Archivi del mese: febbraio 2008

ho combattuto la legge

Da bardaneri quale io sono, grassatore, assaltatore di diligenze, espropriatore proletario, fuorilegge, un po brigante e un po bandito, …insomma fatte voi, di tanto in tanto mi ronzano in testa brani piuttosto carichi di ritmo e significato. Anche se conosciuta ai più nella versione dei Clash il brano "I Fought The Law" è di Sonny Curtis, un ex componente del gruppo di Buddy Holly, The Crickets, per intenderci Buddy Holly è quello da cui ha preso in prestito il look Elvis Costello (di cui adoro tutta la discografia, anche con le collaborazioni). Comunque … è un brano senza tempo.

The Cost of Living,1979 (EP)
per il testo in italiano clicca….

 

Apu cumbàtiu sa justìtzia

Seghendi perdas in su soli callenti
apu cumbàtiu sa justìtzia e sa ley at bintu
apu tentu abisòngiu de dinai puita ca no nd’apu mai tentu
apu cumbàtiu sa justìtzia e sa ley at bintu
apu lassau sa pipia e issa s’est intèndia mali
sa cursa mia est inghitzada
issa est sa mellus piccioca chi apu tentu in vida
apu cumbàtiu sa justìtzia e sa ley at bintu
furendi a sa genti cun d’una ses cropus
apu cumbàtiu sa justìtzia e sa ley at bintu
apu pèrdiu sa piccioca e apu pèrediu sa cuntentesa
apu cumbàtiu sa justìtzia e sa ley at bintu
apu lassau sa pipia e issa s’est intèndia mali
sa cursa mia est inghitzada
issa est sa mellus piccioca chi apu tentu in vida
apu cumbàtiu sa justìtzia e sa ley at bintu

V I D E O

… e a gentile richiesta di"Alderaban" in commento #2
beccatevi il video
"Capital Radio & Janie Jones" dei mitici The Clash oppure la versione più classica….

The Clash
– I Fought The Law

Breakin’ rocks in the hot sun
I Fought the law and the law won
I needed money ‘cause I had none

I Fought the law and the law won
I left my baby and it feels so bad
Guess my race is run
She’s the best girl that I ever had
I Fought the law and the law won
Robbin’ people with a six-gun
I Fought the law and the law won
I lost my girl and I lost my fun
I Fought the law and the law won
I left my baby and it feels so bad
Guess my race is run
She’s the best girl that I ever had
I Fought the law and the law won

 

Benigni faceva tenerezza …. un po male in arnese rispetto agli altri fuorilegge di Down By Low (che ebbi la fortuna di vedere in 1^ visione)…

ma questo spara sul serio

Attento gringo,bang bang!!!!

e che dire invece dei BRIGANTI eh?  ci hanno fatto credere che erano dei delinquenti incalliti, dei sanguinari. Ma allora chi erano. Clicca quì, forse è il caso di rivedere un po la storia, la nostra storia, non quella che hanno scritto i vincitori

Banditismo:
Sotto il termine banditismo (gotico *bandwjan, cioè "fare un segnale", attraverso il latino medievale bandire, col significato di "mandare in esilio", incrociato col francese bannir) vengono comunemente indicati, a volte in modo improprio, fenomeni di banditismo comune, di natura sociale e politica.
Ne sono esistiti personaggi e forme particolari, che hanno dato origine anche a leggende e generi artistici: basti ricordare Robin Hood, i reali o immaginari pistoleri del vecchio West, nonché i briganti dell’Italia meridionale durante il processo di unificazione dell’Italia e nei primi decenni del Regno.
La realtà del banditismo esisteva già all’epoca della repubblica romana: il praedo o latro era colui che predava e si dava alla macchia.

"Bandito" fu definito anche il partigiano dagli occupanti nazisti. (ma guarda un po !!!)

