Archivi categoria: Uncategorized

Ur è a casa, nella terra del ballo tondo

62895

Rientrare dopo tanto girovagare gli dà una forza inspiegabile. Una sensazione magica nel turbinio di ricordi e sensazioni. Ha dovuto affrontare mille difficoltà e pericoli.
Nella sua casa c’è arrivato a piedi, è una mattina di primavera, gli alberi pieni di gemme che pare sorridano al tuo passaggio. Il pergolato avrebbe bisogno di una potatura, i tralci sono cresciuti e per troppo tempo disordinati, con le punte che cercano di infilarsi sotto le tegole minacciandone la stabilità. Ancora non si è diradata la nebbia. Dopo tutte quelle inaspettate giornate di pioggia la terra, riscaldatasi coi mattutini raggi di sole, esalta il suo profumo, quasi dimenticato; le goccioline di rugiada che scendono dall’albicocco, quello che piantò prima di partire, sembrano lacrime di commozione, o di emozione, al suo passaggio. Che l’abbia riconosciuto? credo di si. La natura ricorda. Anche lui ricorda. Di quando la nonna intrecciava l’asfodelo con quel profumo particolare. Immersa nella nuvola di silenzi e di concentrazione. Ricorda quando andava col padre a raccogliere l’asfodelo in piccole fascine, caricate nel bagagliaio ed al rientro messe a rinsecchire. Nel lavoro di intreccio di volta in volta la nonna immergeva le stecche d’asfodelo nelle bacinelle d’acqua per rivitalizzarle e renderle morbide e flessibili per il lavoro. Tutti quei passi, fianco a fianco col padre, in campagna, a ricercare le zone migliori laddove l’asfodelo cresceva rigoglioso e verde. Ora è all’ingresso della casa. Quella della sua infanzia. Ha attraversato l’arco del cortile. Fuori i pezzi di quella macina del grano azionata dall’asinello con cui, da ragazzo, si divertiva a spronare nella corsa degli asinelli che si svolgeva d’estate. La casa, piuttosto modesta ha giusto tre stanze, una con la cucina e il forno, una la camera da letto dei genitori, l’altra dove dormivano lui e i fratelli. Dentro, ormai, non c’è più nessuno. I suoi genitori, trapassati a vita migliore, i fratelli trasferiti in nuove dimore, al passo coi tempi, con tutti i confort. Certo che, dopo tanti anni, non lo aspettano più, non sanno se è vivo e dove si trovi. Preferiscono ricordarlo come quando era ragazzo, coi suoi silenzi ma anche con i suoi scatti di umore improvvisi dove raccontava e fantasticava sul suo futuro.
E’ facile rilassarsi. All’ingresso quasi inciampava nel gradino di granito rosa, proprio in quel punto in cui, molti anni prima, era caduta una damigiana piena di vino scheggiando l’angolo centrale d’ingresso. Tutto quel vino perduto sembrò, allora, un brutto presagio. Ma presto tutti impararono ad evitare quel piccolo solco che ti faceva inciampare. La casa è quella che viene considerata “zona d’ombra”, irragiungibile coi normali mezzi di trasporto ma anche dalle onde elettromagnetice. Il suo cellulare, simbolo di un progresso che fa incontrare, che avvicina, ma che ti controlla. E lui non può, per ora, essere controllato. Deve di nuovo sparire. Dove sicuramente non verranno a cercarlo. Tanto di là, puoi capire, non ci abita più nessuno. Lui l’ha subito immaginata come un formidabile riparo contro le intemperie ma anche da chi lo vorrebbe eliminare. Per ora passerà giusto qualche giorno. Il tempo è clemente e, anche se la casa si trova in montagna, abbastanza confortevole coi suoi muri di granito che danno freschezza anche nelle giornate calde. Lontano si sente lo scampanio di un gregge. Nell’angolo opposto all’ingresso della camera da letto dei genitori una vecchia cassapanca. Dopo una esitazione iniziale la apre. Dentro ritrova la giacca di velluto nera a coste fini del padre. Legge la marca, Velluto Visconti. La infila lentamente. Gli cala a pennello. Nella manica sinistra un bottone quasi staccato da cui  penzolano due o tre centimetri di filo nero. Nelle tasche trova un pezzetto di carta ingiallita dove sono stati annotati il numero dei litri di latte del mese di aprile senza l’indicazione dell’anno. Nel foglietto alcune strofe di un sonetto che il padre cantava spesso con piacere e con trasporto emotivo. Una foto color seppia di quando andò alla visita di leva. Una raffica di vento lo desta dai suoi pensieri. Un rumore alle sue spalle, la finestra, dimenticata aperta, si schianta contro la parete, mandando in frantumi il vetro ingiallito. Restano alcune ragnatele, appese, dondolanti, e una parte del vetro. Lo sguardo, veloce, nel silenzio circostante, corre ad osservare come da terra verso il soffitto si levi  una processione di formiche, terminando verso la fessura della trave; ad un palmo dalla fessura un calabrone ha deciso di viverci turbinando nell’aria circostante col suo ronzio. Quella processione festante delle formiche gli ricorda la festa di Sant’Isidoro patrono dei contadini, lui alla guida del giogo di buoi di razza modicana abbellito da fiori e rose infilati nelle corna. Di nuovo osserva la finestra, che si muove leggermente avanti  e indietro col cigolio delle bandelle arrugginite, senza cedere alla tentazione di affacciarsi. Chiude lentamente lo scurino, domani ci penserà. Se sarà ancora lì.

Foto(8420)

Il vetro rotto
di Umberto Saba

Tutto si muove contro te. Il mal tempo,
le luci che si spengono, la vecchia
casa scossa a una raffica e a te cara
per il male sofferto, le speranze
deluse, qualche bene in lei goduto.
Ti pare il sopravvivere di un rifiuto
d’obbedienza alle cose.
E nello schianto
del vetro alla finestra è la condanna.

Questo post fa parte di un gioco di scrittura tra blogger, su parole scelte a turno dai partecipanti, organizzato su Verba Ludica.

 

Annunci

Adiosu Paolo Pillonca

Adiosu Pàulu Pillonca mastru de versos e de iscrituras … “como pasa e iscurta
sas boghes de su ‘entu”

4GkzfcMGQhbGCPO8D3KoSt

Album “Tumbu” [1995]- Testo di Paolo Pillonca – Musica di Piero Marras
 TRUMAS
“Una frunza ‘e murta
ti ponzo pro ammentu
como pasa e iscurta
sas boghes de su ‘entu
Cando no t’an a a lughere
sole, luna e isteddos
issas ti ch‘an a jughere
sos rànchidos faeddos.”
Sas animas de totu sos mortores
las truvan sos diàulos a trumas
sos prinzipales cun sos traitores
suta sa temporada paren grumas
Parizzos, in dilliriu
de ‘ochire s’anzone,
los tenia a inghiriu
che canes a murone
it’est chi lis at rendidu
a mi muzare s’ala?
Totu sos chi m’an bendidu
an tentu sorte mala
Sas animas de totu sos mortores
las truvan sos diàulos a trumas
sos prinzipales cun sos traitores
suta sa temporada paren grumas

Sono Ur, vengo dalla terra del ballo tondo (seconda parte).

Fortess_EU-1-412x300

Ho camminato per giorni e giorni, soprattutto la notte, ed ora sono sicuro di aver allontanato il pericolo corso in “Strade senza nome”. Ho cambiato i vestiti e nessuno dovrebbe essere in grado di capire da dove vengo e chi sono. Ho tolto un paio di anfibi e una giubba militare a chi, ormai, non servono più. Il sole ha fatto il resto, il mio viso è talmente scuro che potrei essere scambiato per un magrebino o un siriano. La barba incolta farà il resto.

Anche oggi una moltitudine di diseredati. Un caldo infernale. Sotto il sole a picco senza manco una pianta a darci un fazzoletto d’ombra. Giusto qualche rudere di case. A peggiorare le cose ci si è messo pure quel micidiale shuruq, quel vento che ti secca la gola, che alcuni paesi chiamano ghibli. Quel bollente scirocco che nella mia terra chiamano “bentu éstiu”. In genere porta pioggia, che sporca le macchine, le cose, il paesaggio, con quella pattina di terriccio. Ma tant’è. Mi devo abituare. Se sono fortunato riuscirò a passare il confine in poco tempo.

In questa terra di nessuno, la pioggia, dopo l’acquazzone di ieri notte, per tanto tempo ce la dovremo scordare. Ora siamo quì, ad urlare e inveire contro le guardie. Giusto per tenere alta la tensione e per imbrogliare il tempo. Quel maledetto reticolato non è una barriera insormontabile o irresistibile. Occorre attendere, pazientare. In genere dopo alcune ore i militari di guardia rallentano la sorveglianza. Dappertutto fanno così. E qualcuno a volte riesce a saltare e scappare. Oggi no. Hanno una certa strafottenza. Ci insultano nella loro lingua ma non c’è volontà di sparare.

A Melilla, ricordo, invece, che ci provammo in centinaia, sotto il sole. Cercando di passare quel maledetto confine. Giorni e giorni a provare. Poi l’assalto, in tanti, disperati. Sognando quell’Europa maledetta. A pochi passi. Momenti concitati, le urla, gli spari. Molti di noi ammazzati come cani. Poi più nulla. Il silenzio e la fuga.

Devo aver dormito per alcune ore. Forse sono svenuto. Prati verdi, tanti ciuffi di asfodelo con cui mia nonna faceva i cestini. Io, da bambino con una foglia di corbezzolo usata come un cucchiaino per assaggiare la schiuma del latte appena munto. Mio padre che fa il formaggio raffermando lentamente la caseina nel fondo della caldaia, da tagliare a fette e mettere nelle forme per poi adagiare il formaggio nella salamoia.  Lo scampanio delle pecore. Il profumo di timo, base di quella mistura che in Palestina chiamano zahatar.

Ricordo queste cose e sento i profumi e gli odori. Il gusto semplice delle cose accadute. A volte è come se vivessi degli incubi, ma sono accadute. Ho passato diverse frontiere. Scappando. In eterno trasmigrare. Sfuggendo alla cattura. Ho avuto diverse identità. Mi sono persino finto sordomuto, in una delle diverse rotte balcaniche dove l’obiettivo è sempre lo stesso: Europa.

Quella volta, ricordo, camminammo a centinaia seguendo la ferrovia, per chilometri. Arrivati a quella che doveva essere, un tempo, una stazione molto trafficata, dove la ruggine regnava fra i rottami e le sterpaglie e un vento gelido. Di fronte quel maledetto reticolato, a pochi passi un paletto con sopra un cartello segnaletico con scritto “confine invalicabile”, in diverse lingue. Lo stesso cartello attaccato a distanze regolari nella rete. Le guardie e i cani già pronti dall’altra parte. Con un incedere lento il nostro gruppo multicolore di diseredati della terra cercava di guadagnare posizioni comode. Stranamente molta solidarietà. Ma è così fra chi è accomunato dallo stesso destino. Ci scambiavano poche parole, alcune accompagnate da gesti. Qualcuno apriva le bisacce per offrire quel poco che ancora aveva. L’attesa anche lì prima dell’assalto (al cielo) doveva essere lunga, impossibile capire i tempi, quindi meglio organizzarsi. In sottofondo la musica di un violino con una nenia che ricordava quelle melodie ripetitive che mi è capitato di sentire nei metrò, di una delle tante metropoli mitteleuropee, quando ero facoltoso. Già, ma questo l’ho già detto. Una donna che faceva parte del gruppo più compatto con un abito lungo e un hijab viola lentamente si avvicinò per offrirmi un pezzetto di dolce, dal gusto mi sembrava kunafa, un dolce con pasta phyllo, pistacci, sciroppo e crema; cercando di spiegarsi con frammenti di parole in inglese doveva essere quello ma da anni non lo assaggiavo.

Un rumore forte, forse un esplosione, spari. Qualcuno cercava di forzare la rete. Nella confusione alcuni gruppi premevano contro la rete, altri cercavano di tagliarla con tenaglie rudimentali. Le guardie che accorrevano in quel punto lasciavano sguarnito un tratto lungo della rete. In diversi punti si aprirono dei varchi. Nel frattempo reporters internazionali, spuntati dal nulla, ma era chiaro che dovevano essere da tempo fra di noi, stavano riprendendo tutto. Uno di questi incrociò il mio sguardo. Mi conosceva. Si vedeva da quel sorriso beffardo.

Scappare da quella situazione non è stato difficile. Ora sono a bordo di un pick-up, stipato con altri dieci. alla nostra destra una vecchia fabbrica di mattoni, alle finestre panni e stracci stesi. Nelle crepe del muro si intravedono sguardi perduti di bambini. Davanti polvere, deserto e distruzione. Non ho ben capito dove vogliono portarci. Chissà.

Questo post fa parte di un gioco di scrittura tra blogger, su parole scelte a turno dai partecipanti, organizzato su Verba Ludica

https://bardaneri.wordpress.com/2018/01/21/sono-ur-vengo-dalla-terra-del-ballo-tondo/

 


Sono Ur, vengo dalla terra del ballo tondo

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Quella parte del mondo non l’aveva mai vista nonostante il suo continuo peregrinare e scappare. Come un animale braccato era sempre in fuga al punto che non ricordava il motivo principale. Anzi i motivi, perché tali e tanti erano quelli che lo avevano inguaiato. Per buona parte della sua esistenza aveva partecipato volentieri alle feste comandate della sua comunità. L’ultima di cui il ricordo si era sbiadito, al punto da non ricordare se non pochi particolari, era la festa dell’epifania, che a casa sua preferivano chiamare la festa della befana, con tutti quei riti paesani che si tramandavano da molte generazioni. Quasi per gioco, dopo gli studi, iniziò una attività che gli aveva consentito una vita agiata, nel lusso. Ma non durò molto. Il suo socio, che si occupava della contabilità, lo mise in mezzo ad una montagna di guai. Il socio scappò senza lasciare traccia con un buco societario spaventoso da cui scaturirono risvolti penali. Questo aspetto si che lo preoccupava. Il fatto di non avere più nulla era il meno. Dunque con le poche banconote rimaste prese un biglietto aereo per sbarcare in uno di questi posti balcanici dove era sicuro di non essere rintracciabile. Aveva dovuto lottare per restare vivo. Ora era un altro che non esitava ad usare la violenza o ammazzare per non soccombere. I luoghi dove era stato li aveva dimenticati con tutte le persone conosciute, incontrate, perchè non doveva legarsi a niente. In attesa che il mondo si dimenticasse di lui. Lì, c’era arrivato quasi per caso. Dopo essere scampato ad una aggressione in un locale malfamato, tutti pronti a squartarlo per impadronirsi del suo orologio, ultimo orpello dei periodi più fulgidi della sua vita. C’era arrivato di notte. Una notte con la luna ormai calante da giorni, che illuminava, a tratti, quella parte di terra, perchè disturbata dalle nuvole, che minacciavano un temporale. Da lontano si vedeva un pezzo di collina sventrata, si distinguevano baracche, pezzi di muro di quella che doveva essere una residenza signorile, con muri di cinta, archi di tipo coloniale, un pozzo, recinti per cavalli, uno per la doma, altri edifici bassi per il ricovero degli animali. Tutto intorno, attaccate, ammassate, baracche, tende, ricoveri provvisori ricavati con teli di plastica e stracci. Più si avvicinava e più distingueva le persone che vi abitavano, o meglio si rifugiavano, coi visi illuminati dai fuochi accesi con materiali vari. Le lingue parlate incomprensibili, intorno ai fuochi, sentiva questi idiomi, diversi fra loro, di queste persone che si aiutavano anche a gesti per comunicare. Un odore acre di questi fuochi lo investirono giunto a pochi passi. Ma già da li intravedeva l’altra parte della collina, con un brulichio di disperati di diverse etnie, genti che scappavano e che proprio perchè quella terra di nessuno rappresentava il confine fra diversi Stati in guerra li aveva accolti, o raccolti; nelle loro intenzioni doveva essere una tappa momentanea, transitoria, per andare là dove c’era il sole, migliori condizioni di vita, la dignità umana. Intanto restavano intrappolati fra i reticolati che segnavano il punto invalicabile, pattugliato da soldati che non esitavano a sparare chi cercava di superarli. Iniziò a gironzolare fra le baracche alla ricerca di un telo di plastica o di qualcosa che lo avrebbe riparato dalla pioggia imminente. Quelli, tanti, che incontrava non si curavano di lui. Troppo impegnati a sopravvivere. Nel punto più riparato, dentro quello che era, forse, prima di essere bombardato, il loggiato della villa signorile, rimasto miracolosamente intatto, che si reggeva, fra un muro lesionato ed alcune travi del pezzo di casa distrutta, sentì alcuni parlare fra di loro, stette alcuni minuti in ascolto. Una voce l’aveva riconosciuta, quella inflessione dialettale era inconfondibile. Diceva che, avrebbero dovuto lasciare il posto, che chiamavano “Strade senza nome”, dove a quanto pare ci erano arrivati da qualche giorno. Era riuscito a carpire, sebbene fosse ad una certa distanza, che parlavano di un tale che cercavano e di cui avevano perso le tracce ma che, a quanto pare, era stato visto a pochi chilometri da “Strade senza nome”. La descrizione calzava a pennello. Era lui.

