Archivi categoria: traduzioni in sardo

Duel – Bud Spencer Blues Explosion

Duellu

T’apu biu caminendi
andasta fàcias a soli
e s’umbra tua fiat longa
e nd’arribada anc’a mimi
ca fia sceti riflessu
in su prùinu
cumenti su soli
T’apu biu in sa luxi
ca mi pariast su soli
e apu serrau is ogus de
làgrimas e prùinu
chi nci fiat aintru ‘e mei
cumenti su soli

Duel
(Bud Spencer Blues Explosion)
Ti ho vista camminare
andavi verso il sole
e la tua ombra era lunga
e arrivava a me
che ero solo un riflesso
nella polvere come il sole
Ti ho vista nella luce
che mi sembravi il sole
e ho chiuso gli occhi di
lacrime e polvere
e ti ho trovata nel buio
che era dentro me
come il sole

bsb3

46_backcover

Annunci

Parlo al vento (I talk to the wind)

Allego a su bentu

S’òmine bonu abiat narau a su mortu
Inube ses istètiu?
Soe istètiu inoghe e incue
E soe istètiu in mesu

Allego a su bentu
Sas paràgulas meas las trazan a fora
Allego a su bentu
Su bentu no intendet
Su bentu no podet intènder

Soe inforas ampaniande aintros
Ite bio?
Meda cubisione, disillusione
Affùrriu e mene

No mi trubas
No m’ispantas
Faghes petzi una cosa, m’infadas
No mi podes imparare o inditare
Petzi mi faghes perder tempus

Allego a su bentu
Sas paràgulas meas las trazan a fora
Allego a su bentu
Su bentu no intendet
Su bentu no podet intènder

<<I talk to the wind – King Crimson

Said the straight man to the late man
Where have you been
I’ve been here and I’ve been there
And I’ve been in between.

I talk to the wind
My words are all carried away
I talk to the wind
The wind does not hear
The wind cannot hear.

I’m on the outside looking inside
What do I see
Much confusion, disillusion
All around me.

You don’t possess me
Don’t impress me
Just upset my mind
Can’t instruct me or conduct me
Just use up my time.

I talk to the wind
My words are all carried away
I talk to the wind
The wind does not hear
The wind cannot hear>>


In questa notte lituana

NOTTI LITUANA
(Piero Marras)

una borta nci fut sa luna
cun d-una coa de isteddus

dromia in su mari
est una sorti manna
in custa notti lituana

dd'ia a podi torra castiai

nci fiant bisus de nii
e contixeddus de soli

de murmuriai in su bentu
e fillus matucus de is fillus
cun cudda pròpria cara

de militanti prexau

seu orròsciu 'e sa vida

de custu caminai
de custa gherra infinia
de mortus de bociri

seu orròsciu 'e sa vida

de custu caminai
de-i custa terra istasia inui s'imbriagat
su mari … su mari … su mari… su mari

mamma iast a depi biri
cumenti bellu seu custu merì
pràxu unu sordau deveras
tèngiu nevrosu a paneri
su càstiu aintru de una tassa
e seu totu sudau

amori amori pipiu
mellus de unu fiascu de binu
ti tèngitu sempri in su coru
mi nc'iat a bolli una xea
po no tenni timoria
po no tenni dolori

seu orròsciu 'e sa vida

 de custu caminai
de custa gherra infinia
de mortus de bociri

seu orròsciu 'e sa vida

de custu caminai
de-i custa terra istasia inui s'imbriagat
su mari … su mari … su mari… su mari

NOTTE LITUANA
(Piero Marras)

C'era una volta la luna
Con un codazzo di stelle

Addormentata sul mare
È una gran bella fortuna
In questa notte lituana

Poterla ancora guardare

C'erano sogni di neve
E filastrocche di sole

Da sussurrare nel vento
E figli grandi dei figli
Con quella solita faccia

Da militante contento

Io non ne posso la vita

Di questo nostro andare
Di questa guerra infinita
Dei morti da ammazzare

Io non ne posso la vita

Di questo camminare
Di questa terra smagrita dove si ubriaca
il mare… il mare… il mare… il mare…

Mamma dovresti vedere
Come son bello stasera
Sembro davvero un soldato
Ho la nevrosi al sedere
Lo sguardo dentro un bicchiere
E son tutto sudato

Amore amore bambino
Meglio di un fiasco di vino
Ti porto ancora nel cuore
Mi ci vorrebbe un bacino
Per non avere paura
Per non sentire dolore