Per chi invece vuol sapere qualcosa anche sul banditismo sardo non deve fare altro che scaricare quest’articolo di Antonio Pigliaru in formato pdf  Quando si dice banditismo sardo, Editoriale pubblicato nel n. 27 di Ichnusa, 1958


Socialismo e barbarie

un disco datato, brani alla rinfusa, un cantante che abiura con un autodafè, echi di inni sovietici infranti, obiettori antiabortisti all’arrembaggio, pattume in ogni dove, veline in cattedra, grandifratelli in eurovisione, pifferai magici mediocri per un popolo bue che ci casca ancora, precari erranti, scampoli di compravendita elettorale senza pudori, vaievieni di idee, idee che non tornano, falci arruginite, martelli che scandiscono il ritmo della fatica, il vento che continua a fischiare, cannoni che continuano a non tacere, nazionalismi vecchi e nuovi, anzi nuovi che paiono i vecchi, nazistelli impuniti  vagano alla ricerca di deboli da randellare, basse macellerie umane per appetiti di mercanti d’armi, gerontocrati avezzi al comando, candidati per ogni stagione, stipendi che non arrivi a fine mese, saldi di mezza stagione per simboli desueti, simboli in cerca d’autore, palazzinari del nord che mi cementificano la Gallura, coglioni isolani che gli danno retta, sniffatori di coca a la page, tv spazzatura e spazzatura in tv, … mainchecazzodimondovivo!!!!

…non tutti possono/tendendo le braccia/afferrare la sorte/schiaffeggiarle la faccia/renderla solida ed obbediente/renderla tenera, incandescente…

A ja Ljublju SSSR
(CCCP – "Socialismo e Barbarie")

Bollu fragai
su sabori colori ‘e xelu de su ferru
bollu biri
su nuscu insangunau de su fogu
ddui est ddu sciu
no totus podint
allonghiendi is bratzus
acciapai sa sorti
a dda pigai a iscantuladas
dd’apoderai tostada e obedienti
dda fairi moddi, incravigada
a ja Ljublju SSSR
a ja Ljublju SSSR
su fogu de unu coru
chi alluit sa menti
poit fundi sa cillixia
de su màrmuru: buddiu!
onoru su bratzu
chi movit su trellaxu
onoru sa fortza
chi movit s’atzraxu
ddui est ddu sciu
a ja Ljublju SSSR
a ja Ljublju SSSR

A ja Ljublju SSSR
(CCCP – "Socialismo e Barbarie")

Voglio odorare
il sapore celeste del ferro
voglio vedere
il profumo sanguigno del fuoco
esiste lo so
non tutti possono
tendendo le braccia
afferrare la sorte
schiaffeggiarle la faccia
renderla solida ed obbediente
renderla tenera, incandescente
a ja Ljublju SSSR
a ja Ljublju SSSR
il fuoco di un cuore
che incendia la mente
può fondere il gelo
del marmo: bollente!
onoro il braccio
che muove il telaio
onoro la forza
che muove l’acciaio
esiste lo so
a ja Ljublju SSSR
a ja Ljublju SSSR

"… La piccola borghesia si incrosta nell’istituto parlamentare: da organismo di controllo della borghesia capitalistica sulla Corona e sull’Amministrazione pubblica, il Parlamento diviene una bottega di chiacchiere e di scandali, diviene un mezzo al parassitismo. …"

Il popolo delle scimmie
di Antonio Gramsci
"L’Ordine Nuovo", 2 gennaio 1921


fracci e mateddu

…così, senza tanti clamori, senza rivolte di piazza, come un oggetto inutile in soffitta, rischia di sparire il simbolo di tante battaglie, la falce-e-martello, sparisce dalla competizione elettorale, da questa competizione elettorale, per un insieme di congetture volute-non-volute, ed alchimie elettorali. Ricordo una volta in cui facevo lo scrutatore si avvicinò, un po impacciato, un po preoccupato, un anziano concittadino che, disorientato, non riusciva a trovare il simbolo, sa fracci e mateddu, nella scheda elettorale. Gli spiegai che "sa fraci e su mateddu" non c’erano perché si trattava di una competizione dove il simbolo dei progressisti riuniva diversi partiti tra cui il suo. Mi disse… no mi frigas tui, deu no votu. Poi zitto zitto prese la sua scheda e andò a votare, quando uscì dalla cabine mi passò a fianco e mi disse … ascuta, custa borta passat, ma deu no votu prus chi no ddui est fraci e mateddu ( ascò, stavolta passi, ma se non c’è falce e martello non voto più). Mi raccontò cosa voleva dire per lui quel simbolo, passato in mille difficoltà fra le due guerre, cosa voleva dire fare campagna elettorale negli anni 50, nell’ostracismo generale, licenziato non appena sapevano delle sue opinioni, di là dove era emigrato. Ora Tziu Antoni non c’è più, riposa come tanti altri che hanno creduto e votato quel simbolo.  Oggi non c’è più manco quello. Dobbiamo farcene una ragione?
A si biri luegu fracciemateddu!

Teatro degli Artigianelli
– Umberto Saba –

Falce martello e la stella d’Italia
ornano nuovi la sala. Ma quanto
dolore per quel segno su quel muro!

Esce, sorretto dalle grucce, il Prologo.
Saluta al pugno; dice sue parole
perché le donne ridano e i fanciulli
che affollano la povera platea.
Dice, timido ancora, dell’idea
che gli animi affratella; chiude: "E adesso
faccio come i tedeschi: mi ritiro".
Tra un atto e l’altro, alla Cantina, in giro
rosseggia parco ai bicchieri l’amico
dell’uomo, cui rimargina ferite,
gli chiude solchi dolorosi; alcuno
venuto qui da spaventosi esigli,
si scalda a lui come chi ha freddo al sole.

Questo è il Teatro degli Artigianelli,
quale lo vide il poeta nel mille
novecentoquarantaquattro, un giorno
di Settembre, che a tratti
rombava ancora il canone, e Firenze
taceva, assorta nelle sue rovine.

 

     

 

lo so, lo so, direte che sto esagerando, lo so…

ma sono fatto così, ogni tanto esco dal seminato, lo so… 

 e dulcis in fundo….

e questo è un omaggio per Maurreddu nuovo blogher sardo…saludos

…..tutte le tessere del P.C.I. dalla sua fondazione al suo scioglimento.

……..visita pure

clicca per formato in pdf


La mia ragazza dorme la domenica mattina

Sa piciocca mia dromit dominiga a mengianu
(Federicu Fiumani)

Sa piciocca mia dromit domìniga a mengianu
a apustis ismurzau si torrat a crocai
Deu dda pigu cun filosofia
in su treballu suu su pàusu est a pagu a pagu
deu dda pigu cun filosofia
puita de seti disi ndi treballat sesi
no cumenti a mimi ca no fatzu unu catzu a totu di

Sa piciocca mia annadat aintru is lagus de silèntziu
e ndi seu seguru ca sperat unu benidori unu pagu diversu
fortzis in su bisu ddui seu deu puru in mesu de lagu e aintru is ogus
fortzis in su bisu ddui seu deu puru
perou no bolit a dda tocai

E a merì besseus a luxi de iscurigadroxu
e apustis a màcchina andaus fàcias a su portu de Livorno
issa apoderat is ogus unu pagu serraus
càschidat e isbùffidat chi parit una gatu
issa apoderat is ogus unu pagu serraus
e deu sciu ca bisat su lettu no cument’a mei
ca ia abarrai in foras notti e dì

Sa piciocca mia dromit domìniga a mengianu
a apustis ismurzau si torrat a crocai
Deu dda pigu cun filosofia
in su treballu suu su pàusu est a pagu a pagu
deu dda pigu cun filosofia
puita de seti disi ndi treballat sesi
no cumenti a mimi ca no fatzu unu catzu a totu di


http://www.diaframma.org/

La mia ragazza dorme la domenica mattina – Federico Fiumani

La mia ragazza dorme la domenica mattina
e dopo colazione si rimette a dormire
Io la prendo con filosofia
nel suo lavoro le pause son strette
Io la prendo con filosofia
perchè lavora sei giorni su sette
non come me che non faccio un cazzo tutto il giorno

La mia ragazza nuota dentro ai laghi del silenzio
e son sicuro spera un futuro un po’ diverso
forse nel sogno ci sono anch’io in mezzo al lago e dentro agli occhi
forse nel sogno ci sono anch’io
però non vuole che io la tocchi

E verso sera usciamo nella luce del tramonto
e poi con l’auto andiamo verso il porto di Livorno
lei tiene gli occhi un pò socchiusi
sbadiglia e sbuffa che sembra un gatto
lei tiene gli occhi un pò socchiusi
ed io già so che sogna il letto non come me
che starei fuori tutta la notte e anche il giorno

La mia ragazza dorme la domenica mattina
e dopo colazione si rimette a dormire
io la prendo con filosofia
nel suo lavoro le pause son strette
io la prendo con filosofia
perchè lavora sei giorni su sette
non come me che non faccio un cazzo tutto il giorno