Archivi del mese: gennaio 2011

Popolo sei schiavo

"Sa boghe longa"

di Daniele Sepe
voce Nico Casu da "Spiritus Mundi" 1995

 

Popolu ses isciau,
fadigas e sudore
cunsacra pro capritzos e disizos.

E tue sentza pane,
istancu, famidu e nudu,
no altzas de disdinnu una protesta.

Ses peus de su cane,
vilmente servis e mudu,
linghes sa manu ingrata e faghes festa.

E tue gràsciu iscrau
chi su ricu sennore
faghet a palas tuas cun fastizu.

E tue senza pane,
istancu, famidu e nudu,
no altzas de disdinnu una protesta.

Popolu ses isciau
de custa zente ischiva

e tue famidu gridas viva e viva!

Popolo sei schiavo,
fatica e sudore
sacrifichi per gli altrui vizi e capricci.

E tu, senza pane
stanco, affamato e nudo
non alzi di sdegno una protesta.

Sei peggio del cane
che servi con viltà zitto
lecca una mano ingrata e gli fa festa.

E tu grossa pancia
che il ricco signore
fa' alle tue spalle con fastidio.

E tu, senza pane
stanco, affamato e nudo
non alzi di sdegno una protesta.

Popolo sei schiavo
di questa gente viscida
ed affamato gridi:
Evviva Evviva!

 
Daniele Sepe – SPIRITUS MUNDI da "libreria neapolis" 

Daniele Sepe (Napoli, 17 aprile 1960), sassofonista e compositore italiano.
Si diploma in flauto al Conservatorio "San Pietro a Majella" di Napoli. Dopo alcuni anni di esperienza prima come come flautista classico, poi come sassofonista turnista, nel 1990 realizza il suo primo album autoprodotto: Malamusica. I suoi album incontrano fin da subito il parere favorevole della critica, ma è soltanto col quarto, Vite Perdite (1993), realizzato dalla Polosud e distribuito in tutto il mondo dall'etichetta tedesca Piranha, che le vendite decollano. Nel 1996 pubblica Viaggi fuori dai paraggi, la sua prima antologia, con la quale ha inizio una collaborazione con Il Manifesto che dura tuttora. Nel 1998 l'album Lavorare stanca gli frutta la targa Tenco come migliore album in dialetto. Nel 1999 partecipa al progetto La notte del Dio che balla con – tra gli altri – Teresa De Sio e Vinicio Capossela. Numerose sono le sue collaborazioni con altri musicisti (La Banda Improvvisa, Ensemble Micrologus) e con registi cinematografici e teatrali (Mario Martone, Davide Ferrario, Gabriele Salvatores – Amnèsia -, Enzo D'Alò). Difficile definire la sua musica, sempre in bilico tra reggae, folk, world music, jazz, rock, fusion, blues, musica classica… una sua caratteristica costante è il modo quasi "zappiano" di affrontare la scrittura e l'arrangiamento.

tratto dal gruppo daniele sepe facebook

Annunci

Contro la guerra!

Generali
Franciscu De Gregori

Generali agoa de su cùcuru
ddui est notti crucca e bocidora
e in mes''e pardu una messaiedda
incrubada a iscurigada parit pipia
de cincuant'annus e de cincu fillus
nàscius totus a tipu cunillus
partius a giru cumenti sordaus
e no ancora torraus

Generali agoa de istatzioni
ddu bis su trenu chi bandat a su soli
no si frimat prus mancu po pisciai
bandaus deretus a domu chentz''e prus pensai
chi sa gherra est bella mancai fatzat mali
chi eus a torrai torra a cantai
e a si fai fastigiai, fastigiai de is infermieras

Generali sa gherra est ispaciada
su nemigu est fuiu, bintu, acabau
agoa de su cùcuru no ddui est prus nemus
sceti agùlias de pinu silèntziu e cardulinu
bonus po papai bonus po sicai
po fai sa bànnia po paschixedda
candu is pipius prangint
e a crocai no ddui bolint andai

Generali custus cìncu isteddus
custas cìncu làgrimas apitzus de sa peddi
ita sensu tenint aintru de su sonu de custu trenu
mesu bùidu e mesu prenu
e bandat lestru fàcias a sa torrada
dus minutus ancora est giai obrèsciu
est giai domu, est giai amori

Generale – Francesco De Gregori

Generale, dietro la collina
ci sta la notte crucca e assassina,
e in mezzo al prato c'è una contadina,
curva sul tramonto sembra una bambina,
di cinquant'anni e di cinque figli,
venuti al mondo come conigli,
partiti al mondo come soldati
e non ancora tornati.

Generale, dietro la stazione
lo vedi il treno che portava al sole,
non fa più fermate neanche per pisciare,
si va dritti a casa senza più pensare,
che la guerra è bella anche se fa male,
che torneremo ancora a cantare
e a farci fare l'amore, l'amore delle infermiere.

Generale, la guerra è finita,
il nemico è scappato, è vinto, è battuto,
dietro la collina non c'è più nessuno,
solo aghi di pino e silenzio e funghi
buoni da mangiare, buoni da seccare,
da farci il sugo quando è Natale,
quando i bambini piangono
e a dormire non ci vogliono andare.

Generale, queste cinque stelle,
queste cinque lacrime sulla mia pelle
che senso hanno dentro al rumore di questo treno,
che è mezzo vuoto e mezzo pieno
e va veloce verso il ritorno,
tra due minuti è quasi giorno,
è quasi casa, è quasi amore.