Archivi del mese: novembre 2007

Fine di un viaggio

Acabu de unu biazu

Su biazu longu chi as fatu
est acabau inoghe
De su sonnu tuo t’as a deper ischidare
Ego ti lasso a su destinu tuo
Non ti sigo prus
Sa nave mea est torrande a daesegus.
Acaba de bisare amigu
e amenta chi cras est belle oje
po custu eo ti naro.

Muda Sennore Tumbarineri
a mene no serbis prus
sa nave tua màzica
est unu restu oramai
lassa su tumbarinu tuo e bae
in chirca de ateros sonos
sas umbras tua innùtiles
nemos las sighit prus.

Si’istrada noba est istètia sinzada
eo l’ap’ a sighire
Prus eseguros sunis sos passos meos.
Sos errisos cara a sole
como faghen solu timoria
po custu eo ti naro.

Muda Sennore Tumbarineri
a mene no serbis prus
sa nave tua màzica
est unu restu oramai
lassa su tumbarinu tuo e bae
in chirca de ateros sonos
sas umbras tua innùtiles
nemos las sighit prus.

Fine Di Un Viaggio

Le Orme  ( da "Florian" – 1979)

Il lungo viaggio che hai fatto
E’ terminato qui
Dal tuo sonno ora ti dovrai svegliare.
Io ti lascio al tuo destino
Non ti seguo più
La mia nave ha invertito la sua rotta.
Smetti di sognare amico
E ricorda che domani è già oggi
Per questo io ti dico.

Cambia mister Tambourine man
A me non servi più
La tua nave magica
E’ un relitto ormai
Lascia il tuo tamburo e vai
In cerca di altri suoni
Le tue ombre inutili
Nessuno le segue più.

La nuova strada è già tracciata
E la percorrerò
Più sicuri sono ora i passi miei.
Le risate verso il sole
Ora fanno solamente paura
Per questo io ti dico.

Cambia mister Tambourine man
A me non serve più
La tua nave magica
E’ un relitto ormai.
Lascia il tuo tamburo e vai
In cerca di altri suoni
Le tue ombre inutili
Nessuno segue più.

Annunci

Il bandito nella poesia sarda

Se vogliamo fare un giro poetico sul come veniva visto il "bandito" fra i vari poeti sardi non sfugge il taglio nostalgico di Sebastiano Satta in "Vespro di Natale", poeta in lingua italiana, il quale descrive i banditi sardi, nei giorni di Natale, mentre pensano alla loro casa e agli affetti lasciati per "intraprendere" la vita del bandito.

Vespro di Natale

Incappucciati, foschi, a passo lento,
tre banditi ascendevano la strada
deserta e grigia, tra la selva rada
dei sughereti, sotto il ciel d’argento.
Non rumore di mandre o voci, il vento
agitava per l’algida contrada.
Vasto silenzio. In fondo, Monte Spada
ridea bianco nel vespro sonnolento.
O vespro di Natale! Dentro il core
ai banditi piangea la nostalgia
di te, pur senza udirne le campane:
e mesti eran, pensando al buon odore
del porchetto e del vino, e dell’allegria
del ceppo, nelle lor case lontane.

Piglio più deciso e concreto lo dà, invece, Antioco Casula noto "Montanaru" quando descrive i "bardaneris" (i grassatori), in modo più crudo e concreto in "Andende a bardanare"; a leggerlo in limba sarda pare di vedere dei dipinti, magari quelli di Carmelo Floris, che di paesaggi e volti della Sardegna centrale se ne intendeva. Ho anche pensato di fare la traduzione in italiano ma, aimeh!, credetemi  perderebbe certamente il suo significato più autentico. A questi versi di Montanaru ci sono affezionato, non fosse altro perchè fu uno dei miei primi post (nel blog di tiscali). Ma anche perchè mio padre, di tanto in tanto, mi recitava una delle sue poesie compresa questa.

… vabbè provo a tradurre l’ultima strofa…

"Tottus chimbe che una marrania.
E s’avviein lestros, ben’armados
In mesu a su entu forte, a s’istrazzìa,
Che una truma d’iscominigados."

