Siamo tutti pastori. Buon anno nuovo

Semus totus pastores. Bon'annu benidore

Terminare un anno con una poesia di Raimondo Piras credo sia doveroso. Anzitutto per la levatura poetica di Remundu e per la grandezza della sua opera culturale in terra sarda. La poesia parla di un lavoro,oserei dire "una missione", di un mestiere, difficile, antico e dignitoso del popolo sardo: il pastore. Ultimamente si è letto di frequente nei giornali la frase "siamo tutti pastori". Credo che in questa poesia ci sia tutto il senso e la profondità dell'essere e del sentirsi pastore, nel più profondo dell'animo, nel dna, come lo è per me, pastori da generazioni. Io mi onoro di appartenere a questa tradizione, a questo mondo, anche se poi, ho scelto di fare altro. Però so, sento, capisco, i patimenti del pastore di oggi, fra il martello della globalizzazione e l'incudine della legislazione europea. Buttato in campagna dalle prime luci dell'alba, fino al tramonto, senza ferie, feste comandate da passare in tranquillità coi suoi cari, perché quello che conta è il ciclo biologico della pecora, che imprime tempi e modalità. Il pastore è anzitutto, obtorto collo, "ostaggio" della pecora, ne deve seguire i suoi ritmi, a poco valgono e varrebbero i moderni computers, di fronte ad un "mestiere" millenario, il pastore è insostituibile dalle macchine, poiché conosce tutto dei suoi capi, dalla camminata sa se la pecora patisce qualche malanno, dalle nuvole conosce le intemperie ed i rovesci di tempo che si avvicinano, tali da fargli cambiare programma in tempi stretti, far pascolare il gregge all'esterno in un certo terreno piuttosto che in un altro, ovvero tenerle in stalla. Tutto per arrivare al frutto, al prodotto, mal pagato, vituperato, non considerato in un mondo che pensa solo al profitto, alla quantità,non alla qualità. In poche parole è offensivo ed è vergognoso che un litro di latte costi quanto un litro d’acqua!
L'auspicio, quindi, è che il mondo pastorale, che finalmente ha preso coscienza "collettiva", si è fatto movimento, riottenga quella dignità quella centralità quella importanza che merita, senza la quale, il mondo che lo circonda non può farne a meno.

Semus totus pastores
 


Pastore Antigu
(Remundu Piras)

Paschet ferrada e bella ch'est ammiru
s''ama, bonificada in sa laguna:
in mesu, a fust'in balva che coluna,
e-i su tazu li paschet in giru

chi li dat ite fagher e regiru
batindendel'a domo sa fortuna.
PO las abintinnare a una a una
in paschimenta li 'enin a tiru:

sas belveghes lu melan e fiagan,
issu sa manu in rènules lis passat
lischendelis sa chirra fita e neta,

ca cussa sudditànscia mansueta
est sua, nd'est gelosu e las ingrassat
ca su tributu a bonu coro pagan.
(22/08/1972)

Pastore Antico

Pascola coi campanacci bella da ammirare
il gregge, bnificata nella laguna:
in mezzo, bastone sotto barba come colonna,
il gregge gli pascola intorno

che gli da da fare e lo impegna
portandogli a casa la fortuna.
Distinguendole ad una ad una
che durante il padcolo gli vengono a tiro:

le pecore lo belano e lo annusano,
lui le mani nel manto gli passa
lisciandogli la lana fitta e pulita,

che quella sudditanza mansueta
è la sua, ne è geloso e le ingrassa
che il tributo di buon cuore pàgano

.

                                  

Annunci

7 responses to “Siamo tutti pastori. Buon anno nuovo

  • anonimo

    La poesia de Remundu Piras sia di buon auspicio per tutti noi.
     Ciao Bardanè a kentu annos, 
     Lucia , Rosaluna.

  • giovanotta

    TANTI AUGURI BARDA!!
    (in rosso anche per te!)

  • nheit

    "…mirade chi sas aeras ammenètzana temporale…"
      salutami Nuoro. è bella e consola lo spirito

  • Bardaneri

    è anche un'esortazione per noi stessi

    saludos

  • nheit

    toc toc toc toc   a computer  computer risponde…

  • perlasmarrita

    Quanto mi piace questa tua affermazione, Bard : " mi onoro di appartenere a questa tradizione, a questo mondo, anche se poi, ho scelto di fare altro."  Anche io ho fatto altro e se pur debole non capendoci un accidente, anche io son fiera di avere una radice contadine.
    Mi da il senso della mia origine e un giusto distacco dalle cose; mi da quell'umanità che mi deriva dal rispetto per quel che creo perchè mi costa fatica ed impegno.

    Oh Bard, ha ragione Nheit, che ci fa lassù arroccato? torna dai 🙂 dobbiamo svegliare la primavera 🙂

  • Bardaneri

    le mie fugaci apparizioni care amigas blogadoras sono dettate dall'assenza del mio inseparabile notebook che ultimamente ha fatto "puff". Spero di ripararlo al più presto. Intanto devo "mendicare" accessi da altri pc.c.
    Tornerò anche qui, presto

    saludos

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: