Non per l'eternità

No po s’eternidade
(dae "S’arbeschida de cras")

Est discansosu in bisos bider sos pensamentos tuos
chi sunis che a sos meos mancari siemus diferentes
si ischis chi no est Deus chi t’at a darrer tempus benidore

E su tempus coladu morit chene rispustas
naufragande in su mare, apicadu in su mare
ap’a buscare sas allegas, discansande chistiones

Po prènere sos meries
cun sas miradas de chie m’est chircande
liberu in sos bisos meos sighinde
petzi un’atzinnu de libertade

Petzi unu mamentu
no po s’eternidade

In su mare, in su mare ap a benner a ti chircare
po chistionare de sas dies in su mundu
e de cudda esistentzia chi no si che cheriat mòere

Non per l’eternità
(da L’Alba Di Domani)
– Tiromancino –

E’ facile sognando vedere i tuoi pensieri
che sono come i miei anche se siamo diversi
se sai che non è Dio che ti darà un futuro

E il passato svanisce senza risposte
naufragando nel mare, sospeso sul mare
troverò le parole, evitando i discorsi

Per riempire le sere
con gli sguardi di chi mi sta cercando
libero nei miei sogni inseguendo
nient’altro che un gesto di libertà

Solo un momento
non per l’eternità

Nel mare, nel mare verrò a cercarti
per parlare dei giorni sulla terra
e di quell’esistenza che non voleva andarsene

Annunci

5 responses to “Non per l'eternità

  • golem79

    questa non la conosco, provvederò :-). intanto mi hai fatto ricordare, a proposito di tiromancino, la versione di “com’è profondo il mare” cantata – appunto – da loro oltre che da Lucio Dalla…mi piace ricordare: “E’ chiaro
    Che il pensiero dà fastidio
    Anche se chi pensa
    E’ muto come un pesce
    Anzi un pesce
    E come pesce è difficile da bloccare
    Perchè lo protegge il mare
    Com’è profondo il mare

    Certo
    Chi comanda
    Non è disposto a fare distinzioni poetiche
    Il pensiero come l’oceano
    Non lo puoi bloccare
    Non lo puoi recintare
    Così stanno bruciando il mare
    Così stanno uccidendo il mare
    Così stanno umiliando il mare
    Così stanno piegando il mare”.
    ciao!

  • is4morus

    gratzias o su bardaneri, m’as fatu arriri cun su “bloganno”!
    bella custa tradutzioni puru.
    a si biri

  • napartaud

    Eh, se sapessi il sardo la reciterei volentieri… traduzione fantastica davvero!!!
    Au revoir.

    Sinceramente e teatralmente.
    R.M.N.

  • nheit

    In su mare, in su mare ap a benner a ti chircare
    po chistionare de sas dies in su mundu
    e de cudda esistentzia chi no si che cheriat mòere

    nel mare verrò a cercarti
    per parlare dei giorni sulla terra
    e di quell’esistenza che non voleva andarsene…

    Non sono solo canzonette
    e si sta così talvolta sulla terra.
    La lingua sarda dà vigore scorza e linfa ai suoni di parole di canzone e ne fa poesia da prendere con sè .
    Barda, maestro, ci ha messo il respiro antico di questa lingua dura e saggia
    che sa dire

  • Bardaneri

    già, il mare, …dove è stata la genesi della vita

    saludos

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: