Foghidoni e … pan'e saba

San’Antoni de su fogu (Sant’Antonio Abate) 16 gennaio
Festa che si perde nella notte dei tempi, si svolge con l’accensione di un falò nella notte del 16 gennaio (vespro della ricorrenza) "su foghidoni", "Su fogonne", "Sa tuva", così chiamato a seconda degli idiomi locali sardi, attorno al quale si festeggia per tutta la notte. Ogni anno in diversi centri dell’isola è attualmente celebrata una messa solenne. I festeggiamenti sanciscono l’inizio del carnevale. Il falò è preceduto dalla raccolta della legna, grossi tronchi e frasche, che coinvolge gran parte della comunità locale. Il 16 notte dopo l’accensione del falò si degustano vini locali e sopratutto il pane de saba, con ricette che variano a seconda della località. Quì sotto ho riportato la ricetta presa in prestito dal sito di Laconi (centro del Sarcidano), luogo non lontano da Mas-Oneh Bran’hu (antico villaggio del Src-dan) in cui spesso transito e vi staziono.

pane ‘e saba

PANI ‘E SABA (Pan di Sapa)
Ingredienti:
noci (nuxi), mandorle (mendula), nocciole (nucciola), uva passa (pabassa), saporita, sapa di fichi d’India (saba de figu morisca), pinoli (fruttu de oppinu), frutta secca (frutta siccada), farina (farra), semola (simbula), lievito (framentu)
Pulire e tagliare a piccoli pezzi la frutta secca precedentemente fatta tostare. Versare in una terrina capiente la farina e la semola il lievito a pezzetti, la saporita, la buccia d’arancia essiccata e tagliata a strisce sottili e l’uva passa, mescolare il tutto impastare versando a piccole dosi la sapa fino a ottenere un composto morbido e ben amalgamato. Per ultimo aggiungere al composto la frutta secca con un po’ di sapa. Lasciare lievitare il tutto per due giorni e due notti, il terzo giorno dividere il composto creando delle pagnotte forandole nel mezzo in modo da ottenere delle grosse ciambelle che verranno poi adagiate nei canestri cosparsi di semola dove verranno decorate con noci e mandorle. Infornare per circa un’ora, a cottura ultimata si immergono le forme nella sapa che e’ stata fatta bollire con i pezzi di buccia d’arancia. Cosi’ bagnate di sapa si adagiano nuovamente nei canestri il cui fondo e’ stato ricoperto di alloro (elemento questo fondamentale per dare al dolce un gusto particolare).Per finire si decora con i diavoletti.

buon divertimento e buon appetito

Annunci

7 responses to “Foghidoni e … pan'e saba

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: