizi di merito, rimane indiscutibilmente una delle figure chiave nella storia della tromba jazz.

Miles Davis: la sua Musica …una galassia, Lui una stella che continua a brillare, nonostante l’assenza a partire da quel fatale 28 settembre 1991.
voulez vous ecouter?


Casa sul mare

Domo cara a su mare
– Eugenio Montale –

Su biazu ispitit inoghe:
in sas istrinziles curas chi partzin
s’anima chi no ischit prus ghetare boghe.
Como sos minutos sunis uguales e teteros
comente furrios de orroda de sa pompa.
Unu ziru: un artiare de aba chi isbòmbiat.
Un ateru, ater’aba, a tretos unu tzinchirriu.

Su biazu ispitit in custa ispiàgia
chi crompen torra a bellu a bellu sas ipanzoladas.
Nudda mustrat si no isganias iscumiadas
sa marina chi traman de concheddas
isbùfidos lenos: e azumai bessit
in d’unu mudu mare chetu
intre sas isulas de s’aghera zirellas
sa Corsica ischìnimanna o sa Capraia.

Tue dimandas si gai totu isparit
in custa pacu nèula de memorias;
si in s’ora de pasu o in su suspiru
inube crompet s’unda si faghet cada destinu.
Ti cheria narrer chi nono, chi t’arribat
s’ora chi as a colare in cue dae su tempus;
fortzis solu chie cheret no ispitit,
e custu tue as a poder, chissai, no ego.
Penso chi medas non s’an a sarvare,
ma cadaunu iscoberzat cada disinnu,
colet su gùturu, pro esser inube cheriat.
Dia cherrer a t’inditare inantis de abrandare
custa andala de fuga
lèpia lèpia cumente in trumentadas iscras
de su mare ispruma o pinnicrada.
Ti dono puru s’astrintu meu isperu.
A dies benidoras, istracu, no isco a l’amanniare:
ti lu dao in prenda a su destinu tuo, chi ti sarves.

Su biazu ispitit in custas ispondas
chi su mare arròsicat andal’e beni.
Su coro tuo acurtzu e mene chi no m’intendet
partit fortzis belle pro semper.

CASA SUL MARE
– Eugenio Montale –

Il viaggio finisce qui:    
nelle cure meschine che dividono
l’anima che non sa più dare un grido.
Ora i minuti sono eguali e fissi
come i giri di ruota della pompa.
Un giro: un salir d’acqua che rimbomba.
Un altro, altr’acqua, a tratti un cigolio.

Il viaggio finisce a questa spiaggia
che tentano gli assidui e lenti flussi.
Nulla disvela se non pigri fumi
la marina che tramano di conche
i soffi leni: ed è raro che appaia
nella bonaccia muta
tra l’isole dell’aria migrabonde
la Corsica dorsuta o la Capraia.

Tu chiedi se così tutto vanisce
in questa poca nebbia di memorie;
se nell’ora che torpe o nel sospiro
del frangente si compie ogni destino.
Vorrei dirti che no, che ti s’appressa
l’ora che passerai di là dal tempo;
forse solo chi vuole s’infinita,
e questo tu potrai, chissà, non io.
Penso che per i più non sia salvezza,
ma taluno sovverta ogni disegno,
passi il varco, qual volle si ritrovi.
Vorrei prima di cedere segnarti
codesta via di fuga
labile come nei sommossi campi
del mare spuma o ruga.
Ti dono anche l’avara mia speranza.
A’ nuovi giorni, stanco, non so crescerla:
l’offro in pegno al tuo fato, che ti scampi.

Il cammino finisce a queste prode
che rode la marea col moto alterno.
Il tuo cuore vicino che non m’ode
salpa già forse per l’eterno.


Ho conosciuto

"Apo connotu su mare pensande a unu gùtiu de lentore"

«Ho conosciuto il mare meditando su una goccia di rugiada.»

– Kahlil Gibran –


caput anni

Settembre.
Cabudanni o Capidanne (nella variante linguistica campidanese e nuorese). Ovvero Caput anni in latino, come veniva indicato in epoca romana. Perché segnava, e segna, anche nella legislazione agraria, l’inizio della annata agraria.
Proprio l’8 settembre (Santa Maria) si rinnovavano, e si rinnovano, i contratti legati all’agricoltura ed alla pastorizia: il lavoro nei campi, i contratti di mezzadria, di soccida, o di "servo-pastore" (tzeracu). Giorni di bilanci e resoconti.
E’ iniziato, quindi, un nuovo anno qui nella "vallata" senza tempo di Mas-Oneh Bran’hu, terra di transito degli Shardana, popolo del mare, del grande Mare Tondo, senza tempo e spazio.
Qui nel grande non-spazio telematico a raccontarci/mi ciò che eravamo siamo e saremo.
Intanto esistiamo. Il tempo? Un dettaglio.

"Chi aveva raccolto molto non ne ebbe di troppo, e chi aveva raccolto poco, non ne ebbe troppo poco" (II Corinzi 18:15)

"No ddui est pagu chi no bàstit e meda chi no ispàcit"
(Non c’è poco che non basti e molto che non si consumi)

Saludos.