Archivi categoria: Uncategorized

Puzone in su ‘ilu (Bird on the wire)

Puzone in su ‘ilu

Comente inbriagu in cuncordu a mesunotte
Apo chircau a manera mea de èssere lìberu.
Comente erme in s’amu
Comente cadderi in carchi libru antigu e colau
Apo chistiu corriolos meos pro tene.

Si no soe istètiu zustu
Speremus chi as a poder lassare currere
Si no soe istètiu sìncheru
Speremus chi apas a ischire ca no fui nande a tue.

Comente pitzinnu nàschidu mortu
Comente fera cun corru
Apo istrantzau totu sos chi mi cherian sighire.
Ma ti lu zuro in supra ‘e custa canthone
E in supra totu si chi apo faddiu
Ca ap’a donare totu a tibe.

Apo bidu unu pedidore arrumbau a unu fuste de linna
M’at narau “no depes pedire meda”.
E una grassiosa ‘emina incrarada in sa zenna iscura.
A boghes m’at narau “Poite no dimandare de prus?”.

Comente puzone in su ‘ilu
Comente inbriagu in cuncordu a mesunotte
Apo chircau a manera mea de èssere lìberu.

Like a bird on the wire

Leonard Cohen

Like a drunk in a midnight choir
I have tried in my way to be free.
Like a worm on a hook
Like a knight from some old-fashioned book
I have saved all my ribbons for thee.

If I have been unkind
I hope that you can just let it go by
If I have been untrue,
I hope you know it was never to you.

Like a baby stillborn
Like a beast with his horn
I have torn everyone who reached out for me.
But I swear by this song
And by all that I have done wrong
I will make it all up to thee.

I saw a beggar leaning on his wooden crutch,
He said to me, “You must not ask for so much.”
And a pretty woman leaning in her darkened door,
She cried to me, “Hey, why not ask for more?”

Like a bird on the wire
Like a drunk in a midnight choir
I have tried in my way to be free.

passero_02_filtered_br_2011101119229_passero_02_filtered_br

Leonard Norman Cohen (Montréal, 21 settembre 1934Los Angeles, 7 novembre 2016)

R.I.P. Leonard  …  Comente puzone in su ‘ilu

Annunci

Atonzu in Sardinna

Un haiku solo
Idi d’autunno
Ti salvano il cuore

https://bardaneri.wordpress.com/2014/02/15/verba-ludica-in-haiku/Image for transumanze


Stop al panico – fermiamo i muri

Il muro di Berlino è rimasto per 28 anni, dal 13 agosto del 1961 fino al 9 novembre 1989. Per mezzo secolo i mass media hanno parlato e continuano a parlare di questo muro, spaccandoci le palle su quella mostruosità. Quindi il muro di Berlino fa parte del passato. Buttato giù, chiuso.
Oggi. L’Ungheria vuole alzare un muro anti-migranti, così vorrebbero fare gli altri Paesi quali la Polonia l’Ucraina e magari la Francia l’Italia ecc. ecc.. A questo aggiungiamo quella mostruosità che Israele ha costruito in Palestina a partire dalla primavera del 2002. Tutto in funzione della parolina magica “sicurezza”.
I signori della guerra (l’Occidente) armano l’Oriente per tenerci in uno stato di allerta permanente e, con quella parolina magica, stanno riducendo i nostri diritti. Tu sei convinto che chiudendoti il “nemico” non arriva e starà fuori dal tuo recinto. Sbagli! Il nemico è in casa ed alimenta la tua paura. Intanto vende armi a chi “minaccia” la tua sicurezza. Ma tu sei una brava persona e ti barrichi dentro, tanto tutto il resto non conta, fuori il resto non conta.

<<Quante brave persone, tutte bene vestite, tutte bene educate, timorate di Dio, …. Quante brave persone
Quante brave persone, nelle loro casette, con le belle famiglie, tutte bene ordinate, tutto il resto non conta, fuori il resto non conta, … Quante brave persone
Quante brave persone, che poi arrivano a casa, e chiudono bene la porta, e si barricano dentro, fuori il resto non conta, tutto il resto non conta
le notizie da fuori, le ricevono solo, attraverso i canali, del modello 38 a colori (Quante brave persone – E. Bennato)>>


Ultimo frammento – Raymond Carver

Urtimu ancodeddu

E nd’asi tentu su chi
‘oliast de custa vida, fora de totu?
Eya.
E ita est chi ‘oliast?
De mi pòdiri nàrriri istimau, de m’intendi
istimau in sa terra.

Ultimo frammento
(Raymond Carver)

E hai ottenuto quello che
volevi da questa vita, nonostante tutto?
Sì.
E cos’è che volevi?
Potermi dire amato, sentirmi
amato sulla terra.

Carver.gif


eroi?!

We can beat them, for ever and ever
Oh we can be Heroes,
just for one day


Rossella Urru è libera

Rossella libera!

su questa felice affermazione, con grande commozione e felicità, riprendo a scrivere sul mio blog, continuazione dell’altro in splinder, purtroppo lasciato perchè la piattaforma, manco fosse una di quelle petrolifere, si è disintegrata. Più volte ho avuto la tentazione di scrivere, molte cose mi frullano per la testa. Ultimamente ho osservato, in particolare m’est costau curiosidadi, mi ha incuriosito, l’indolenza di chi non ha lavoro, o di chi ce l’ha ma sembra che nulla stia accadendo. Lo spending review, lo spread, e tutte quelle diavolerie inventate da chi ha l’interesse di tenerci sotto pressione, in nome della crisi, ce la sta schiaffando nel fondoschiena. I nostri diritti alienati a quei quattro banchieri bocconiani che con le loro “ricette” credono, vogliono farci credere, si possa riacquistare chissà quale fiducia. Intanto paga sempre Pantalone. Loro sanno bene che fanno: un golpe, un colpo di stato capitalistico in maniera indolore, soft, manipolano la Costituzione e le Leggi, frutto di sacrifici umani e della lotta di liberazione dei partigiani. Col plauso e placet del PD che tutto è tranne un partito di sinistra.

Tutto al macero? spero di no. C’è sempre il modo e la forza e la determinazione di ribellarsi, perchè ribellarsi è giusto? oppure no? Non lo so, so che se non ci diamo una mossa anche la possibilità di scrivere in un blog, presto, sarà negata

In mezzo a questo mare magno di non-notizie, una ci fa tornare a sorridere, il ritorno di Rossella.

Bentornata!

Image


adiosu zente nos bidimos

oje tramudo in s’àtera domo, mi ponzo su bagàlliu e sos trastos in su carru e comintzo a ponner totu in sos paristazos de sa domo noba. Si benies a n’acatare sezis totus benebennidos cumente chi siazes in domo bostra. a menzus bider. Adiosu
sa domo noba est in
https://bardaneri.wordpress.com/

Oggi trasloco nella nuova casa. mi metto il bagaglio e gli abiti nel carro e inizio a sistemare negli scafali della casa nuova. Se venite a trovarmi siete tutti benvenuti come se foste a casa vostra. Arrivederci. Ciao
la nuova casa è in
https://bardaneri.wordpress.com/


carrasecare

"Balla chi como benit carrasecare a nos iscutulare sa vida. Tando tue podes fintzas irmenticare totu s’affannu mannu ‘e sa chida."
In altri tempi questa esortazione del noto brano dei Tazenda a lasciarti andare nel periodo carnevalesco al punto da farti dimenticare  gli affanni e le preoccupazioni di una settimana sarebbe stata davvero  positiva. Ma nell'oggi dove il carnevale è la realtà con un clown e il suo codazzo di pupi nani e ballerine e i suoi squallidi servitorelli fanno del carnevale un pilastro del loro programma amministrativo, dove la realtà supera la fantasia, dove ti pare davvero di vivere in una Goddam City da incubo, dove il clown anzichè divertire ti comanda ed imprime i canoni dell'etica e della morale in una ottica rovesciata. Ebbene se penso che questi giorni è carnevale, beh! spero che presto finisca e si porti via queste maschere orribili, questi incappucciati al potere. Perciò vi dico ridatemi il carnevale della mia infanzia, cherzo su carrasecare de cando fui minoreddu.