Io non ne posso la vita
Di questo nostro andare
Di questa guerra infinita
Dei morti da ammazzare

Io non ne posso la vita
Di questo camminare
Di questa terra smagrita dove si ubriaca
il mare… il mare… il mare… il mare…

 

in custa terra istasia inui bolat s'astori 


Vinicio Capossela … marinai, profeti e balene


Prupu de amori

bratzus medas po no t'imprassai
tentàculus chentz''e tentatzionis
bratzus medas po no t'imprassai
tentàculus po ti circai
bundus baddant in fund''e mari
in fund''e mari baddant
navixeddas baddant
e no t'agatu cumpàngia

mandu imbasciàdas de tinta niedda niedda
po t'agatai
mandu imbasciàdas de tinta niedda niedda
in su nieddu nieddu
otu bratzus po t'imprassai
otu bratzus chi m'amancant
otu bratzus po t'agatai
otu bratzus chi m'amancant
e candu a s'acabu t'ap''a agatai
centu ventosas t'apu a atacai
e eus a baddai impari custu prupu de amori

Fund'e''e mari est nieddu nieddu
sa tinta niedda niedda
mandu imbasciàdas in profundidadi
e candu a s'acabu t'ap''a agatai
centu ventosas t'apu a atacai
e eus a baddai impari custu prupu de amori
otu bratzus po t'imprassai
otu bratzus chi m'amancant
otu bratzus po t'imprassai
 

Vinicio Capossela – Polpo d'Amor

Troppe braccia per non abbracciarti
tentacoli senza tentazioni
troppe braccia per non abbracciarti
tentacoli per cercarti
spettri danzano negli abissi
negli abissi danzano
vascelli fantasma
e non ti trovo compagna
Mando messaggi di inchiostro nero nero
per trovarti nel nero nero
mando messaggi di inchiostro nero nero
nel nero nero
otto braccia per abbracciarti
otto braccia mi mancano
otto braccia per ritrovarti
otto braccia mi mancano
e quando infine io ti troverò
cento ventose io ti attaccherò
e danzeremo insieme
questo polpo d' amore

L' abisso è scuro scuro
l'inchiostro è nero nero
mando messaggi di profondità
lettere di profondità
e quando infine io ti troverò
cento ventose io ti attaccherò
e danzeremo insieme questo polpo d amore
otto braccia per abbracciarti,
otto braccia mi mancano
otto braccia per abbracciarti


Cattivi Maestri – Assalti Frontali

foto2

Maistus malus

Pròpriu xelu, pròpria terra, pròpria giungla

ma atra vida, atrus ogus candu dda scisi longa

sempri esàminis e spesas, sempri càrrigus e cursas

aberrei cascionis, bussas, boga dinai e risorsas

nosu seus geniosus, ddu scieus e s’amachiaus

càstia ita ogus e pilus e cantus scalonamentus

macus puita boleus binci custa est sa chistioni

e bivi mancai chentze cuntratu

arregodas Rosarno? cussu at a essi sa sorti

e una cascita ‘e cartoni in sa corti ‘e su bixinu

su nemigu est tostau, est muru contra muru

candu fut derruta Palinuro, Enea si nd’iat pigau su benidori

e nosu nd’orrueus in medas ma anantis in centumila

imparu e amostu impari, serru sa corti

mai a conca incrubada, sa comunidadi s’arrefinat

e cumenti andaus? ita faeus custu mengianu?

oi mi parit bonu, no seus mancu moddis, moddis

faeus unu giru in centru e poneisì is arrelògius

parit Bastogi genti meda in assemblea

de s’universidadi a su senau is mellus bideas

inia masioni, politzia, cumenti si narat: genti tonta

impelleus in su portoni in mesu barrieras

nci bolint trassas impari cun bonas pinnas

S’est pràciu? gi ddu creu! S’est pràciu? gi ddu creu!

e ddui torraus? gi ddu creu! gi ddu creu!

