Archivi del mese: marzo 2014

La corbelleria

Sa tonteria

Tempus maccu chi nemos lu cumprendet
sa zente est furriada a fundu a susu
ca de virtude no nde tenen prusu
in tonteria e machiores si perdet

su chi bìdene in sa televisione
creden chi siet sa santa beridade
de àbulas nde collin in cantidade
passant una vida de credentzone

polìticos e atores po modellu
si cundennaos naran … c’an fattu nudda
sighin fitianu cun cherbeddu ‘e pudda,

su chi faghen cussos lis paret bellu.
ma si est puru gai in domo su bighinu
lu cheren cundennau che assassinu

tv

La corbelleria

Tempo pazzo che nessuno comprende
la gente rivoltata da giù a su
perchè non ha più virtù
in corbelleria e pazzie si perde

ciò che vedono nella televisione
credono che sia la santa verità
di bugie ne collezionano in quantità
passano una vita da credulone

politici e attori prendono a modello
se condannati dicono … non han fatto nulla
proseguono i giorni col cervello di gallina,

quel che fanno loro li sembra bello
ma se si comporta così in casa il loro vicino
lo vogliono condannato come assassino

(con la traduzione si perdono le sfumature della “limba”. pazienza)

(sonetto con endecasillabi)

Questo post fa parte di un gioco di scrittura tra blogger su parole scelte a turno dai partecipanti. Parole e partecipanti li potete trovare sul blog “Verba Ludica”, al link: http://carbonaridellaparola.blogspot.it/2014/03/15-marzo-2014.html

Annunci

SHRDN

Aveva fatto di tutto per essere puntuale ma quella maledetta febbre era stata un ostacolo tremendo. Da quei primi timidi post in quella piattaforma virtuale ormai scomparsa si era dovuto attrezzare per proseguire la sua missione. Sapeva che era in ritardo ma era in ballo e il gioco doveva andare avanti, anche se il post veniva sparato nell’etere dopo l’ora indicata. Certo non era l’unico incaricato di svolgere la missione in quel mondo che chiamavano la rete; sapeva che altri, seppur inconsapevoli, stavano facendo la loro parte; e dopo di loro i loro i figli e altri ancora si sarebbero aggiunti. Prima di spargersi in ogni dove, prima della diaspora dalla Terra-in-mezzo-al-grande-mare-tondo, dopo la grande sconfitta che aveva visto lottare e morire i guerrieri migliori e dopo quel maledetto cataclisma che seppellì buona parte di quel che era rimasto della loro grande civiltà. Quelli che rimasero iniziarono a combattersi fra di loro in una faida senza senso; mentre gli altri popoli che arrivavano dal mare entravano e razziavano quanto più potevano, in una sorte avversa, Loro che erano Il Popolo del Mare travolti da chi veniva dal mare.

Lui faceva parte della gente di Mas-Oneh’Branhu. Di questo posto ne aveva parlato e scritto diverse volte in rete. Questo gli aveva permesso di entrare di nuovo in contatto con chi aveva le sue origini e che inconsapevolmente proseguiva la missione dei suoi avi. Ricorda cosa accadde quella notte, ma ovviamente il ricordo gli era stato tramandato dal padre, nei minimi dettagli, così pure come vivevano, le tradizioni, i mestieri, i cibi, le feste, i riti. Una notte blucobalto, scelta appositamente perché dopo 333 anni la luna ad una certa ora si sarebbe affacciata e tuffata nel pozzo davanti all’esedra scavato sotto la roccia antropomorfa da cui, a quanto si diceva, era nato tutto. Quella notte i più anziani decisero che era finito il tempo di piangersi addosso, da quel momento ogni atteggiamento lamentoso e querulo doveva essere abbandonato per far posto a quello del riscatto. Dopo il rituale magico si sarebbe presa una decisione. Lo scarabeo era stato liberato disegnando segni e cerchi per terra, incomprensibili ai più, ma non a Bachis, il grande vecchio, custode de codice dei segni. La decisione venne presa. I giovani dovevano partire e mischiarsi in mezzo agli altri popoli, mantenendo le tradizioni e la grande cultura per tramandarla ai posteri. Solo così nulla sarebbe andato irrimediabilmente perduto, Mas-Oneh’Branhu poteva rinascere col suo antico splendore. Dopo secoli, poco importa, il tempo è relativo. Partirono e si sparpagliarono imparando nuovi idiomi e assorbendo altre culture. Ciò che erano restava comunque intatto, un nocciolo duro da scalfire. Era stato messo in conto che alcuni, o i loro figli, avrebbero dimenticato presto la missione abbandonandosi ai divertimenti, accontentandosi di soddisfare le voglie passeggere nelle società culturalmente effimere. Lui no. Era tornato da pochi anni da quel posto che viene ancora oggi definito “il continente”. Li lavorava in una fabbrica dell’indotto che produceva parti di vetture; fiutando l’aria si era reso conto che i segnali della “crisi” l’avrebbero costretto ad accettare condizioni di lavoro pessime. Licenziatosi prese la liquidazione con cui rilevò un piccolo podere di uno dei suoi parenti. Poteva dedicarsi alla campagna, in particolare a piantare alberi e all’innesto delle piante da frutto; lo aveva colpito il racconto di quel tale che piantava alberi in una landa desolata diventata poi rigogliosa. Quel poco che ricavava dalla terra e dalle poche pecore gli permetteva oggi di vivere dignitosamente. Parte della missione era stata eseguita, restava la più importante: far sapere agli altri che noi siamo il Popolo SHRDN.

ABA 1 Pranu Antas

Questo post fa parte di un gioco di scrittura tra blogger su parole scelte a turno dai partecipanti. Parole e partecipanti li potete trovare sul blog “Verba Ludica”, al link:   http://carbonaridellaparola.blogspot.it/2014/02/1-marzo-2014.html