La giornata sembra più luminosa.Il cielo è sgombro di nuvoloni. Ora si trova in mezzo a un gruppo di esagitati che con un frastuono infernale si agitano e insultano le guardie al di là del reticolato, a diversi chilometri da “Strade senza nome”. Gli abiti indosso sono quelli presi ad un moribondo incontrato per strada. Ora si fa chiamare Goran. Che cambierà presto in Ur. Gli ricorda le sue origini della terra “in mezzo al grande mare tondo”, come il ballo.

Questo post fa parte di un gioco di scrittura tra blogger, su parole scelte a turno dai partecipanti, organizzato su Verba Ludica

https://bardaneri.wordpress.com/2018/02/23/sono-ur-vengo-dalla-terra-del-ballo-tondo-seconda-parte/

 


Puzone in su ‘ilu (Bird on the wire)

Puzone in su ‘ilu

Comente inbriagu in cuncordu a mesunotte
Apo chircau a manera mea de èssere lìberu.
Comente erme in s’amu
Comente cadderi in carchi libru antigu e colau
Apo chistiu corriolos meos pro tene.

Si no soe istètiu zustu
Speremus chi as a poder lassare currere
Si no soe istètiu sìncheru
Speremus chi apas a ischire ca no fui nande a tue.

Comente pitzinnu nàschidu mortu
Comente fera cun corru
Apo istrantzau totu sos chi mi cherian sighire.
Ma ti lu zuro in supra ‘e custa canthone
E in supra totu si chi apo faddiu
Ca ap’a donare totu a tibe.

Apo bidu unu pedidore arrumbau a unu fuste de linna
M’at narau “no depes pedire meda”.
E una grassiosa ‘emina incrarada in sa zenna iscura.
A boghes m’at narau “Poite no dimandare de prus?”.

Comente puzone in su ‘ilu
Comente inbriagu in cuncordu a mesunotte
Apo chircau a manera mea de èssere lìberu.

Like a bird on the wire

Leonard Cohen

Like a drunk in a midnight choir
I have tried in my way to be free.
Like a worm on a hook
Like a knight from some old-fashioned book
I have saved all my ribbons for thee.

If I have been unkind
I hope that you can just let it go by
If I have been untrue,
I hope you know it was never to you.

Like a baby stillborn
Like a beast with his horn
I have torn everyone who reached out for me.
But I swear by this song
And by all that I have done wrong
I will make it all up to thee.

I saw a beggar leaning on his wooden crutch,
He said to me, “You must not ask for so much.”
And a pretty woman leaning in her darkened door,
She cried to me, “Hey, why not ask for more?”

