Archivi del mese: dicembre 2007

Peppino Marotto non c'è più.

Peppino Marotto, poeta orgolese, classe 1925, in una fredda mattina di sabato scorso, 29 dicembre 2007, sull’uscio dell’edicola nel pieno centro di Orgosolo (NU), viene ammazzato per mano di un vile con sei colpi di pistola, proprio nella sua Orgosolo che lo vide protagonista di tante lotte, prima fra tutte quella di Pratobello, contro l’occupazione militare, e ultimamente come responsabile ad Orgosolo dello sportello pensionati del patronato Inca della Cgil.
Dunque Peppino Marotto non c’è più. Ci restano il suo impegno per la giustizia sociale, la sua voglia di lottare per la libertà, per l’emancipazione e per il riscatto dei popoli oppressi trasmessa alle giovani generazioni, e ci restano le sue poesie che lo hanno portato a cantare nelle piazze della Sardegna e all’estero.
Muore, quindi, un compagno, un militante comunista.
Muore un poeta in lingua sarda.

Di Lui scrive L’Unità …"Era considerato un po’ “la voce della rivoluzione (…)Peppino Marotto aveva iniziato sin da giovane a impegnarsi in politica, nel Pci e nel sindacato con la Cgil. Famose sono state le sue iniziative e campagne anche a sostegno dei pastori di Pratobello degli anni ’70, le lotte dei minatori, le rivolte degli operai di Ottana. Si batteva, come ricordano i dirigenti sindacali, «per cambiare la Barbagia e il suo paese» perché, sosteneva «la Barbagia ha anche un’altra faccia». Una lotta che non si è fermata alla sola attività sindacale, ma si è estesa anche a quella culturale e musicale. Marotto la sua voglia di riscatto e di rivoluzione l’aveva raccontata con numerose canzoni in sardo. Poesie che hanno fatto letteralmente “il giro del mondo”, soprattutto seguendo il filone della musica tradizionale e culturale e dove la voglia di riscatto dei pastori si unisce alla lotta di Antonio Gramsci, all’idea di rivoluzione che passa per la cultura e il riscatto dei popoli. Il suo impegno contro la guerra, infine, quella dei soldati italiani, ma anche quella che devasta i paesi del pianeta. I sogni di quello che continuava a definirsi un comunista. Sogni distrutti, dopo 82 anni di battaglie in prima fila, da sei colpi di pistola.

Cussos de sa brigata sassaresa
 – Peppino Marotto

Cussos de sa brigata sassaresa
c’an fattu sa gherra europea
contan ancora s’intrèpida impresa;

Comente fin tratados in trincea,
sena iscarpas, bestires, alimentos
afrantos de sa bellicosa idea;
furibundos in sos cumbatiméntos,
sena conoscher bene sa resòne
d’inumanos massacros, tradiméntos;
e Lenìn, cun sa Rivolutzione,
c’aìat fattu sa gherra finire
in d’una gherradora Natzione.

Si domandain: a chie obedire?
comente si devìan cumportare?
cale fin sos nemigos de bochire?
It’est su chi podìan balanzare
sos pòveros pastores de Sardinna
da cussu orrendu iscontru militare?

Lis an finas promissu sa cunsinna
de sas terra c’aìan tancadu
chent’annos prima sa zente malinna;
ma cando an sa gherra terminadu
cun s’isconfitta ‘e sos Astros-Ungaros,
nen tribàlliu nen terra lis an dadu;
sos ricos fin prus ricos prus avaros,
ca bendian s’anzenu sudore
-male pagadu- a pretzios càros;

narain a su sordadu pastore
chi sa curpa ‘e sa sua povertade
fit s’iscioperu ‘e su triballadore;
e los an mandados in zitade
pro fagher gherra a sos iscioperantes
chi pedian paghe e libertade.

Ma Gramsci naràt a sos militantes
de sa classe operaia: sos sordados
sardos s’annan cun sos tribalantes;
cand’ischin chie sus sos isfruttàdos
e chie sune sos isfruttadòres,
si pentin cussos chi los an mandàdos.