"Tutt’e cinque come dei marrani.
s’avviano lesti, ben armati
in mezzo al forte vento, alla pioggia battente,
come una torma di scomunicati"

(per la biografia clicca qui)

…(oppure, se vuoi leggerlo in limba clicca qui)

Andende a bardanare

«Sa notte amigos mios est iscura
Che i su trumentu; passat furiosu
Su entu e sighit s’aba a istrasura.

Su procalzu est bezzu e sonnigosu
E in cust’ora dromidu est che procu.
E no intendet nè dannu, nè gosu,

Non solu de intendere unu tzocu,
Pro chi sas arulas siene serente
A su cuile ’e Bau ’e Su Trocu.

Leade sos fusiles lestramente
E andemus a fagher sa bardana!».
Gai neid’in tonu prepotente,

Mimia Monni cun bogh’e campana
In su cuile ’e s’Abile a sos pagos
Amigos chi su notte acuilàna

Che a mazzone subra sos serragos.
Bi fit Bobore Crispu, unu giovanu
De vint’un’annu chi leiat sos tragos

E los frundiat che fustes lontanu,
E in sos attaccos lestru e attrividu.
Bi fit Franziscu Mannu e Bustianu,

Pili Murtinu e Bobore Bandinu,
Tres omines ch’in tottu fid’insoro,
Mai biu, nè mortu hana timidu

In tottu Nuoresu e Logudoro
«Avanti o coragiosa cumpagnia!»
Narein a una oghe a unu coro,

Tottus chimbe che una marrania.
E s’avviein lestros, ben’armados
In mesu a su entu forte, a s’istrazzìa,

Che una truma d’iscominigados.

per le  poesie di Montanaru "Ichnussa" mi sembra il sito più completo!
Cliccare per credere


L'Olocausto Palestinese

Salmo 9. 

"O rosa al di la’ del tocco del tempo
e dei sensi!
O bacio avvolto nei veli di tutti i venti:
Sorprendetemi con un sogno:
Che la mia follia indietreggi da voi.
Indietreggiando da voi per potervi
avvicinare, ho scoperto il tempo.
Avvicinandomi a voi per potervi
allontanare, ho scoperto i miei sensi.
Tra l’avvicinamento e l’allontanamento
Vi e’ un sasso della grandezza di un sogno.
Esso non si avvicina,
esso non si allontana.
Tu sei il mio paese ed io non sono un sasso.
Per questo non amo affrontare il cielo,
Ne’ moriro’ per livellarmi al terreno,
ma sono uno straniero,
sempre uno straniero"

– Mahmud Darwish


Pecora in cappotto

Brebei a creddaxu

Ingredientis po doxi:
– dus chilus de brebei (amesturada)
– dus chilus de patata
– dexi cibuddas
– sali c.b.

Cumenti si fait:
Tantu po cumentzai preni unu pingiada manna de àcua frisca pagu pagu salia, lassendi cuatru didus de s’oru. Tandus segai sa petza de brebei (a tancheddus addataus de petza) e pònniri in pingiada.
Scroxai sa patata e-i sa cibudda e sciacuai in àcua frida. Sa patata e sa cibudda depit abarrai intrea.
Còiri a pampa addatada e fai buddiri. Tastai po aciùngiri, chi boleis, sali e armidda. Pustis de nd’àiri tirau sa sprumadura de su brodu, giai un’ora e mesu de cotura po sa petza a pampa bàscia, acciùngiri a primu sa cibudda e agoa sa patata. Tastai sa petza, chi no arresultat ancora moddi sighiri, a pampa bàscia, po un’atra bintena de minutus.

Pecora in "cappotto"
  Ingredienti per 12 persone:
– 2 kg di Pecora (parti miste)
– 2 kg di patate
– 10 cipolle
– sale q.b.
Preparazione:
Anzitutto riempire un pentolone d’acqua fresca leggermente salata, lasciando uno spazio di alcuni centimetri dal bordo. Quindi tagliare la carne di pecora (tranci più o meno regolari di carne) e metterla in pentola.
Sbucciare le patate e le cipolle e lavare in acqua fresca abbondante. Le patate e le cipolle devono essere lasciate intere.
Cuocere a fiamma media e far bollire. Assaggiare per aggiungere, eventualmente, il sale e i sapori (timo). Dopo aver accuratamente eliminato con la schiumarola la parte grassa del brodo, un’ora e mezzo circa di cottura per la carne a fiamma bassa, aggiungere prima le cipolle e poi le patate. Assaggiare la carne, se non dovesse risultare ancora tenera proseguire, a fiamma bassa, per un’altra ventina di minuti.


La rosa di Vinicio Capossela

Vinicio Capossela è un Re Mida della poesia. Tutto ciò che tocca, plasma, riadatta, diventa sublime, bello estasiante. Scrive, canta, suona con sentimento, come la gente del Sud sa fare. Così ha fatto nell’album "Canzoni a manovella",del 2000, col brano "Con una rosa", elegante ri-elaborazione del racconto "L’usignolo e la rosa" di Oscar Wilde.
Per quanto riguarda la Sardegna, infine, è noto a tutti che è diventato cittadino onorario. Lui ha ricambiato con un gradito omaggio, sia per la mastruca e la maschera dei "boes" che usa nei concerti, sia per l’album "Ovunque Proteggi" dove gli spunti presi dalla nostra Isola sono evidenti. Io lo ricambio con un modesto riadattamento in sardo nuorese del brano "Con una rosa". Provate a cantarlo seguendo mentalmente la musica.
Grazie Vinicio.
Saludos

Cun d’una rosa

Cun d’una rosa m’as nadu
benimi a chircare
totu su merie eo ap’arrumbare a sola
ego pro tue
morzo pro tue
Cun d’una rosa mi soe astrintu a tue

bianca comente nues de atesu
comente notte rànchida colada ‘e badas
comente ispruma chi subra ‘e mare isprumat
bianca no est sa rosa chi bato a tue

groga comente frebbe chi m’ispitit
comente licore chi amàghiat sas allegas
comente velenu chi bèssit dae sinu tuo
groga no est sa rosa chi bato a tue

suspiran sas rosas in s’àghera ispiran
petalu a petalu mustran su colore
ma su frore chi solu creschet in su rubu
rùbiu no est s’amore
biancu no est su dolore
su frore solu sa rosa chi bato a tue

rosa che romanzu de pagu ispera
comente su lassare chi si biet in cara
comente s’isetu chi subra sas laras pesat
rosa no est sa rosa chi bato a tue

Comente sa purpura chi allughet su manzanu
comente sa lama chi cazentat su capitzale
comente ispina chi a su coro s’acùrtziat
rubia gai est sa rosa chi bato a tue

làgrimas de cristallu l’ana ifusta
làgrimas e binu orrutas in caminu
gùtiu a gùtiu, pèrdias in s’aba pròghia
gùtiu a gùtiu l’an assutau su coro

bàtimi tandos bàtimi su prus bellu frore
su chi duret prus de s’amore matessi
su frore chi a solu no ispricat su rubu
perfetu dae su dolore
perfetu dae su coro suo
perfetu dae su donu chi si faghet pro issu.

Con una rosa

Con una rosa hai detto
vienimi a cercare
tutta la sera io resterò da sola
ed io per te
muoio per te
con una rosa sono venuto a te

bianca come le nuvole di lontano
come una notte amara passata invano
come la schiuma che sopra il mare spuma
bianca non è la rosa che porto a te

gialla come la febbre che mi consuma
come il liquore che strega le parole
come il veleno che stilla dal tuo seno
gialla non è la rosa che porto a te

sospirano le rose nell’aria spirano
petalo a petalo mostrano il color
ma il fiore che da solo cresce nel rovo
rosso non è l’amore
bianco non è il dolore
il fiore solo è il dono che porto a te

rosa come un romanzo di poca cosa
come la resa che affiora sopra al viso
come l’attesa che sulle labbra pesa
rosa non è la rosa che porto a te

come la porpora che infiamma il mattino
come la lama che scalda il tuo cuscino
come la spina che al cuore si avvicina
rossa così è la rosa che porto a te

lacrime di cristallo l’hanno bagnata
lacrime e vino versate nel cammino
goccia su goccia, perdute nella pioggia
goccia su goccia le hanno asciugato il cuor

portami allora portami il più bel fiore
quello che duri più dell’amor per sé
il fiore che da solo non specchia il rovo
perfetto dal dolore
perfetto dal suo cuore
perfetto dal dono che fa di sè

Vinicio Capossela
Canzoni a manovella – 2000