Archivi del mese: novembre 2010

Paolo Fresu est su menzus

Che io avessi una predilizione per la musica di Poalo Fresu non è un mistero. La adoro. Mi sono cimentato anche nel comporre alcuni versi. Poca cosa rispetto al talento che ha lui. Spigolando qua e la in rete ho trovato questo brano fantastico. Summertime da "Porgy and Bess" con gli arrangiamenti di Gil Evans da G.Gershwin. Eseguito al Teatro Verdi, Sassari 23/12/1999.
Spero che sia di buon auspicio per i tempi a venire. Stamane a Cagliari, fra la via Sonnino e via Roma, mi ha emozionato l'ingresso del MPS Movimento Pastori Sardi, nel corteo degli studenti nella manifestazione per la giornata mondiale dello studente. Grande emozione allo slogan comune "Studenti e pastori uniti nella lotta".
Speriamo in un risveglio del popolo sardo e nella fine del quasi ventennio di un imbonitore del tubo catodico., e dei suoi cloni ed emuli.
Si sa … "sa coda est mala a iscorzare" (la coda è brutta da scuoiare) come a dire che sarà dura, ma alla fine insieme, uniti nella lotta ce la faremo.

                      

Orchestra Jazz della Sardegna
Direttore: G.A.Frassetto
Paolo Fresu: tromba solista
Aldo Nicolicchia, PierLuigi Bussu: flauti
Gianpiero Carta, Teodoro Ruzzettu: clarinetti
Dante Casu: clarinetto basso
Massimo Carboni: sax alto
Emilio Soana, Raffaele Polcino, Luca Uras, Pietro Pilo: trombe
Gavino Mele, Roberto Mura, Roberto Chelo: corni
Salvatore Moraccini, Emiliano Desole, Mauro Sanna: tromboni
Maurizio Ligas: trombone basso
Emiliano Isola: tuba
Alessandro Zolo: contrabbasso
Luca Piana: batteria


Son tornato anche stanotte …

Notti De Provìncia

Notesta puru seu torrau

bellu obertu est su portali

e-i custas iscalas funt limpiadas aicci beni

mancai siat ierru s’àiri gei est frisca

sa notti a colori ‘e xelu apitzus ‘e is croberturas

e is fentanas funt dromias

totu cantu est beni acabidau

e no parit de aicci mala

ma tèngiu gepidus in giru de pagai

e medas amigus funt lassendumì a una parti

impari cun su tempus si funt fuendi is bisus

s’amori allupau in d’una tassa ‘e binu

e cras est giai giai che ariseru

no passant trenus a tretu

ma ita ‘olis

naru meu ca est sempri una citadi pitica

e crasi mi nd’andu

s’arti si strisiat prus atesu

custus barrixeddus faint ischifu

e in cust’infadu chi mi stontonat

deu scadèsciu

at a passai custu tempus

de aicci susuncu e marriu

po imoi no sciu anca atru jassu andai

r-2689285-1299431842-jpeg

Vinicio Capossela

> Notte Di Provincia

<<Modì (1991)>>

Son tornato anche stanotte

il portone è bell’è aperto

e queste scale così ben pulite

l’aria è fresca anche se è inverno

la notte è azzurra sopra i tetti

e le finestre sono addormentate

tutto quanto è proprio a posto

e in fondo non va così male

ma ho da pagare in giro un po’ di soldi

e sto perdendo molti amici

i sogni scappano e insieme il tempo

l’amore affoga nel bicchier di vino

e domani è sempre un poco ieri

non passan treni qua vicino

ma che vuoi

è una piccola città mi dico sempre

e domani me ne vado via

l’arte si fa più lontana

questi locali fanno schifo

e in questa noia che mi stordisce

io dimentico

passerà anche questo tempo

così avaro e così stanco

per ora non so dove altro andare…