Andai in is iscolas, faei colletivus

organizai sa rivolta imoi chi seis bius

Andai in is iscolas, Andai in is iscolas,

ndi bocit prus dexi pinnas chi dexi pistolas

Ddu scisi inui est s’Akbazia? e inui est sa Shriraz?

e puita su pretòliu artziat e calat e ita est su solari ei su gasu?

chini ddu scidi? Inui est? mellus a no ddu sciri

bolint a mi nd’andi de iscola e chi arrexoni che mèurra

su ciorbeddu no ddu bolit chini timit chi si chèsciat

ma nosu seus Einstein e puru Dalai Lamaù

e puru Che Guevara e nudda si dividit

non ddui est lìmiti a s’iscriri ne barra po su scienti

aicci imparu arabu, cinesu e portoghesu

aicci girat su mundu, girat su mundu e teneus custas bideas

chi no ddui est càmbiu no ddui est imparu

e su càmbiu ddu boleus imoi est acabada sa passièntzia

teneus sidi de imparu, boleus bufai

nd’eus a fai mestieri, puita sciri est poderi

nosu eus scerau e no iscapaus mai

sa genti totu a su-n prus scerat o mediaset o sky

S’est pràciu? gi ddu creu! S’est pràciu? gi ddu creu!

e ddui torraus? gi ddu creu! gi ddu creu!

Andai in is iscolas, faei colletivus

organizai sa rivolta imoi chi seis bius

Andai in is iscolas, Andai in is iscolas,

ndi bocit prus dexi pinnas chi dexi pistolas

pùbrica, làica e solidali

nosu dda boleus pùbrica, làica e solidali

po-i custus mali ddis andat, po cantu nci seus nosu s’iscola

at a essi sempri pùbrica, làica e solidali

e deu ddu cassu su sensu ddu cassu orrogu a orrogu

e boganci sa ruxi e su minutu de silèntziu

po cantu nci seus nosu a-i custus mali ddis andat

e s’iscola at a essi sempri arrica, laica e solidali

“Dal banco alla cattedra, nel ruolo di “Cattivi Maestri”, quelli che su un riff di chitarra programmato dal buon Bonnot, che ormai ha raggiunto un livello di maturità artistica notevole e delle sonorità assolutamente personali e inconfondibili, insegnano a formare collettivi e organizzare rivolte in una scuola pubblica senza tetto, senza sedie, senza soldi.” da Rockit

“Cattivi Maestri”

Assalti Frontali

Stesso cielo, stessa terra, stessa giungla

ma altra  vita, altri occhi quando la sai lunga

sempre esami e spese, sempre pesi e corse

aprite casseforti, borse, fuori soldi e risorse

noi siamo geni, lo sappiamo, e diventiamo pazzi

guarda che occhi che capelli e quanti scazzi

pazzi perché vogliamo vincere questo è il fatto

e vivere anche senza un contratto

ricordi Rosarno? Quello sarà l destino

e una casetta di cartone nel campo vicino

il nemico è duro, è muro contro muro

quando cadde Palinuro, Enea prese il futuro

e noi cadiamo in tanti ma avanziamo in centomila

apprendimento e insegnamento insieme, serro le fila

mai a testa china, la comunità si raffina

e come va? Che facciamo stamattina?

la vedo bene oggi, mica stiamo moggi, moggi

facciamo un giro al centro e rimettete gli orologi

pare Bastogi quanta gente alle assemblee

dall’università al senato le migliori idee

lì è ressa, polizia al solto benmessa

pur sempre polizia, per definizione: gente fessa

premiamo sul portone in mezzo alle transenne

ci vogliono i bei gesti oltre che belle penne

E’ stato bello? Avoija! E’ stato bello? Avoija!

E lo rifamo? Avoija! Avoija!

Andate nelle scuole, formate i collettivi

organizzate la rivolta finché siete vivi

andate nelle scuole, andate nelle scuole

ne ammazzano più 10 penne che 10 pistole

sai dove è l’Akbazia? e dove è la Shriraz?

e perché il petrolio va su e giù e cos’è il solare e il gas?

chi lo sa? Dove sta? Meglio non saperlo

vogliono che lasci scuola e che ragioni come un merlo

il cervello non lo ama chi ha paura che reclama

ma noi siamo Einstein e anche Dalai Lama

e anche Che Guevara e niente ci separa

non c’è tetto alle iscrizioni né alle ambizioni di chi impara

così imparo arabo, cinese e portoghese

così va il mondo, gira il mondo e abbiamo ste pretese

se non c’è scambio non c’è conoscenza

e lo scambio lo vogliamo adesso e non abbiamo più pazienza

abbiamo sete di sapere, vogliamo bere

ce ne faremo un mestiere, perché sapere è potere

noi abbiamo scelto e non molliamo mai

la massa il massimo che sceglie è tra mediaset e sky

E’ stato bello? Avoija! E’ stato bello? Avoija!

E lo rifamo? Avoija! Avoija!

Andate nelle scuole, formate i collettivi

organizzate la rivolta finché siete vivi

andate nelle scuole, andate nelle scuole

ne ammazzano più 10 penne che 10 pistole

pubblica, laica e solidale

noi la vogliamo pubblica, laica e solidale

a questi gli andrà male, finché ci siamo noi la scuola

sarà sempre pubblica, laica e solidale

e io lo afferro il senso lo afferro pezzo a pezzo

e leva il crocefisso e il minuto di silenzio

finché ci siamo noi a questi gli andrà male

e la scuola sarà sempre ricca, laica e solidale

ASSALTI FRONTALI


Popolo sei schiavo

"Sa boghe longa"

di Daniele Sepe
voce Nico Casu da "Spiritus Mundi" 1995

 

Popolu ses isciau,
fadigas e sudore
cunsacra pro capritzos e disizos.

E tue sentza pane,
istancu, famidu e nudu,
no altzas de disdinnu una protesta.

Ses peus de su cane,
vilmente servis e mudu,
linghes sa manu ingrata e faghes festa.

E tue gràsciu iscrau
chi su ricu sennore
faghet a palas tuas cun fastizu.

E tue senza pane,
istancu, famidu e nudu,
no altzas de disdinnu una protesta.

Popolu ses isciau
de custa zente ischiva

e tue famidu gridas viva e viva!

Popolo sei schiavo,
fatica e sudore
sacrifichi per gli altrui vizi e capricci.

E tu, senza pane
stanco, affamato e nudo
non alzi di sdegno una protesta.

Sei peggio del cane
che servi con viltà zitto
lecca una mano ingrata e gli fa festa.

E tu grossa pancia
che il ricco signore
fa' alle tue spalle con fastidio.

E tu, senza pane
stanco, affamato e nudo
non alzi di sdegno una protesta.

Popolo sei schiavo
di questa gente viscida
ed affamato gridi:
Evviva Evviva!

 
Daniele Sepe – SPIRITUS MUNDI da "libreria neapolis" 

Daniele Sepe (Napoli, 17 aprile 1960), sassofonista e compositore italiano.
Si diploma in flauto al Conservatorio "San Pietro a Majella" di Napoli. Dopo alcuni anni di esperienza prima come come flautista classico, poi come sassofonista turnista, nel 1990 realizza il suo primo album autoprodotto: Malamusica. I suoi album incontrano fin da subito il parere favorevole della critica, ma è soltanto col quarto, Vite Perdite (1993), realizzato dalla Polosud e distribuito in tutto il mondo dall'etichetta tedesca Piranha, che le vendite decollano. Nel 1996 pubblica Viaggi fuori dai paraggi, la sua prima antologia, con la quale ha inizio una collaborazione con Il Manifesto che dura tuttora. Nel 1998 l'album Lavorare stanca gli frutta la targa Tenco come migliore album in dialetto. Nel 1999 partecipa al progetto La notte del Dio che balla con – tra gli altri – Teresa De Sio e Vinicio Capossela. Numerose sono le sue collaborazioni con altri musicisti (La Banda Improvvisa, Ensemble Micrologus) e con registi cinematografici e teatrali (Mario Martone, Davide Ferrario, Gabriele Salvatores – Amnèsia -, Enzo D'Alò). Difficile definire la sua musica, sempre in bilico tra reggae, folk, world music, jazz, rock, fusion, blues, musica classica… una sua caratteristica costante è il modo quasi "zappiano" di affrontare la scrittura e l'arrangiamento.

tratto dal gruppo daniele sepe facebook


Contro la guerra!

Generali
Franciscu De Gregori

Generali agoa de su cùcuru
ddui est notti crucca e bocidora
e in mes''e pardu una messaiedda
incrubada a iscurigada parit pipia
de cincuant'annus e de cincu fillus
nàscius totus a tipu cunillus
partius a giru cumenti sordaus
e no ancora torraus

Generali agoa de istatzioni
ddu bis su trenu chi bandat a su soli
no si frimat prus mancu po pisciai
bandaus deretus a domu chentz''e prus pensai
chi sa gherra est bella mancai fatzat mali
chi eus a torrai torra a cantai
e a si fai fastigiai, fastigiai de is infermieras

Generali sa gherra est ispaciada
su nemigu est fuiu, bintu, acabau
agoa de su cùcuru no ddui est prus nemus
sceti agùlias de pinu silèntziu e cardulinu
bonus po papai bonus po sicai
po fai sa bànnia po paschixedda
candu is pipius prangint
e a crocai no ddui bolint andai

Generali custus cìncu isteddus
custas cìncu làgrimas apitzus de sa peddi
ita sensu tenint aintru de su sonu de custu trenu
mesu bùidu e mesu prenu
e bandat lestru fàcias a sa torrada
dus minutus ancora est giai obrèsciu
est giai domu, est giai amori

Generale – Francesco De Gregori

Generale, dietro la collina
ci sta la notte crucca e assassina,
e in mezzo al prato c'è una contadina,
curva sul tramonto sembra una bambina,
di cinquant'anni e di cinque figli,
venuti al mondo come conigli,
partiti al mondo come soldati
e non ancora tornati.