Infatis, chene gloria e onores,
dae Torinu los an trasferidos,
ca no an obbedidu a sos sennores.
Sos operàios tantu aguerridos
su noighentosvinti an occupadu
sas fàbricas, cumpattos e unìdos;

Torinu fiat su puntu avantzadu
in sa lota de s’ocupatzione,
ca fit da Gramsci bene organizadu;
ma pro sa vera liberatzione
dae s’insfrutamentu padronale
bi cherìat sa rivolutzione;
e no an decretadu in generale
s’iscioperu, sos capos riformistas,
pro imponner sa giustitzia sociale.

Dae Torinu sos Ordinovistas
narain: Custu est su momentu
de abolire sos capitalistas,
sinono an a leare supravventu
su capitale cun sa prepotèntzia,
seminende terrore e ispaventu;

unu sistema de delinquèntzia
pro tantu tempu at a cancellare
de su socialismu s’esistèntzia.
E Gramsci non podìat isballiare.

vedi anche il blog di subcmarcos"solleviamoci"

e inoltre …Sa lotta de Pratobello

Ciao Peppino.

 


La gente è strana

La gente è strana, quando sei straniero…
Sa zente est istramba, cando ses unu istranzu…
People are strange, when you’re a stranger…

Non si fa altro che riempire i giornali, e i mass media in genere, quando pure non ci ricamano sopra un convegno, su solitudine, emarginazione, immigrazione. Tutti con la lacrimuccia facile, sopratutto in questi giorni, avvolti nell’alone mistico delle festività natalizie o giù di li. Magari dopo l’omelia del parroco alla messa del vespro a mezzanotte, tutti ben agghingati vestiti alla moda. Tutti gravidi di buoni propositi. Poi fra una panettonata e l’altra, agnelli, crostacei, leccornie varie, un discorso tira l’altro salta fuori come per magia il discorso sugli stranieri, che rubano, ammazzano, stuprano, ti portano via il lavoro, sono infidi e quant’altro …sempre fra un sorso e l’altro…nel nome del Signore. Così, giusto per sottolineare, alla prova del nove … puff… come d’incanto ritornano le cattive abitudini (mai sopite) cariche di sospetto, indifferenza, pregiudizi su chi è "strano" o "straniero". Tutti dimentichi  del fatto che, a turno, si è sempre appartenenti a un Sud del mondo, perché tutti più o meno si è meridionali. Invece la memoria non viene in soccorso, almeno nell’approccio col "diverso" (in tutti i sensi) tutti, con un sottile filo trasversale ideologico, hanno un bel campionario di termini per apostrofare "l’altro", che per diversi motivi, con ruoli intercambiabili a seconda dell’appartenzenza geografica di quel momento storico (anche perché si può essere bersaglio degli stessi appellativi) verso chi sopratutto per sopra(v)vivere vaga da un continente all’altro, da una città all’altra, da un paese all’altro in cerca di "fortuna" che spesso è l’inizio di un lungo calvario teso a semplicemente, ed umanamente, a sopravvivere. Tutti scordano che, per fare un esempio sugli italiani, negli States ancora oggi siamo definiti Wop (forse dal napoletano guappo), oppure Guinea, come quei personaggi di origine italiana, ben descritti da John Fante. Ma senza andare molto lontano noi meridionali, e sardi, stessi nella civilissima Italia siamo bersaglio di diffidenze e pregiudizi. Ebbene non passa giorno che non ci capiti di sentire, nei discorsi di parenti, o conoscenti e non, a lavoro o in divertimento, in fila alle poste o dal medico, apostrofare gli stranieri, "sos istranzos",  direttamente all’indirizzo degli stessi con termini quale albanese, zingaro, rumeno, quando anche non rispunta fuori la vera essenza razzista del ventennio, quella dell’italica "stirpe", verso la terra del "hic sunt leones", per cui gli "africani", i negri, stanno arrivando a milioni e rovineranno la nostra "civiltà". Quindi anche in questi giorni, sebbene sembri che vi sia stata una tregua verbale, si discorre di cifre, percentuali, dati, su chi deve o non deve entrare, ovvero restare fuori. Sono senza parole … evidentemente come si usava dire … i fascismi covano dentro di noi.
Chiedo solo una cosa, semplice, per questo anno "che verrà": più rispetto per gli altri (sos ateros),per gli stranieri (sos istranzos), ma anche per gli strani (sos istrambos).

Sa zente est istramba

Sa zente est istramba
cando ses unu istranzu.
sas caras ti paren lezas
cando ses a solu.
Sas fèminas ti paren traitoras
cando non ses chèrfidu,
Sas carrelas sunis iscumentadas
cando no ses in trassa.

Cando ses istrambu
sas caras istuppan dae s’aba pròtina
cando ses istrambu
nemos s’ammentat su lumen tuo
cando ses istrambu

People are strange
(Jim Morrison – The Doors)

People are strange
when you’re a stranger
Faces look ugly
when you’re alone
Women seem wicked
when you’re unwanted
Streets are uneven
when you’re down

When you’re strange
Faces come out of the rain
When you’re strange
No one remembers your name
When you’re strange

No one remembers your name
When you’re strange


Auguri

Bonas Pascas de Nadale a totus


Presepio sardo proveniente da Cala Gonone (NU) in terracotta policroma posato in un paesaggio tipico sardo

..per chi vuole, o può, farci un salto potete vedere "Sa nascimenta" – Presepe vivente itinerante, a Gergei, nel cuore del Sarcidano


Donna

grazie a Rosaluna che col suo post mi ha rinverdito i versi di Umberto saba
SU ISCIALU DE SA ‘IGHINA

Fèmina

Cando fustis
zobanedda punghias
che mura de cresuras. Puru su pede
lu tenias pro arma, o agreste.
Fustis mala a tenner.

Galu
zobana, galu
ses bella. Sos sinnos
de sos annos, ‘sos de su dolore, astringhen
sas animas nostras, una nde faghen. E in palas
sos pilos nigheddos meda chi agròmero
in poddighes, prus non timo su minore
biancu puntuda oricra de su dimoniu

Donna
(Umberto Saba)

Quand’eri
giovinetta pungevi
come una mora di macchia. Anche il piede
t’era un’arma, o selvaggia.
Eri difficile a prendere.

Ancora
giovane, ancora
sei bella. I segni
degli anni, quelli del dolore, legano
l’anime nostre, una ne fanno. E dietro
i capelli nerissimi che avvolgo
alle mie dita, più non temo il piccolo
bianco puntuto orecchio demoniaco.


leggere sardo!

Salterella salterella, clicca qui e clicca dilà, ho beccato un bel po di libri della sterminata letteratura sarda in pdf.
Cliccare per credere nella pagina Sardegnacultura il link biblioteca sarda (dell’assessorato dei BENI CULTURALI DELLA SARDEGNA)

I libri tranquillamente e velocemente scaricabili vanno da Abate Francesco a Zizi Bachisio

in particolare uno fra i miei autori preferiti Sergio Atzeni
– Il quinto passo è l’addio
Passavamo sulla terra leggeri
– I sogni della città bianca
– Racconti con colonna sonora
– Due colori esistono al mondo. Il verde è il secondo

Inoltre, visto che ultimamente ne ho parlato in alcuni post, un interessante libro sul banditismo
"Banditi a orgosolo"

per gli amanti della LIngua sarda il primo studio organico (udite udite) del tedesco Wagner
"La lingua sarda" di Max Leopold Wagner (del 1950)

Per chi come me è anche amante della poesia in limba…il mitico e sempre attuale "Peppinu Mereu" – Poesie complete – a cura di Giancarlo Porcu
traduzione di Giovanni Dettori, Marcello Fois,Alberto Masala

Nella sezione "Dizionari" si trovano interessanti ed utili vocabolari di
Luigi Farina, Giovanni Mura e il Dizionario di Porru Vincenzo Raimondo

e inoltre Grande Enciclopedia della Sardegna in dieci volumi, scaricabili sempre in pdf…

ora scusate se con i miei amici…d’altri tempi…mi canto alcune poesie

Fortza Paris e…….
Buona lettura!