Archivi categoria: sinistra

Devo avere una casa per andare in giro per il mondo …

 Assalti Frontali
Devo avere una casa per andare in giro per il mondo

E ogni giorno mando giù un po' di veleno/ ogni giorno/ io che amo l'armonia/ e vado un po' a giocare con la mia follia
non mi pare il caso di passare la vita assetati/ sotto il potere dei falliti
ohooohh/ c'è guerriglia in cima a via Rousseau/ e arrivano da tutta Roma/ arriva anche il questore in persona ora
ora che ci hai tolto la parola prima di partire/ così ci copriamo il volto per farci vedere
devo sentirmi di morire a volte/ per rinascere più forte tra le tue rovine/ e mando giù veleno ogni giorno/
devo avere una casa per andare in giro per il mondo

vedo il confine lontano/ corro/ le gambe che mi pesano come in un sogno/
ma se rallento sento il fiato sul collo/ non mollo/ ho il sole dentro gli occhi
forse è un riflesso di specchi/ la luce quando è tanta abbaglia è come il buio/
mi sento allo sbaraglio/ devo tirare fuori il meglio di me/  
dimmi io sono pronto ad andare avanti vuoi seguirmi?/
in giro per il mondo c'è nascosto il senso/ dei modi di vita all'apparenza senza/  
è il conflitto per la sopravvivenza/ questa è la spiegazione/ la gabbia è la Nazione
prima ci tirano gli avanzi/ poi ci osservano sbranarci

questa/ questa è la mia casa/  
e ce ne andiamo in giro camminando al centro della strada/  
questa è la mia casa/ il cuore scoppia/ do calci alla porta
non c'è solidarietà senza rivolta

madre, madre hey questo fuoco mi uccide/ cosa mi succede?/
la miseria della sana vita quotidiana uccide/ la casa esplode/
cosa mi succede?/ sarò un pazzo/ rimpianti tanti forse ma nessun rimorso/
quando do e non chiedo il prezzo perché so/ che ti terrò tra le cose più care che ho/  
e arrivi per restare/ come una sorpresa attesa/ questa è la mia casa/  
le sorelle guardano negli occhi/ puoi vedere i prepotenti diventare vigliacchi/  
quante volte devo essere umiliato/ per capire l'importanza dei conflitti/
la mentalità da vinti/ porta nella notte dove tutti i gatti sono grigi/

la Terra non è ferma girati popoli si spostano/ la gente è viva/
anche se alla deriva nuota/ oppure affoga/ è cosa nota/ osserva queste piazze/
una stupenda miscela di razze le colora/ ora scorda la paura/ e guarda in faccia il vero/  
in questo viaggio di sola andata ognuno scelga il suo volo/ per non restare con in mano niente/
per quanto mi riguarda corro il rischio di frequente

questa/ questa è la mia casa/  
e ce ne andiamo in giro camminando al centro della strada/  
questa è la mia casa/ il cuore scoppia/ do calci alla porta
non c'è solidarietà senza rivolta

                                    

Annunci

Edoardo Sanguineti … is dead

E' morto lo scrittore e poeta
Edoardo Sanguineti
Aveva 79 anni.
L'intellettuale e' deceduto
in ospedale a Genova

le ultime apparizioni in video

Questo è il cuore dei monti

questo è il cuore dei monti, che è il tuo cuore,
vinosa vena di fresco sapore:

vedi, un corno di luna è un paio di ali,
nodo è di nidi, in luci vendemmiali:

questo è un vecchio castello di tarocchi:
questo è il cuore del mondo, nei tuoi occhi:

bevendo bianca pace settembrina,
saltami in cerchio, bella furlanina:
(Edoardo Sanguineti)

un mio vecchio post su Sanguineti… Guerra alle guerre

 


appartiene al tuo sorriso … Peppino Impastato

Apartenet a su risicheddu tuo
s'anneu de s'òmine chi morit,
a sa mirada sua cunfùndia
pedit pagu a poner in mente,
a sas lavras suas de rùbiu coraddu
una lassadura chene malìssia,
cheret intender in sinu
s'alenu suo assuentau:
est un òmine chi morit.

<<Peppino Impastato>>

poesie di Peppino
 

9 di maggio 1978
http://nheit.splinder.com


Raiperunanotte for ever

Per una notte il Grande Fratello di orwelliana memoria resta al palo.

Finalmente!

Provate a censurare la tv, i giornali, ecc. ecc. La rete vi travolgerà. Ecco perché state cercando di bloccare, fermare, censurare la rete.
Grande fratello pppppppprrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr……….
per una notte ce la siamo goduta.
Che sia un nuovo inizio? Speriamo bene. La democrazia ha bisogno di nuovo ossigeno, l’aria si è fatta irrespirabile, il fetore della repubblica piduista è divenuto insopportabile.

Ora e sempre Resistenza.

Rai Per Una Notte

  

 


Soru @ ballarò

Rare volte mi capita di appassionarmi ai talk show, tant’è che l’altro giorno, dopo l’apertura di Crozza, ho cambiato canale, nonostante la presenza dello SHRDN Soru. Ebbene, potenza dei media, grazie all’imbeccata di Nheit, ho visto e sentito. Bravo Renato, hai dato una lezione a questi sgherri del governo piduista e fascistoide.

 


Saluti rossi compagno Ivan

Ivan Della Mea, cantautore compagno milanese non c’è più

« Lui ha quindici anni, cognome Saldutto, / alunno alle medie, scuola Pacinotti, / venuto di Puglia, "terrone" immigrato: / Torino lo boccia e lui s’è impiccato  »
 (Ivan Della Mea, Ballata per Ciriaco Saldutto)

saluto a pugno chiuso, compagno Ivan.

Il Deposito


Berlinguer 25 anni fa

Pro amentare su cumpanzu sardu Enrico Berlinguer.

Ischida sardu, ischidati isfrutadu de cada logu, pesa sa conca!

« La questione morale esiste da tempo, ma ormai essa è diventata la questione politica prima ed essenziale perché dalla sua soluzione dipende la ripresa di fiducia nelle istituzioni, la effettiva governabilità del paese e la tenuta del regime democratico. »
 (Enrico Berlinguer)

myspace.com/berlinguer


Un’altra Europa è possibile

Comunque la pensiate… io decido di andare a votare

Il vero voto utile è quello alla Lista comunista e anticapitalista

perchè occorre alzare la testa, perchè sono partigiano, perchè…"Odio gli indifferenti. Credo che vivere voglia dire essere partigiani. Chi vive veramente non può non essere cittadino e partigiano. L’indifferenza è abulia, è parassitismo, è vigliaccheria, non è vita. Perciò odio gli indifferenti.

L’indifferenza è il peso morto della storia. L’indifferenza opera potentemente nella storia. Opera passivamente, ma opera. È la fatalità; è ciò su cui non si può contare; è ciò che sconvolge i programmi, che rovescia i piani meglio costruiti; è la materia bruta che strozza l’intelligenza. Ciò che succede, il male che si abbatte su tutti, avviene perché la massa degli uomini abdica alla sua volontà, lascia promulgare le leggi che solo la rivolta potrà abrogare, lascia salire al potere uomini che poi solo un ammutinamento potrà rovesciare. Tra l’assenteismo e l’indifferenza poche mani, non sorvegliate da alcun controllo, tessono la tela della vita collettiva, e la massa ignora, perché non se ne preoccupa; e allora sembra sia la fatalità a travolgere tutto e tutti, sembra che la storia non sia altro che un enorme fenomeno naturale, un’eruzione, un terremoto del quale rimangono vittime tutti, chi ha voluto e chi non ha voluto, chi sapeva e chi non sapeva, chi era stato attivo e chi indifferente. Alcuni piagnucolano pietosamente, altri bestemmiano oscenamente, ma nessuno o pochi si domandano: se avessi fatto anch’io il mio dovere, se avessi cercato di far valere la mia volontà, sarebbe successo ciò che è successo? Odio gli indifferenti anche per questo: perché mi dà fastidio il loro piagnisteo da eterni innocenti. Chiedo conto a ognuno di loro del come ha svolto il compito che la vita gli ha posto e gli pone quotidianamente, di ciò che ha fatto e specialmente di ciò che non ha fatto. E sento di poter essere inesorabile, di non dover sprecare la mia pietà, di non dover spartire con loro le mie lacrime. Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti”.

Antonio Gramsci – 11 febbraio 1917

Se sei di sinistra dillo forte
SCARICA IL PDF

«È questo il fiore del partigiano»,

Per non dimenticare…
la Resistenza – la Liberazione
25 aprile 1945

Bella ciao

Questa mattina mi son svegliato
oh bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao, ciao,
questa mattina mi son svegliato
e ho trovato l’invasor.
Oh partigiano, portami via
oh bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao, ciao,
oh partigiano, portami via,
che mi sento di morir.
E se io muoio lassù in montagna
oh bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao, ciao,
e se io muoio lassù in montagna
tu mi devi seppellir.
Seppellire sulla montagna,
oh bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao, ciao,
seppellire sulla montagna
sotto l’ombra di un bel fior.
E le genti che passeranno,
oh bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao, ciao,
e le genti che passeranno
mi diranno: " Che bel fior ".
È questo il fiore del partigiano,
oh bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao, ciao,
è questo il fiore del partigiano
morto per la libertà.


Bella Ciao – Modena City Ramblers

 


BDS: Boicottaggio, Disinvestimenti,Sanzioni

Aderendo all’appello del Forum Sociale Mondiale di Belem, la Campagna Italiana BDS promuove tre giornate nazionali di mobilitazione per il Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni per il 28, 29 e 30 marzo 2009.
Sono previste iniziative di (contro)informazione in molte città italiane, e internazionali.
Cagliari risponde con l’iniziativa del 30 marzo 2009,
organizzato dal Gruppo Falastin.

BDS: Boicottaggio, Disinvestimenti,Sanzioni
1. Boicottaggio significa invitare a non acquistare merci e prodotti provenienti da Israele. (…)
2. Disinvestimento significa fare pressione sulle aziende italiane che fanno investimenti in Israele con l’obiettivo di far ritirare gli investimenti effettuati o di non prevederne di nuovi perché eticamente inaccettabili in quanto Israele è uno stato che commette crimini di guerra contro un intero popolo, quello palestinese. (…)
3. Sanzioni. Questa è una misura di ritorsione legale verso uno stato come Israele (o come altri) che commette crimini di guerra e che attiene alla responsabilità dei governi e delle istituzioni internazionali. Queste sanzioni possono adottate singolarmente da ogni governo o a livello multilaterale.  (…)

CAMPAGNA
Per sottoscrivere, firma in calce
"Israele deve essere giudicato dalla Corte Penale Internazionale – Petizione universale"

Circa 300 tra ONG e associazioni chiederanno al Procuratore della Corte Penale Internazionale di aprire un’inchiesta sui crimini di guerra commessi da Israele a Gaza. Il vostro sostegno è indispensabile. Firmate e fate circolare questa «petizione universale». È urgente.

Io aderisco senza se e senza ma!

 

saludos