Pantere Nere – 2

« Totu su podere a su populu »
« All the power at the people »
« Tutto il potere al popolo »
 (Le Pantere Nere)

Il loro pensiero graffia ancora… di seguito alcune delle panthers che hanno fatto passare sogni poco tranquilli all’FBI……

Bobby Seale
– attivista del movimento afroamericano statunitense, fondatore delle Pantere Nere è stato presidente del movimento. Nel 1968 Seale fu uno degli otto uomini accusati di cospirazione e incitamento alla sommossa, per aver partecipato alle proteste avvenute a Chicago durante il congresso nazionale del Partito Democratico Statunitense. Seale fu condannato a quattro anni di carcere. Bobby Seale interpretò nel ’92 un piccolo ruolo in "Malcolm X" di Spike Lee.

Angela Davis
– Angela Yvonne Davis è una attivista del movimento afroamericano statunitense, militante del Partito Comunista degli Stati Uniti fino al 1991. Nasce in un quartiere dominato da un acuto conflitto razziale. A 14 anni si iscrive alla Little Red School, scuola privata del Greenwich Village, quartiere radicale e progressista di New York. Lì comincia i suoi studi sul socialismo e sul comunismo e comincia a militare nel gruppo giovanile comunista. Prosegue gli studi alla Brandeis University, in Massachussets, poi in Francia e in Germania, studentessa di Adorno. Nel contempo crescono la sua coscienza politica e il suo attivismo, e ben presto l’evolvere degli eventi negli Stati Uniti, con il dilagare del movimento per i diritti civili, la spinge a tornare. Negli U.S.A., ormai tra i leader del movimento e del Partito Comunista, balza agli onori della cronaca per la sua dura detenzione in carcere, in cui viene rinchiusa dopo una lunga latitanza per il suo collegamento (mai provato del tutto) con l’omicidio ad opera delle Pantere Nere del giudice Harold Haley.

Huey P. Newton
– nato a Monroe, Louisiana, il 17 febbraio del 1942, ultimo di sette fratelli. La famiglia si era trasferita a Oakland quando Huey aveva un anno.La città era divisa in due parti distinte, una collinare abitata dalla classe medio-alta dei bianchi e le flatlands, le zone piatte, dove siaffollavano i neri,chicanos e cinesi, divisi tra ghetti di West Oakland e East Okland. Dopo il diploma di maturità, definito una farsa, Newton si iscrisse alla fine del ’59 all’ Oakland City College. Attraverso le letture del college si interessò anche al socialismo e alla rivoluzione cubana, frquentando qualcuno dei gruppi marxisti presenti nell’ area, come il Progressive Labor Party di ispirazione maoista. L’ impegno politico di Newton continuò a mescolarsi con le attività " criminali" del ghetto. Si mise a studiare legge prima al City College e poi alla San Francisco Law School, utilizzando il suo apprendimento soprattutto per attività illegali: furti con scasso negli appartamenti e nelle auto di Berkley, traffici in assegni e carte di credito rubate. Nel 1964 venne arrestato per accoltellamento durante una rissa, passando sei mesi in carcere, di cui uno in isolamento assoluto per il suo atteggiamento di non collaborazione con le autorità. Uscito dal carcere decise di fondare con Seale il partito della pantera nera e fu proprio Newton a dettare i dieci punti divisi in due sezioni: "COSA VOGLIAMO" e " COSA CREDIAMO". Disse:"Accetto di essere considerato un fuorilegge, perchè per cambiare le leggi devi metterti al di fuori della legge. Se fai così e la gente è con te, allora diventerai un eroe; se non lo è, allora diventerai un criminale. Accetto di essere considerato un deviante . Ho deviato dal rimanere docile. Questo governo ha distrutto il movimento, ha distrutto il fervore rivoluzionario della comunità…ma sto aspettando che sorgano nuovi movimenti. I movimenti rivoluzionari arrivano a ondate e, se mi guardo intorno, vedo movimenti crescere dentro la comunità. Ora sono nel loro stadio infantile, ma io credo nella capacità del tempo di rimarginare tutte le ferite."

George Jackson

– (23 settembre 1941 – 21 agosto 1971) uno dei principali militanti del Black Panther Party (BPP). Jackson fu atrocemente ucciso da un secondino una settimana dopo che il suo pamphlet, "Col sangue agli occhi", riuscì a varcare clandestinamente le porte del penitenziario di San Quentin, il 21 agosto del 1971. Il suo omicidio, come quello di tanti altri rivoluzionari neri, fu esplicitamente voluto dalle autorità carcerarie che giunsero a mettere una taglia sulla sua testa: ai detenuti bianchi era esplicitamente detto: «Stangate Jackson, e ci sarà una ricompensa per voi».

David Hilliard
– Membro fondatore ed ex-Capo di Stato Maggiore del Black Panther Party, "autorità intellettuale" sulla storia del Black Panther Party. Autore di numerosissimi libri sul BPP e sulle dinamiche sociali della comunità afroamericana dagli anni ’60 ad oggi, ultimo tra tutti quello sui programmi di autogestione sociale messi in piedi negli anni ’60 e ’70 all’interno dei ghetti urbani dal BPP. Dalla fine degli anni ’60 le Pantere Nere sono state, a livello nazionale, l’unica organizzazione che offriva gratuitamente cibo, medicine e servizi legali all’interno delle periferie; solo per citare alcune cose di comprensione diretta. Proprio per il loro radicamento sociale tra "gli ultimi", la loro dinamica di contropotere e la loro reale attrattività, le Pantere Nere sono state classificate dal direttore dell’FBI (J. Edgar Hoover) "la più grande minaccia per la sicurezza interna agli USA". Dal 1993 David Hilliard dirige le attività della "Dr. Huey P. Newton Foundation", un’organizzazione no-profit impegnata a preservare e promuovere l’eredità intellettuale, sociale e storica dell’esperienza del BPP. Il lavoro svolto dalla fondazione ha anche attirato l’attenzione del New York Times, il Chicago Tribune e il Los Angeles Times, come pure della National Public Radio e della Pacifica Radio Network. David Hilliard insegna al Merritt College, al Laney College ed al New College, partecipando, inoltre, a conferenze in tutti gli Stati Uniti ed in Europa: per la prima volta arriva anche in Italia; è stato anche un consigliere per il lungometraggio "Panther" (di Mario Van Peebles) e per la produzione teatrale montata a film di Spike Lee, "A Huey P. Newton Story".

Mumia Abu-Jamal

Erano gli anni ’80, e Mumia Abu-Jamal era famoso quasi come Nelson Mandela. Era un giornalista di Philadelphia, nero di pelle e radicale di pensiero. Rompeva le scatole alla polizia corrotta della sua città denunciandone i crimini. Militava nelle Pantere Nere, i Black Panthers, il partito della liberazione nera, nel quale era entrato a 14 anni, colpito fin quasi allo sterminio dalla "democrazia" statunitense. Quella democrazia statunitense che, come il neo-liberismo metabolizza e trae profitto da tutto, tra pochi mesi potrebbe avere come presidente un giurista afrodiscendente, Barak Obama. Mumia Abu-Jamal fu condannato a morte per l’omicidio di un poliziotto nel 1982. Oggi siamo alla vigilia di un nuovo processo, sul quale continua ad aleggiare il vulnus del razzismo. Nonostante le circostanze del conflitto a fuoco, nel quale rimase ucciso l’agente, non siano mai state chiarite, l’innocenza di Mumia era evidente. Ma la polizia non aspettava altro e il suo caso fu montato da subito per dimostrarne la colpevolezza e liberarsi di quella voce scomoda. L’instancabile censore della corruzione del sistema giudiziario in Pennsylvania fu rapidamente condannato a morte da quello stesso sistema in un clima di odio sordido della polizia e della magistratura bianca contro il giornalista nero. Mumia Abu-Jamal è in un braccio della morte da un quarto di secolo. Vi ha passato ormai la metà della sua vita.

Annunci

16 responses to “Pantere Nere – 2

  • perlasmarrita

    Ci crederesti, Bard, che Angela Davis era uno dei miei idoli di gioventù?
    Facile… all’università tutti eravamo vicini alla Scuola di Francoforte.. avrei un desiderio matto di parlare di quei tempi.. ma rischio la galera se lo faccio !! :))))
    Ed ora??? Ora voto PD 😦

  • FronEsis82

    Bellissimo post, molto interessante.

  • giovanotta

    la testa piena di capelli ricci di Angela Davis era un’icona della ribellione degli afroamericani in USA.. e la storia di Mumia Abu-Jamal esemplare della protervia dell’inumana pena di morte, per di più in un caso di innocenza!

  • militante

    nel ’95 portai in consiglio comunale il caso di mumia e riuscii a far votare la delibera da inviare negli USA anche ai consiglieri centristi.. le pantere nere sono la testimonianza del clima di repressione del dissenso da sempre presente nella “culla della democrazia”..
    p.s. perlasmarrita nessuno ti costringe a votare PD eh! 😉

  • ROSALUNA37

    Ricordo, soprattutto Angela Davis ! Ha votato la sua vita a questa immane battaglia.

  • pietroatzeni

    Quanto poco è democratico il paese simbolo, sic, della democrazia, la lettera d è volutamente minuscola. Ciao, Pietro

  • nheit

    Mumia Abu-Jamal all’ergastolo il 27 marzo 2008 è stata annullata la sua condanna a morte dopo un processo ingiusto e razzista
    un destino come gatto contro topo

  • Maurreddu

    Io sono molto affascinato dalle lotte degli afroamericani.
    Così vicine a certi percorsi che sento famigliari nella mia vita.

