Archivi del mese: maggio 2009

Morti bianche, morti sul lavoro.

Sardegna, tre operai morti alla raffineria Saras

Morti …bianche
sangue … rosso
profitti … neri, come il petrolio.

Ai lavoratori la morte,
al padronato il profitto.
Vergogna infinita.

Annunci

Italiani brava gente?

 1938 – Le leggi razziali fasciste

2009 – il cd. Pacchetto sicurezza
… i punti principali

19 maggio 2009
Genova: Dirigente scolastica scrive alla lavagna i nomi degli studenti "clandestini"

"Un giorno è entrata in aula la preside, ha preso un gessetto e si è messa a scrivere sulla lavagna un elenco di alunni. Ha fatto lo stesso in tutte le classi e nelle tre scuole del plesso, e quando non tracciava la sua lista era perché pronunciava ad alta voce i nomi degli studenti. Nomi di origine straniera. Nomi di presunti, futuri clandestini. Di prossimi fuorilegge. Nomi di ragazzi che nel corso dell´anno scolastico avrebbero compiuto il diciottesimo anno di età, e che non avevano chiarito la loro posizione ai sensi del futuro permesso di soggiorno. Perché in Italia si può diventare degli irregolari per quello che si è, non per quello che si fa: basta raggiungere la maggiore età e avere dei genitori privi di permesso, o peggio ancora residenti in una casa troppo piccola, o titolari di un reddito considerato insufficiente. (…..)"


Dentro la tasca di un qualunque mattino

Aintru de busciaca de calisisiat mengianu

Aintru de busciaca de calisisiat mengianu
Aintru de busciaca t’apu a pigai
In su mucadori de cotoni e profumu
in su mucadori t’apu a cuai

Aintru de busciaca de calisisiat mengianu
Aintru de busciaca t’apu a cuai
e cun sa manu, chi no biat nemus
e cun sa manu t’apu a carinnai

Si nd’at a pesai su soli de mesudì
at a passai artu a pitzus de nosu
fintzas a sa busciaca de merì
ti ingollu ancora
chi ancora mi bolis

Si nd’at a pesai su soli de mesudì
e at a passai artu, artu meda apitzus de nosu
fintzas a sa busciaca de merì
de s’atra busciaca t’ingollu
chi bolis

Aintru de busciaca de calisisiat mengianu
Aintru de busciaca t’atu a pigai
cun su mucadori de seda e profumu
cun su mucadori t’apu a imbussai

Aintru de busciaca de calisisiat mengianu
aintru de busciaca t’apu a cuai
e cun sa manu, chi no bia nemus
e cun sa manu t’apu a carinnai
e cun sa manu, chi no bia nemus
cun custa manu t’apu a saludai

Dentro la tasca di un qualunque mattino

Dentro la tasca di un qualunque mattino
dentro la tasca ti porterei
nel fazzoletto di cotone e profumo
nel fazzoletto ti nasconderei

Dentro la tasca di un qualunque mattino
dentro la tasca ti nasconderei
e con la mano, che non veda nessuno
e con la mano ti accarezzerei

Salirà il sole del mezzogiorno
passerà alto sopra di noi
fino alla tasca del pomeriggio
ti porto ancora
se ancora mi vuoi

Salirà il sole del mezzogiorno
e passerà alto, molto sopra di noi
fino alla tasca del pomeriggio
dall’altra tasca ti porto
se vuoi

Dentro la tasca di un qualunque mattino
dentro la tasca ti porterei
col fazzoletto di seta e profumo
col fazzoletto ti coprirei

Dentro la tasca di un qualunque mattino
dentro la tasca ti nasconderei
e con la mano, che non veda nessuno
e con la mano ti accarezzerei
e con la mano, che non veda nessuno
con questa mano ti saluterei

Gianmaria Testa – Dentro la tasca di un qualunque mattino