Archivi del mese: marzo 2011

Cattivi Maestri – Assalti Frontali

foto2

Maistus malus

Pròpriu xelu, pròpria terra, pròpria giungla

ma atra vida, atrus ogus candu dda scisi longa

sempri esàminis e spesas, sempri càrrigus e cursas

aberrei cascionis, bussas, boga dinai e risorsas

nosu seus geniosus, ddu scieus e s’amachiaus

càstia ita ogus e pilus e cantus scalonamentus

macus puita boleus binci custa est sa chistioni

e bivi mancai chentze cuntratu

arregodas Rosarno? cussu at a essi sa sorti

e una cascita ‘e cartoni in sa corti ‘e su bixinu

su nemigu est tostau, est muru contra muru

candu fut derruta Palinuro, Enea si nd’iat pigau su benidori

e nosu nd’orrueus in medas ma anantis in centumila

imparu e amostu impari, serru sa corti

mai a conca incrubada, sa comunidadi s’arrefinat

e cumenti andaus? ita faeus custu mengianu?

oi mi parit bonu, no seus mancu moddis, moddis

faeus unu giru in centru e poneisì is arrelògius

parit Bastogi genti meda in assemblea

de s’universidadi a su senau is mellus bideas

inia masioni, politzia, cumenti si narat: genti tonta

impelleus in su portoni in mesu barrieras

nci bolint trassas impari cun bonas pinnas

S’est pràciu? gi ddu creu! S’est pràciu? gi ddu creu!

e ddui torraus? gi ddu creu! gi ddu creu!

Andai in is iscolas, faei colletivus

organizai sa rivolta imoi chi seis bius

Andai in is iscolas, Andai in is iscolas,

ndi bocit prus dexi pinnas chi dexi pistolas

Ddu scisi inui est s’Akbazia? e inui est sa Shriraz?

e puita su pretòliu artziat e calat e ita est su solari ei su gasu?

chini ddu scidi? Inui est? mellus a no ddu sciri

bolint a mi nd’andi de iscola e chi arrexoni che mèurra

su ciorbeddu no ddu bolit chini timit chi si chèsciat

ma nosu seus Einstein e puru Dalai Lamaù

e puru Che Guevara e nudda si dividit

non ddui est lìmiti a s’iscriri ne barra po su scienti

aicci imparu arabu, cinesu e portoghesu

aicci girat su mundu, girat su mundu e teneus custas bideas

chi no ddui est càmbiu no ddui est imparu

e su càmbiu ddu boleus imoi est acabada sa passièntzia

teneus sidi de imparu, boleus bufai

nd’eus a fai mestieri, puita sciri est poderi

nosu eus scerau e no iscapaus mai

sa genti totu a su-n prus scerat o mediaset o sky

S’est pràciu? gi ddu creu! S’est pràciu? gi ddu creu!

e ddui torraus? gi ddu creu! gi ddu creu!

Andai in is iscolas, faei colletivus

organizai sa rivolta imoi chi seis bius

Andai in is iscolas, Andai in is iscolas,

ndi bocit prus dexi pinnas chi dexi pistolas

pùbrica, làica e solidali

nosu dda boleus pùbrica, làica e solidali

po-i custus mali ddis andat, po cantu nci seus nosu s’iscola

at a essi sempri pùbrica, làica e solidali

e deu ddu cassu su sensu ddu cassu orrogu a orrogu

e boganci sa ruxi e su minutu de silèntziu

po cantu nci seus nosu a-i custus mali ddis andat

e s’iscola at a essi sempri arrica, laica e solidali

“Dal banco alla cattedra, nel ruolo di “Cattivi Maestri”, quelli che su un riff di chitarra programmato dal buon Bonnot, che ormai ha raggiunto un livello di maturità artistica notevole e delle sonorità assolutamente personali e inconfondibili, insegnano a formare collettivi e organizzare rivolte in una scuola pubblica senza tetto, senza sedie, senza soldi.” da Rockit

“Cattivi Maestri”

Assalti Frontali

Stesso cielo, stessa terra, stessa giungla

ma altra  vita, altri occhi quando la sai lunga

sempre esami e spese, sempre pesi e corse

aprite casseforti, borse, fuori soldi e risorse

noi siamo geni, lo sappiamo, e diventiamo pazzi

guarda che occhi che capelli e quanti scazzi

pazzi perché vogliamo vincere questo è il fatto

e vivere anche senza un contratto

ricordi Rosarno? Quello sarà l destino

e una casetta di cartone nel campo vicino

il nemico è duro, è muro contro muro

quando cadde Palinuro, Enea prese il futuro

e noi cadiamo in tanti ma avanziamo in centomila

apprendimento e insegnamento insieme, serro le fila

mai a testa china, la comunità si raffina

e come va? Che facciamo stamattina?

la vedo bene oggi, mica stiamo moggi, moggi

facciamo un giro al centro e rimettete gli orologi

pare Bastogi quanta gente alle assemblee

dall’università al senato le migliori idee

lì è ressa, polizia al solto benmessa

pur sempre polizia, per definizione: gente fessa

premiamo sul portone in mezzo alle transenne

ci vogliono i bei gesti oltre che belle penne

E’ stato bello? Avoija! E’ stato bello? Avoija!

E lo rifamo? Avoija! Avoija!

Andate nelle scuole, formate i collettivi

organizzate la rivolta finché siete vivi

andate nelle scuole, andate nelle scuole

ne ammazzano più 10 penne che 10 pistole

sai dove è l’Akbazia? e dove è la Shriraz?

e perché il petrolio va su e giù e cos’è il solare e il gas?

chi lo sa? Dove sta? Meglio non saperlo

vogliono che lasci scuola e che ragioni come un merlo

il cervello non lo ama chi ha paura che reclama

ma noi siamo Einstein e anche Dalai Lama

e anche Che Guevara e niente ci separa

non c’è tetto alle iscrizioni né alle ambizioni di chi impara

così imparo arabo, cinese e portoghese

così va il mondo, gira il mondo e abbiamo ste pretese

se non c’è scambio non c’è conoscenza

e lo scambio lo vogliamo adesso e non abbiamo più pazienza

abbiamo sete di sapere, vogliamo bere

ce ne faremo un mestiere, perché sapere è potere

noi abbiamo scelto e non molliamo mai

la massa il massimo che sceglie è tra mediaset e sky

E’ stato bello? Avoija! E’ stato bello? Avoija!

E lo rifamo? Avoija! Avoija!

Andate nelle scuole, formate i collettivi

organizzate la rivolta finché siete vivi

andate nelle scuole, andate nelle scuole

ne ammazzano più 10 penne che 10 pistole

pubblica, laica e solidale

noi la vogliamo pubblica, laica e solidale

a questi gli andrà male, finché ci siamo noi la scuola

sarà sempre pubblica, laica e solidale

e io lo afferro il senso lo afferro pezzo a pezzo

e leva il crocefisso e il minuto di silenzio

finché ci siamo noi a questi gli andrà male

e la scuola sarà sempre ricca, laica e solidale

ASSALTI FRONTALI

Annunci

carrasecare

"Balla chi como benit carrasecare a nos iscutulare sa vida. Tando tue podes fintzas irmenticare totu s’affannu mannu ‘e sa chida."
In altri tempi questa esortazione del noto brano dei Tazenda a lasciarti andare nel periodo carnevalesco al punto da farti dimenticare  gli affanni e le preoccupazioni di una settimana sarebbe stata davvero  positiva. Ma nell'oggi dove il carnevale è la realtà con un clown e il suo codazzo di pupi nani e ballerine e i suoi squallidi servitorelli fanno del carnevale un pilastro del loro programma amministrativo, dove la realtà supera la fantasia, dove ti pare davvero di vivere in una Goddam City da incubo, dove il clown anzichè divertire ti comanda ed imprime i canoni dell'etica e della morale in una ottica rovesciata. Ebbene se penso che questi giorni è carnevale, beh! spero che presto finisca e si porti via queste maschere orribili, questi incappucciati al potere. Perciò vi dico ridatemi il carnevale della mia infanzia, cherzo su carrasecare de cando fui minoreddu.

Cambiare si può .Basta volerlo