Cambiare si può .Basta volerlo


 


Blog in sciopero: "rumoroso silenzio" contro il decreto Alfano


Istrales…colpi di scure

Un’Istrale a sos cumpanzos
chi cumpanzos non sun’ prusu
como atenden sos istranzos
cara a terra e fundu a susu.

ISTRALES (Piero Marras)

Oggi mi va di ascoltare il nostrano Piero Marras (canta-autore, di spessore)….se vi va fatte un giro in rete per sapere/conoscere chi è. Merita. In questo mondo di ciechi muti e sordi

Istrales…

tzafos de istrale in totube, e amus a narrer ca bat zente meda chi nde meritat


Istrales (Piero Marras)

Un’Istrale a sos cumpanzos
chi cumpanzos non sun’ prusu
como atenden sos istranzos
cara a terra e fundu a susu.

Un’Istrale a sos cumpanzos
chi non lassen su masone
e una bella surra ‘e punzos
gai torramus a cumone.

Un’Istrale a sos cantores
de su binchidore nou
razza mala ‘e brincadores
chi in totube faghen s’ou.

A sos bator moriteddos
chi los truvet s’istoria
che puntorzu a sos poleddos
gai lis torrat sa memòria.

A sa corte printzipale
chi sos Sardos cheret mudos
chene limba naturale
gai non semus limbudos!

A sos òmines de nudda
sos chi furan sa zente
chene coro e chene tudda
furan puru s’innotzente
Un’istrale a tie cumpare
disizosu e abramidu
chi pro fagher su dinare
fintzas s’anima es futidu.

Un’istrale a tie cumpare
e unu rayu mannu mannu
cun s’inferru a murrapare
chi t’accaten intro s’annu.

Ammentaebos cuss’istrada
cuss’istrada ‘e malasorte
chi Feliza es’ numenada
sinde riet puru sa morte.

Ammentaebos cuss’istrada
ammentaebos sas ruches
bos amparet sa torrada
Deus in nottes chene luches

Bi nde cheren de cosinzos
a la cùrrere sa vida
tra suore e pistichinzos
isetende sa bessida.

Bi nde cheren de cosinzos
ma b’at chie, sende sintzeru,
custa vida de meschinzos
l’es currende iscurtzu aberu ..

isetende sa bessida

Bi nde cheren de cosinzos
ma b’at chie, sende sintzeru
custa vida de mischinzos
l’es’currende iscurzu a beru..