Like a bird on the wire
Like a drunk in a midnight choir
I have tried in my way to be free.

passero_02_filtered_br_2011101119229_passero_02_filtered_br

Leonard Norman Cohen (Montréal, 21 settembre 1934Los Angeles, 7 novembre 2016)

R.I.P. Leonard  …  Comente puzone in su ‘ilu


Atonzu in Sardinna

Un haiku solo
Idi d’autunno
Ti salvano il cuore

https://bardaneri.wordpress.com/2014/02/15/verba-ludica-in-haiku/Image for transumanze


Stop al panico – fermiamo i muri

Il muro di Berlino è rimasto per 28 anni, dal 13 agosto del 1961 fino al 9 novembre 1989. Per mezzo secolo i mass media hanno parlato e continuano a parlare di questo muro, spaccandoci le palle su quella mostruosità. Quindi il muro di Berlino fa parte del passato. Buttato giù, chiuso.
Oggi. L’Ungheria vuole alzare un muro anti-migranti, così vorrebbero fare gli altri Paesi quali la Polonia l’Ucraina e magari la Francia l’Italia ecc. ecc.. A questo aggiungiamo quella mostruosità che Israele ha costruito in Palestina a partire dalla primavera del 2002. Tutto in funzione della parolina magica “sicurezza”.
I signori della guerra (l’Occidente) armano l’Oriente per tenerci in uno stato di allerta permanente e, con quella parolina magica, stanno riducendo i nostri diritti. Tu sei convinto che chiudendoti il “nemico” non arriva e starà fuori dal tuo recinto. Sbagli! Il nemico è in casa ed alimenta la tua paura. Intanto vende armi a chi “minaccia” la tua sicurezza. Ma tu sei una brava persona e ti barrichi dentro, tanto tutto il resto non conta, fuori il resto non conta.

<<Quante brave persone, tutte bene vestite, tutte bene educate, timorate di Dio, …. Quante brave persone
Quante brave persone, nelle loro casette, con le belle famiglie, tutte bene ordinate, tutto il resto non conta, fuori il resto non conta, … Quante brave persone
Quante brave persone, che poi arrivano a casa, e chiudono bene la porta, e si barricano dentro, fuori il resto non conta, tutto il resto non conta
le notizie da fuori, le ricevono solo, attraverso i canali, del modello 38 a colori (Quante brave persone – E. Bennato)>>


Ultimo frammento – Raymond Carver

Urtimu ancodeddu

E nd’asi tentu su chi
‘oliast de custa vida, fora de totu?
Eya.
E ita est chi ‘oliast?
De mi pòdiri nàrriri istimau, de m’intendi
istimau in sa terra.

Ultimo frammento
(Raymond Carver)

E hai ottenuto quello che
volevi da questa vita, nonostante tutto?
Sì.
E cos’è che volevi?
Potermi dire amato, sentirmi
amato sulla terra.

Carver.gif


eroi?!

We can beat them, for ever and ever
Oh we can be Heroes,
just for one day


Rossella Urru è libera

Rossella libera!

su questa felice affermazione, con grande commozione e felicità, riprendo a scrivere sul mio blog, continuazione dell’altro in splinder, purtroppo lasciato perchè la piattaforma, manco fosse una di quelle petrolifere, si è disintegrata. Più volte ho avuto la tentazione di scrivere, molte cose mi frullano per la testa. Ultimamente ho osservato, in particolare m’est costau curiosidadi, mi ha incuriosito, l’indolenza di chi non ha lavoro, o di chi ce l’ha ma sembra che nulla stia accadendo. Lo spending review, lo spread, e tutte quelle diavolerie inventate da chi ha l’interesse di tenerci sotto pressione, in nome della crisi, ce la sta schiaffando nel fondoschiena. I nostri diritti alienati a quei quattro banchieri bocconiani che con le loro “ricette” credono, vogliono farci credere, si possa riacquistare chissà quale fiducia. Intanto paga sempre Pantalone. Loro sanno bene che fanno: un golpe, un colpo di stato capitalistico in maniera indolore, soft, manipolano la Costituzione e le Leggi, frutto di sacrifici umani e della lotta di liberazione dei partigiani. Col plauso e placet del PD che tutto è tranne un partito di sinistra.

Tutto al macero? spero di no. C’è sempre il modo e la forza e la determinazione di ribellarsi, perchè ribellarsi è giusto? oppure no? Non lo so, so che se non ci diamo una mossa anche la possibilità di scrivere in un blog, presto, sarà negata

In mezzo a questo mare magno di non-notizie, una ci fa tornare a sorridere, il ritorno di Rossella.

Bentornata!

Image