Archivi del mese: novembre 2011

In questa notte lituana

NOTTI LITUANA
(Piero Marras)

una borta nci fut sa luna
cun d-una coa de isteddus

dromia in su mari
est una sorti manna
in custa notti lituana

dd'ia a podi torra castiai

nci fiant bisus de nii
e contixeddus de soli

de murmuriai in su bentu
e fillus matucus de is fillus
cun cudda pròpria cara

de militanti prexau

seu orròsciu 'e sa vida

de custu caminai
de custa gherra infinia
de mortus de bociri

seu orròsciu 'e sa vida

de custu caminai
de-i custa terra istasia inui s'imbriagat
su mari … su mari … su mari… su mari

mamma iast a depi biri
cumenti bellu seu custu merì
pràxu unu sordau deveras
tèngiu nevrosu a paneri
su càstiu aintru de una tassa
e seu totu sudau

amori amori pipiu
mellus de unu fiascu de binu
ti tèngitu sempri in su coru
mi nc'iat a bolli una xea
po no tenni timoria
po no tenni dolori

seu orròsciu 'e sa vida

 de custu caminai
de custa gherra infinia
de mortus de bociri

seu orròsciu 'e sa vida

de custu caminai
de-i custa terra istasia inui s'imbriagat
su mari … su mari … su mari… su mari

NOTTE LITUANA
(Piero Marras)

C'era una volta la luna
Con un codazzo di stelle

Addormentata sul mare
È una gran bella fortuna
In questa notte lituana

Poterla ancora guardare

C'erano sogni di neve
E filastrocche di sole

Da sussurrare nel vento
E figli grandi dei figli
Con quella solita faccia

Da militante contento

Io non ne posso la vita

Di questo nostro andare
Di questa guerra infinita
Dei morti da ammazzare

Io non ne posso la vita

Di questo camminare
Di questa terra smagrita dove si ubriaca
il mare… il mare… il mare… il mare…

Mamma dovresti vedere
Come son bello stasera
Sembro davvero un soldato
Ho la nevrosi al sedere
Lo sguardo dentro un bicchiere
E son tutto sudato

Amore amore bambino
Meglio di un fiasco di vino
Ti porto ancora nel cuore
Mi ci vorrebbe un bacino
Per non avere paura
Per non sentire dolore

Io non ne posso la vita
Di questo nostro andare
Di questa guerra infinita
Dei morti da ammazzare

Io non ne posso la vita
Di questo camminare
Di questa terra smagrita dove si ubriaca
il mare… il mare… il mare… il mare…

 

in custa terra istasia inui bolat s'astori