Piero Marras (pseudonimo di Piero Salis) è nato a Nuoro nel 1949 ma le origini sono di Sassari e Cagliari l’ha fatto suo.
E’ considerato il precursore e l’esponente più importante dell’esperienza musicale etnica regionale. E’ pur vero che tanti testi delle sue canzoni sono in lingua italiana, soprattutto quelli dei primi anni di attività: testi apprezzati dal pubblico e dalla critica, testi che gli sono valsi importanti riconoscimenti.
Nasce discograficamente nel settembre del 1978 con l’album “Fuori campo”, edito da EMI. L’album, che è la mediazione tra il suo passato e i lavori a venire, viene segnalato da Renzo Arbore nella trasmissione televisiva cult del momento, "L’altra domenica", dove Marras canta l’oramai divenuta celebre “Diglielo tu Maria”, a metà strada tra canzone impegnata e leggera.
Nel 1980 esce il suo secondo LP “Stazzi Uniti”, ironico riferimento alla sua terra d’origine.Il disco entra velocemente in Hit parade.
Nel 1982 vince la Vela d’Argento alla Mostra Internazionale della Musica di Riva del Garda per il suo terzo album "Marras". Fra i brani più significativi dell’album “Quando Gigi Riva Tornerà”.
Ma è con la rivisitazione delle sonorità tradizionali e della lingua degli antichi nuragici che Piero Marras ha saputo fondere, in un connubio felice, il codice, i ritmi e i profumi dell’isola. Lui stesso ama definirsi, non a caso, un cinghiale. Il cinghiale per eccellenza, diremmo noi, capace di fiutare le radici della tradizione e della storia di questa terra ubriaca di mare e di verde.
Ubriaca di canto e di poesia.
Nel 1985, con "Abbardente", i versi "in limba" diventano protagonisti del suo messaggio. "Abbardente" (Acqua ardente), è senza dubbio uno dei primi e felici esempi di world music mediterranea. Dall’acqua che brucia a quella fresca che sgorga dalle sorgenti barbaricine passano appena due anni.
Con "Funtanafrisca" (acqua fresca di fonte), scritto a quattromani col giornalista Paolo Pillonca, Marras apre al sociale. Il verso poetico diventa strumento d’analisi della società sarda, delle sue gioie e dei suoi dolori. "Osposidda" e "Domos de pedra" ne sono una bella testimonianza. Il 1988 è l’anno di “Piero Marras in concerto”, suo primo album live. Seguono gli anni e nel 1995 esce l’attesissimo “Tumbu” con l’omaggio a Maria Carta in “Sa oghe ‘e Maria” e a Franceschino Satta in “Bae luna”. Con quest’ultima le tematiche più care a Piero Marras riemergono prepotenti: la pace e l’amore, le guerre e gli odi secolari, ………. i bambini. Anche per questo motivo il cantautore sardo, il nostro “cinghiale”, merita attenzione. Per questo ha meritato che i ragazzi delle scuole di Sassari, che non conoscono "sa limba", l’abbiano cantato, l’abbiano studiato, l’abbiano inserito fra i poeti del loro album. Nel 1997 pubblica in cd una nuova edizione del suo primo album “Fuori campo”, arricchito per l’occasione di due brani inediti (Si Deus cheret e Notte lituana). Nel 1998 si esibisce con successo a Cuba nell’ambito della rassegna Ichnos. Nel 1999 la casa editrice Soter pubblica la sua prima biografia intitolata “L’artista e il cinghiale”, curata da Antonello Musu. Nello stesso anno scrive per Andrea Bocelli “A volte il cuore” brano inserito dal tenore toscano nel suo album di maggior successo “Sogno”.
Nel 2000 incide con Dionne Warwick “Sa ‘oghe ‘e Maria”- “The voice of Maria” e assieme all’artista americana, lo stesso anno, si esibisce presso la Sala Nervi in Vaticano: la performance viene trasmessa in mondovisione su Canale 5.
Nel 2001 pubblica il suo ottavo album “In su cuile ‘e s’anima” (Nell’ovile dell’anima), che contiene anche il brano cantato con Dionne Warwick. Nel mese di maggio 2001 riceve una
nomination particolare al “Premio Nastro d’argento” da parte del Sindacato dei Giornalisti Cinematografici Italiani per la canzone “Anghelos” inserita nel film “Un delitto impossibile” di Antonello Grimaldi. Nel Luglio dello stesso anno a Porto Cervo riceve dalle mani di Randy Crawford (regina della musica soul) il Disco d’Oro per le vendite del singolo “Sa oghe‘e Maria”.
Nel Gennaio 2003 esce la sua prima "raccolta" di successi in lingua sarda dal titolo “B’est” (in dialetto sardo “c’è”). A Marzo dello stesso anno riceve a Sulmona il PREMIO INTERNAZIONALE IGNAZIO SILONE “per l’alto valore culturale delle sue canzoni in lingua sarda". Fra i premiati anche Marco Pannella e Aldo Forbice. A Luglio Beppe Severgnini dalle pagine de Il Corriere della Sera lo include fra i venti artisti italiani da lui più amati: “Fuori campo di Piero Marras è davvero bello e utile per capire la Sardegna”. Nel 2004 esce una raccolta dei brani in lingua italiana dal titolo “L’ultimo capo indiano” contenente tutti i successi di Piero Marras dal 1978 al 1982, più due canzoni inedite: “Una vita di più” e “Basta chiudere gli occhi”.