Generale, dietro la stazione
lo vedi il treno che portava al sole,
non fa più fermate neanche per pisciare,
si va dritti a casa senza più pensare,
che la guerra è bella anche se fa male,
che torneremo ancora a cantare
e a farci fare l'amore, l'amore delle infermiere.

Generale, la guerra è finita,
il nemico è scappato, è vinto, è battuto,
dietro la collina non c'è più nessuno,
solo aghi di pino e silenzio e funghi
buoni da mangiare, buoni da seccare,
da farci il sugo quando è Natale,
quando i bambini piangono
e a dormire non ci vogliono andare.

Generale, queste cinque stelle,
queste cinque lacrime sulla mia pelle
che senso hanno dentro al rumore di questo treno,
che è mezzo vuoto e mezzo pieno
e va veloce verso il ritorno,
tra due minuti è quasi giorno,
è quasi casa, è quasi amore.

                                      


Siamo tutti pastori. Buon anno nuovo

Semus totus pastores. Bon'annu benidore

Terminare un anno con una poesia di Raimondo Piras credo sia doveroso. Anzitutto per la levatura poetica di Remundu e per la grandezza della sua opera culturale in terra sarda. La poesia parla di un lavoro,oserei dire "una missione", di un mestiere, difficile, antico e dignitoso del popolo sardo: il pastore. Ultimamente si è letto di frequente nei giornali la frase "siamo tutti pastori". Credo che in questa poesia ci sia tutto il senso e la profondità dell'essere e del sentirsi pastore, nel più profondo dell'animo, nel dna, come lo è per me, pastori da generazioni. Io mi onoro di appartenere a questa tradizione, a questo mondo, anche se poi, ho scelto di fare altro. Però so, sento, capisco, i patimenti del pastore di oggi, fra il martello della globalizzazione e l'incudine della legislazione europea. Buttato in campagna dalle prime luci dell'alba, fino al tramonto, senza ferie, feste comandate da passare in tranquillità coi suoi cari, perché quello che conta è il ciclo biologico della pecora, che imprime tempi e modalità. Il pastore è anzitutto, obtorto collo, "ostaggio" della pecora, ne deve seguire i suoi ritmi, a poco valgono e varrebbero i moderni computers, di fronte ad un "mestiere" millenario, il pastore è insostituibile dalle macchine, poiché conosce tutto dei suoi capi, dalla camminata sa se la pecora patisce qualche malanno, dalle nuvole conosce le intemperie ed i rovesci di tempo che si avvicinano, tali da fargli cambiare programma in tempi stretti, far pascolare il gregge all'esterno in un certo terreno piuttosto che in un altro, ovvero tenerle in stalla. Tutto per arrivare al frutto, al prodotto, mal pagato, vituperato, non considerato in un mondo che pensa solo al profitto, alla quantità,non alla qualità. In poche parole è offensivo ed è vergognoso che un litro di latte costi quanto un litro d’acqua!
L'auspicio, quindi, è che il mondo pastorale, che finalmente ha preso coscienza "collettiva", si è fatto movimento, riottenga quella dignità quella centralità quella importanza che merita, senza la quale, il mondo che lo circonda non può farne a meno.

Semus totus pastores
 


Pastore Antigu
(Remundu Piras)

Paschet ferrada e bella ch'est ammiru
s''ama, bonificada in sa laguna:
in mesu, a fust'in balva che coluna,
e-i su tazu li paschet in giru

chi li dat ite fagher e regiru
batindendel'a domo sa fortuna.
PO las abintinnare a una a una
in paschimenta li 'enin a tiru:

sas belveghes lu melan e fiagan,
issu sa manu in rènules lis passat
lischendelis sa chirra fita e neta,

ca cussa sudditànscia mansueta
est sua, nd'est gelosu e las ingrassat
ca su tributu a bonu coro pagan.
(22/08/1972)

Pastore Antico

Pascola coi campanacci bella da ammirare
il gregge, bnificata nella laguna:
in mezzo, bastone sotto barba come colonna,
il gregge gli pascola intorno

che gli da da fare e lo impegna
portandogli a casa la fortuna.
Distinguendole ad una ad una
che durante il padcolo gli vengono a tiro:

le pecore lo belano e lo annusano,
lui le mani nel manto gli passa
lisciandogli la lana fitta e pulita,

che quella sudditanza mansueta
è la sua, ne è geloso e le ingrassa
che il tributo di buon cuore pàgano

.

                                  


Son tornato anche stanotte …

Notti De Provìncia

Notesta puru seu torrau

bellu obertu est su portali

e-i custas iscalas funt limpiadas aicci beni

mancai siat ierru s’àiri gei est frisca

sa notti a colori ‘e xelu apitzus ‘e is croberturas

e is fentanas funt dromias

totu cantu est beni acabidau

e no parit de aicci mala

ma tèngiu gepidus in giru de pagai

e medas amigus funt lassendumì a una parti

impari cun su tempus si funt fuendi is bisus

s’amori allupau in d’una tassa ‘e binu

e cras est giai giai che ariseru

no passant trenus a tretu

ma ita ‘olis

naru meu ca est sempri una citadi pitica

e crasi mi nd’andu

s’arti si strisiat prus atesu

custus barrixeddus faint ischifu

e in cust’infadu chi mi stontonat

deu scadèsciu

at a passai custu tempus

de aicci susuncu e marriu

po imoi no sciu anca atru jassu andai

r-2689285-1299431842-jpeg

Vinicio Capossela

> Notte Di Provincia

<<Modì (1991)>>

Son tornato anche stanotte

il portone è bell’è aperto

e queste scale così ben pulite

l’aria è fresca anche se è inverno

la notte è azzurra sopra i tetti

e le finestre sono addormentate

tutto quanto è proprio a posto

e in fondo non va così male

ma ho da pagare in giro un po’ di soldi

e sto perdendo molti amici

i sogni scappano e insieme il tempo

l’amore affoga nel bicchier di vino

e domani è sempre un poco ieri

non passan treni qua vicino

ma che vuoi

è una piccola città mi dico sempre

e domani me ne vado via

l’arte si fa più lontana

questi locali fanno schifo

e in questa noia che mi stordisce

io dimentico

passerà anche questo tempo

così avaro e così stanco

per ora non so dove altro andare…

 


In mesu de s'arena 'e s'oceànu

Apustis de unu mesi de uspidali
unu mengianu si ndi pesat de su letu
e asuta de i peis
invecis de una lastrixedda de pamentu
agatat s'arena 'e s'oceànu
aprontendi is ogus fàcias a luxi forti
iat cumentzau a caminai oru 'e su mari
no cumenti marineri strecau de is arregodus
nè cumenti banduleri
ma cumenti sordau chentz''e cunfortu de un'epopea de ponni in mesu
e nemus afùrriu cun sa pròpriu divisa

gira gira asuta de su soli callenti
iat boddiu conchìllias luxentis
creendi dònnia borta
de àiri agatau sa prus bella

po-i custu iat pentzau cosas pagu drucis
apitzus de s'umanidadi
e po certus fastìgius de issu de ora meda

Si ndi fut torrau a mes''e abrili
cunvintu chi sa vida
iat potzia essi inserrada
in d'unu cuadrixeddu de mari

Massimo Volume da "Cattive abitudini" – 2010

Tra la sabbia dell'oceano.

dopo un mese trascorso in clinica
una mattina si tirò giù dal letto
e sotto i piedi
invece delle piastrelle del pavimento
trovò la sabbia dell'oceano
abituò la vista alla luce accecante
e prese a camminare lungo la riva
non come un naufrago oppresso dai ricordi
né come un turista
ma come un soldato senza il conforto di un'epopea da condividere
e nessun altro intorno con la sua stessa divisa

vagò per giorni sotto il sole cocente
raccolse conchiglie lampeggianti
credendo ogni volta
di avere trovato la più bella

questo lo portò a elaborare amare considerazioni
sulla condizione umana
e su certi suoi amori di un tempo

tornò che era ormai aprile
con la convinzione che la vita
potesse essere tranquillamente racchiusa
in un banale quadretto balneare

 

Massimo Volume – Cattive Abitudini .. i testi

Massimo Volume – Cattive Abitudini le tracce da ascoltare