Archivi categoria: musica

Duel – Bud Spencer Blues Explosion

Duellu

T’apu biu caminendi
andasta fàcias a soli
e s’umbra tua fiat longa
e nd’arribada anc’a mimi
ca fia sceti riflessu
in su prùinu
cumenti su soli
T’apu biu in sa luxi
ca mi pariast su soli
e apu serrau is ogus de
làgrimas e prùinu
chi nci fiat aintru ‘e mei
cumenti su soli

Duel
(Bud Spencer Blues Explosion)
Ti ho vista camminare
andavi verso il sole
e la tua ombra era lunga
e arrivava a me
che ero solo un riflesso
nella polvere come il sole
Ti ho vista nella luce
che mi sembravi il sole
e ho chiuso gli occhi di
lacrime e polvere
e ti ho trovata nel buio
che era dentro me
come il sole

bsb3

46_backcover


Buone feste


Frank Zappa. Morto da 4 lustri.

Frank Vincent Zappa, poco tempo prima di morire (il 4 dicembre 1993), si esprimeva con un aforisma che scavava un solco profondo fra lui, musicista con la m maiuscola, e gli altri, i giornalisti musicali. « Gli articoli dei giornalisti di musica rock sono scritti da gente che non sa scrivere, che intervista gente che non sa parlare, per gente che non sa leggere »(“Ben Watson interviews Frank Zappa”, in Mojo magazine (ottobre 1993)). Lui che è stato musicista, cantautore, compositore, direttore d’orchestra, regista, attore e produttore cinematografico; Lui un eclettico, un genio musicale del ‘900, che ha sapientemente inventato e giocato con tutti i generi musicali. Tanto da non riuscire ad imbrigliarsi, con buona pace dei giornalisti musicali, nell’alveo di uno specifico genere musicale.

Dopo aver letto questo aforisma, per me estremamente vero e corretto, anche per chi voleva diventare giornalista musicale, è arduo dargli torto. Per questo, visto che cammino coi piedi per terra, benché l’idea di scrivere di musica mi abbia sempre intrigato e stimolato, mi sono posto l’obiettivo di non diventare, mai, giornalista musicale. Mi basta appena scriverne e esternare le mie emozioni, sensazioni, gusti. Tutto qui.

Giusto di recente, visto che ricorreva il ventennale dalla sua morte, mi è capitato di scovare in rete un articolo su Frank Zappa “il ricordo in 40 cover-album”.
Mi è venuta subito voglia di riascoltare tutta la sua sterminata discografia. Da Freak Out!,il suo primo album che a distanza di anni ha la capacità di tenermi, ancora oggi, non più ragazzo, avviluppato in questo caleidoscopio sonoro. Fino a “The Yellow Shark” pubblicato nel fatale 1993 con la track “Be-Bop Tango”, da far storcere il naso anche ad un tanguero scafato, visto che, a dispetto del titolo, poco ha di quel genere. A Frank piaceva scherzare di tutto e con tutto. Attirandosi spesso feroci critiche da parte di chi non capiva, o non si sforzava di capire, il suo estro anarcoide e la sua genialità. Sempre a proposito di aforismi, giusto per citarne un altro ad hoc, per farci capire il suo rapporto dicotomico amore/odio con tutto ciò che era tecnologia,  Frank Zappa disse sull’uso del computer e della tecnologia informatica :“Il computer non è in grado di trasmettervi il lato emozionale della questione. Può fornirvi la matematica, ma non le sopracciglia.” The computer can’t tell you the emotional story. It can give you the exact mathematical design, but what’s missing is the eyebrows.). Frank Zappa era anche questo. Ma ovviamente stiamo parlando di vent’anni fa. Non so se oggi sarebbe sfuggito al fascino dell’hi-tech.
Saludos

Image

… 5 parole … five, five, five

“Questo post fa parte di un gioco di scrittura tra blogger su parole scelte a turno dai partecipanti.  Parole e partecipanti li potete trovare sul blog “Verba Ludica”, al link http://carbonaridellaparola.blogspot.it/ 


Frank Vincent Zappa (Baltimora, 21 dicembre 1940 – Los Angeles, 4 dicembre 1993)

waitin’ for … december 14


Parlo al vento (I talk to the wind)

Allego a su bentu

S’òmine bonu abiat narau a su mortu
Inube ses istètiu?
Soe istètiu inoghe e incue
E soe istètiu in mesu

Allego a su bentu
Sas paràgulas meas las trazan a fora
Allego a su bentu
Su bentu no intendet
Su bentu no podet intènder

Soe inforas ampaniande aintros
Ite bio?
Meda cubisione, disillusione
Affùrriu e mene

No mi trubas
No m’ispantas
Faghes petzi una cosa, m’infadas
No mi podes imparare o inditare
Petzi mi faghes perder tempus

Allego a su bentu
Sas paràgulas meas las trazan a fora
Allego a su bentu
Su bentu no intendet
Su bentu no podet intènder

<<I talk to the wind – King Crimson

Said the straight man to the late man
Where have you been
I’ve been here and I’ve been there
And I’ve been in between.

I talk to the wind
My words are all carried away
I talk to the wind
The wind does not hear
The wind cannot hear.

I’m on the outside looking inside
What do I see
Much confusion, disillusion
All around me.

You don’t possess me
Don’t impress me
Just upset my mind
Can’t instruct me or conduct me
Just use up my time.

I talk to the wind
My words are all carried away
I talk to the wind
The wind does not hear
The wind cannot hear>>


eroi?!

We can beat them, for ever and ever
Oh we can be Heroes,
just for one day


In questa notte lituana

NOTTI LITUANA
(Piero Marras)

una borta nci fut sa luna
cun d-una coa de isteddus

dromia in su mari
est una sorti manna
in custa notti lituana

dd'ia a podi torra castiai

nci fiant bisus de nii
e contixeddus de soli

de murmuriai in su bentu
e fillus matucus de is fillus
cun cudda pròpria cara

de militanti prexau

seu orròsciu 'e sa vida

de custu caminai
de custa gherra infinia
de mortus de bociri

seu orròsciu 'e sa vida

de custu caminai
de-i custa terra istasia inui s'imbriagat
su mari … su mari … su mari… su mari

mamma iast a depi biri
cumenti bellu seu custu merì
pràxu unu sordau deveras
tèngiu nevrosu a paneri
su càstiu aintru de una tassa
e seu totu sudau

amori amori pipiu
mellus de unu fiascu de binu
ti tèngitu sempri in su coru
mi nc'iat a bolli una xea
po no tenni timoria
po no tenni dolori

seu orròsciu 'e sa vida

 de custu caminai
de custa gherra infinia
de mortus de bociri

seu orròsciu 'e sa vida

de custu caminai
de-i custa terra istasia inui s'imbriagat
su mari … su mari … su mari… su mari

NOTTE LITUANA
(Piero Marras)

C'era una volta la luna
Con un codazzo di stelle

Addormentata sul mare
È una gran bella fortuna
In questa notte lituana

Poterla ancora guardare

C'erano sogni di neve
E filastrocche di sole

Da sussurrare nel vento
E figli grandi dei figli
Con quella solita faccia

Da militante contento

Io non ne posso la vita

Di questo nostro andare
Di questa guerra infinita
Dei morti da ammazzare

Io non ne posso la vita

Di questo camminare
Di questa terra smagrita dove si ubriaca
il mare… il mare… il mare… il mare…

Mamma dovresti vedere
Come son bello stasera
Sembro davvero un soldato
Ho la nevrosi al sedere
Lo sguardo dentro un bicchiere
E son tutto sudato

Amore amore bambino
Meglio di un fiasco di vino
Ti porto ancora nel cuore
Mi ci vorrebbe un bacino
Per non avere paura
Per non sentire dolore

Io non ne posso la vita
Di questo nostro andare
Di questa guerra infinita
Dei morti da ammazzare

Io non ne posso la vita
Di questo camminare
Di questa terra smagrita dove si ubriaca
il mare… il mare… il mare… il mare…

 

in custa terra istasia inui bolat s'astori 


Vinicio Capossela … marinai, profeti e balene


Prupu de amori

bratzus medas po no t'imprassai
tentàculus chentz''e tentatzionis
bratzus medas po no t'imprassai
tentàculus po ti circai
bundus baddant in fund''e mari
in fund''e mari baddant
navixeddas baddant
e no t'agatu cumpàngia

mandu imbasciàdas de tinta niedda niedda
po t'agatai
mandu imbasciàdas de tinta niedda niedda
in su nieddu nieddu
otu bratzus po t'imprassai
otu bratzus chi m'amancant
otu bratzus po t'agatai
otu bratzus chi m'amancant
e candu a s'acabu t'ap''a agatai
centu ventosas t'apu a atacai
e eus a baddai impari custu prupu de amori

Fund'e''e mari est nieddu nieddu
sa tinta niedda niedda
mandu imbasciàdas in profundidadi
e candu a s'acabu t'ap''a agatai
centu ventosas t'apu a atacai
e eus a baddai impari custu prupu de amori
otu bratzus po t'imprassai
otu bratzus chi m'amancant
otu bratzus po t'imprassai
 

Vinicio Capossela – Polpo d'Amor

Troppe braccia per non abbracciarti
tentacoli senza tentazioni
troppe braccia per non abbracciarti
tentacoli per cercarti
spettri danzano negli abissi
negli abissi danzano
vascelli fantasma
e non ti trovo compagna
Mando messaggi di inchiostro nero nero
per trovarti nel nero nero
mando messaggi di inchiostro nero nero
nel nero nero
otto braccia per abbracciarti
otto braccia mi mancano
otto braccia per ritrovarti
otto braccia mi mancano
e quando infine io ti troverò
cento ventose io ti attaccherò
e danzeremo insieme
questo polpo d' amore

L' abisso è scuro scuro
l'inchiostro è nero nero
mando messaggi di profondità
lettere di profondità
e quando infine io ti troverò
cento ventose io ti attaccherò
e danzeremo insieme questo polpo d amore
otto braccia per abbracciarti,
otto braccia mi mancano
otto braccia per abbracciarti


tempus maccu, mundu maccu

caldo, afa, maestrale, freddo, pioggia, caldo, afa, boh, mai vista un'estate così bizzarra. Intanto mi ascolto un brano tipicamente "estivo", un dub elegante con la voce dei  massive,…
saludos


Canzone dei 12 mesi

Brano fondamentale del repertorio di Francesco. C'è tutto, nè una parola in più, nè una di meno. in particolare mi ha sempre colpito questa strofa di giugno "… E con le messi che hai fra le tue mani ci porti il tuo tesoro, con le tue spighe doni all' uomo il pane, alle femmine l' oro, alle femmine l' oro… "
Questo mi andava di dire, tutto qui. Per il resto continuo a godermi i risultati referendari. Ma occhio a non ipigrirci, ci attende una intensa stagione di lotte, spero risolutive.