    Ho visto di recente un documentario, che parla in maniera un pò più approfondita della fase del declino del BPP.
    Mi ha interessato molto anche perché è proprio la fase che conosco meno bene.

    Accidenti, mi sono sorti dei dubbi e degli interrogativi inquietanti.

    Huey quando uscì dal carcere era una persona ormai troppo diversa, probabilmente anche meno pericolosa per il sistema yanqui.

    Tanto si è parlato, anche in Italia, del ruolo dell’eroina nella repressioni dei movimenti.

    Tutte analisi, a mio parere, vere.

    Ma qui si parla di cocaina.

    Bene, avrei sampre voluto dedicarvi un post nel mio blog ma non ho mai trovato la musa.

    Tuttavia io il ruolo di quella sostanza, troppo spesso e facilmente sdoganata anche in ambiti di lotta, non è per niente inferiore a quello della roba.

  • Bardaneri

    noto con piacere che post così “lunghi” e militanti trovino ancora interesse, ma non dovrebbe essere così strano visto che da anni esiste un vuoto “ideologico” ma anche di idee in senso stretto. In questi ultimi tempi bui e angosciosi dove pare che si riparta dall’anno “zero” forse un po di memoria storica assolve al compito della “boccata d’aria”. Detto ciò condivido appieno militante nel senso che non esiste nulla di imponderabile nel dare o non dare un voro, tanto più ad un partito (?) che ha tranciato di netto le prorie radici col passato rinnegando quasi tutto, dove il suo leader pesca a piene mani dal “sistema” americano, sta poi ad ognuno di noi giudicarne la democrazia degli u.s.a., e mi sembra che su questo tasto vi siate espressi spesso.
    Su Angela Davis poi tutte le volte che mi capita di sentirne parlare i leggerene mi corre un brividino benefico.
    Maurreddu … hai ragione la “polverina” è pura schifezza…

    saludos a totus e buona festa della Repubblica

  • iry50

    lettura molto interessante

    baci baci iry
    http://echidipoesia.com

  • anonimo

    Che bel post…la storia di Mumia dice molto sul sistema giudiziario americano e sul razzismo strisciante che ancora oggi esiste negli Stati Uniti (in Italia ultimamente non siamo messi meglio)…Obama potrebbe riscattare definitivamente tutto ciò!

  • perlasmarrita

    Vorrei dire a militante che nessuno mi obbliga, è solo la mia personale evoluzione politica e, va detto anche perchè mi rivolgevo a Barda che sa, che l’ho votato quest’anno e con una motivazione ben specifica.
    Caro militante l’ironia va compresa e decodificata 🙂 te lo dico con un sorriso :))))

    Obama a mio parere non riscatterà proprio niente. è così contiguo al potere!!!

    Ciao Bard, mi perdoni queste due polemicuccce?? :)))

  • nheit

    ma sì Barda perdona e Barda intende .ricorda Francesca che è un Shardana
    e i Shardana ormai tu ne fai parte in ideale
    scolpivano le lettere sui sassi lucidati da correnti e le donavano preziose agli amici cari
    o le tiravano in testa a chi si dimostrava ostile .
    Barda Shardana dammi ora una dritta ché mi sto perdendo di nuovo nei magoni della vita e m’ammoscio non poco .
    come può un gatto scontento d’essere micio rassegnato ad aver perduto la fierezza,
    ridiventar Pantera come al tempo dei suoi tempi ?

  • Maurreddu

    Excusatio non petita, accusatio manifesta

  • Bardaneri

    i tempi sono maturi…per ritornar panthera cara nheit

  • vedraivedrai

    Anni fa lessi da qualche parte che Angela Davis fù espulsa dal Partito Comunista Americano perchè gorbacioviana… Non sarei in grado di puntare una scommessa sulla cosa, ma questo è quello che ricordo.
    Comunque, quando penso alle black Panthers, non riesco a fare a meno di pensare a come si siano svuotati della propria identità i neri d’america. Non solo non esiste più un movimento politico comunista, ma neanche l’america dei Blues Brothers si può dire esista più.
    La questione è sempre di classe: Nelle periferie prevale la gang, l’oro, la droga e gli stereotipi dei duri a velocità rallentata dei viodeo clip. In questo immaginario mi pare oggi radichino la propria identità. Nella borghesia un qualsiasi Obama è più simile ai Robinson che un avvocato attivista per i diritti civili.
    Questa mi pare la realtà e Obama è quanto di più vecchio col suo vuoto espanso sloganistico, la politica dell’immagine e quant’altro già conoscete della politica USA.
    Ciao
    Grazie per la visita

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: